Maldive – Cullati dalla brezza a Siyam World

Atollo di Noonu, 45 minuti di volo a nord di Male: ecco Siyam World Maldives. Si tratta di una delle più belle novità a 5 stelle dell’arcipelago maldiviano e lancia un innovativo concetto di ospitalità basato su esperienze ed inclusività, concepita con l’obiettivo di inquinare il meno possibile. Per vivere in totale relax a contatto con la natura più vera.

Testo e foto di Lucio Rossi

maldive-siyam-world-noonu-atollo
La luce del tramonto su una delle ville affacciate sull’acqua del Siyam World ©Lucio Rossi

Nuvole scure, chiare, sfilacciate o dense, cariche di pioggia; e poi sprazzi di sereno, terso. Il piccolo aereo, mezzo necessario per raggiungere queste isole perse nella vastità dell’Oceano Indiano, le attraversa tutte. A volte la cabina da 15 posti del DHC 6 Twin Otter della Trans Maldivian Airways stride, viene sballottata, sembra che le lamiere si contorcano ma riemerge sicuro ogni volta tra i respiri di sollievo dei passeggeri.

Tutto si placa quando l’aereo scende di quota e si giunge in vista dell’atollo di Noonu dove sorge il Siyam World Maldives, il più innovativo resort di questo angolo di mondo. Dall’alto la vista è impareggiabile ma solo scendendo a terra si può assaporare la vera essenza di un luogo intriso di fascino e romanticismo.

come-arrivare-maldive-siyam-world
Come si vede nella foto l’isola che accoglie il resort Siyam World Maldives è coperta da una vegetazione molto rigogliosa ©Lucio Rossi

La prima cosa che si nota è che l’isola è ricoperta da una vegetazione fitta e lussureggiante, la casa di molte specie uccelli e piccoli rettili e gli immancabili pipistrelli della frutta.

Attraversarla di notte, a bordo delle Buggy Car che girano per l’isola, alla stregua di piccoli bus, e illuminano la foresta con le loro luci dà un senso di scoperta dell’ignoto. Una sensazione del tutto insolita alle Maldive, dove di solito gli atolli che ospitano i resort sono molto piccoli.

Funa Magu e altre tracce del passato

Funa Magu è l’arteria che taglia l’isola ed esiste da ben prima che qui sorgesse un resort. È tutta di sabbia, ombreggiata da grandi alberi, con musica in filodiffusione e illuminata da luci colorate durante la notte. Di giorno è un via vai di gente che l’attraversa a piedi o in biciclette e mini bus elettrici che accompagnano i turisti nei vari punti dell’isola.

maldive-siyam-world-funa-magu-strada
Funa Magu. la strada che taglia l’isola dove sorge Siyam World Maldives ©Lucio Rossi

L’unica altra cosa che risale al periodo precedente, quando l’isola era disabitata e frequentata solo dai locali che qui trascorrevano i giorni del fine settimana per pescare, cuocere il cibo in spiaggia e dormire sotto le stelle, è una sepoltura misteriosa.

Potrebbe risalire all’inizio del secolo scorso, (le notizie circa questo luogo non sono note, almeno al personale che ora lavora sull’isola) ed è intitolata a un tale di nome Fagerukoi di cui non si sa molto se non che doveva essere una persona rispettata per meritarsi l’onore di un isola tutta per sé come ultima dimora. Tracce del passato che, in qualche modo, rivivono ancora oggi.

Il nord dell’isola vanta panorami stupendi, il lato sud è, invece, ammantato da un’atmosfera decisamente tropicale grazie agli alberi di cocco sparsi un po’ ovunque, protesi verso il mare come nella più classica iconografia maldiviana.

Questa parte dell’isola è  molto apprezzata da chi vuole vivere esperienze romantiche: da qui, infatti, si possono ammirare tramonti straordinari, con il cielo che si colora di mille sfumature, mentre tutto è avvolto dal silenzio. A piedi nudi nella sabbia fine e con un drink in mano: impossibile non emozionarsi dinnanzi ad un simile spettacolo.

La barriera corallina

siyam-world-maldive-barriera-corallina
Un tratto di barriera corallina al largo di Siyam World Maldives ©Lucio Rossi

Così come non si può resistere al suggestivo spettacolo dei coralli che circondano l’isola. Ne abbiamo la conferma durante una chiacchierata con Thuhu, la biologa marina in servizio dall’apertura dell’isola. Insieme al suo team di 5 persone conduce campagne di coral propagation e reef restoration che in 12 mesi hanno già dato risultati incoraggianti.

I risultati positivi sono evidenti anche dal censimento delle tartarughe marine che frequentano i reef intorno a Siyam World, che certifica numeri in costante aumento.

Alle Maldive, negli gli ultimi anni, si è sviluppata la chiara consapevolezza che occorre agire in modo corretto per la tutela dell’ecosistema marino e delle barriere coralline che, in ultima analisi, sono la vera ricchezza del Paese.

Per questa ragione il governo maldiviano richiede, in particolare nei resort di grande dimensione, che ci sia sempre un biologo marino in servizio per rendere sempre più sostenibili le operazioni delle strutture turistiche. Una misura che non viene vista come un fardello: qui tutti amano la natura e si prodigano per difenderla.

Natura ed architettura: due elementi che si fondono alla perfezione

Ultima nata del Gruppo Sun Siyam Resorts, Siyam World Maldives è un vero e proprio gioiello architettonico caratterizzato da due anime distinte che ben si fondono tra loro.

L’obiettivo del progetto è garantire non solo il massimo confort agli ospiti ma anche lanciare un nuovo concetto di ospitalità basato su esperienze ed inclusività attraverso la costruzione delle eleganti ville di The Beach House Collection, dove la privacy è la parola d’ordine.

Ma c’è un altro aspetto da non tralasciare: Siyam World Maldives è stato concepito con l’obiettivo di creare meno inquinamento possibile. Un valore di cui andare fieri ma anche una necessità in considerazione del contesto naturale incantevole nel quale la struttura sorge.

Il resort si trova infatti su un’isola lunga oltre quattro chilometri e larga poco più di uno e mezzo, circondata da una spiaggia di quasi quattro chilometri e ben sei di barriera corallina tutto intorno.

Siyam World Maldives offre agli ospiti non solo un mare incontaminato e lunghe spiagge ma anche numerose esperienze per una vacanza divertente. Per questo la struttura è il luogo perfetto per le coppie in cerca di romanticismo, per gruppi di amici desiderosi di vivere avventure in un contesto di fascino assoluto e per le famiglie con prole al seguito.

La struttura, un premium all-inclusive resort con servizi disponibili 24 ore su 24, è formata da 21 tipi di sistemazioni con camere che spaziano da 89 fino a 3.000 metri quadrati.

maldive-siyam-world-pontile-water-villa
I pontili che conducono alle camere hanno tutti nomi di ponti famosi Siyam World Maldives

In totale sono 469 unità abitative: 181 si trovano sulla spiaggia o nelle immediate vicinanze e le altre 288 sorgono direttamente sull’acqua, incluse le 24 residenze esclusive che fanno parte di The Beach House Collection.

Ogni elemento, anche il più piccolo, è stato studiato per garantire agli ospiti il massimo comfort. Le camere, realizzate seguendo uno stile tipicamente tropicale, sono luminose e spaziose e garantiscono la privacy degli ospiti.

Ci sono le Pool Beach Villas, situate nei pressi della spiaggia e le Water Villas, sull’acqua, con scivolo per tuffarsi in mare. Tutte le ville su terra, neanche a dirlo, dispongono anche di piscina privata.

Siamo su un’isola lontana da tutto eppure qui si possono ritrovare sapori da ogni angolo del pianeta: oltre ai 6 bar, dove fermarsi per un aperitivo con una inesauribile collezione di spirits, sono presenti ben 8 ristoranti (tailandese, indiano, maldiviano e addirittura spagnolo, una vera novità alle Maldive) che servono tantissime specialità, curate dall’occhio attento dello Chef Adam Clive Lockwood.

Un mondo di possibilità al Siyam Water World

maldive-siyam-world-sport
La World Sports Area del Siyam World Maldives ©Lucio Rossi

Mare, mare e ancora tanto mare. E già questo dovrebbe bastare. Ma per tutti quelli che hanno voglia di cimentarsi in altre attività non resta che da scegliere. Siyam World Maldives è il luogo perfetto per vivere una vacanza a tutta adrenalina oppure rigeneratrice per corpo e anima.

Per rendere il soggiorno davvero indimenticabile è stato creato “WOW!”, concetto premium all-inclusive che offre una selezione di attività per il fitness, il benessere, le escursioni e lo sport.

Chi ama sperimentare scoprirà che il tempo corre via veloce. Forse troppo velocemente. Ma è un rischio da correre, perché questo è il modo per vivere intensamente un’esperienza che resterà nel cuore a lungo. Tra le tante attività non mancano quelle acquatiche che includono windsurf, catamarano, canoa, standup paddle, snorkeling, immersioni e incontri con biologi marini.

Ma per chi preferisce rimanere con i piedi per terra c’è la World Sports Area con i suoi i campi da tennis di diverse superfici, il campo da calcio, quello da beach volley e da basket.

cosa-fare-maldives-siyam-world
Il Parco acquatico Water World del Siyam World Maldives ©Lucio Rossi

Al mondo acquatico è ancorato anche il Siyam Water World, il più grande parco acquatico sull’acqua del Sud Est asiatico, che offre giochi e divertimenti adatti agli ospiti di tutte le età.

Per qualcosa di più insolito basta andare al Siyam World Horse Ranch, un ranch attrezzato che è la casa di quattro cavalli di razza Marwari, da poco arrivati dal nord dell’India: si tratta dei primi cavalli mai introdotti in un resort delle Maldive. Salire in sella per galoppare lungo la spiaggia con il vento tra i capelli è un’esperienza che si può fare soltanto qui.

Benessere alla Veyo SPA

maldive-siyam-world-spa
La Veyo Spa del Siyam World Maldives ©Lucio Rossi

Che fatica stare distesi su una spiaggia accarezzati dal sole, dirà qualcuno. Ebbene, chi ha necessità di ricaricarsi di energie può contare su Veyo SPA, centro benessere dove ritemprare corpo e mente attraverso trattamenti e massaggi eseguiti da professionisti con prodotti  locali come olii medicali tradizionali maldiviani ed erbe tropicali.

Si dice che il troppo non va mai bene. In questo caso è vero il contrario. Le coccole non sono mai troppe. Per questo sono previste anche attività di gruppo come yoga, pilates, aerobica in acqua, corse mattutine sulla spiaggia, meditazione al tramonto, yoga e lezioni di zumbini per i più piccini.

The Beach House Collection

maldive-siyam-world-beach-house-collection
Una foto aerea di una villa della Beach House Collection, Siyam World Maldives ©Lucio Rossi

Siyam World Maldives prevede anche un’area esclusiva, riservata a un pubblico adulto in cerca di privacy e discrezione, che comprende 24 residenze suddivise in sette categorie abitative: la Beach House Collection. Una zona dove le parole d’ordine sono lusso, modernità e comfort.

Ogni struttura è stata progettata in stile contemporaneo, ma abbracciando un’architettura tropicale e con un design interno che omaggia la tradizione e il patrimonio culturale delle Maldive; carico di stile ma senza ostentazione. Tutte le ville offrono un servizio di maggiordomo 24 ore su 24, prima colazione in camera, trattamento nella SPA, immersione subacquea gratuita e, non meno importante, il ristorante giapponese Arigato e The Orchid bar, riservati agli ospiti di quest’area

Il problema più grande arriverà al momento della partenza. Perché, siamo sinceri, lasciare un luogo magico per tornare alla routine quotidiana provocherà un certo sconvolgimento. Ma una cosa aiuterà a rasserenare il cuore: la consapevolezza che l’isola esiste per davvero e che un giorno si potrà sempre tornare qui per rivivere le gioie di un’esperienza esaltante. 

Infoutili

Informazioni: sul sito di Siyam World Maldives. Per informazioni sul Paese si può consultare sul sito di Visit Maldives 

Come arrivare: Alcune compagnie aeree del Golfo, come Emirates e Qatar Airways, offrono interessanti tariffe da Milano Malpensa e Roma Fiumicino alla capitale Malè.

Quando andare – Clima: il periodo migliore per una vacanza alle Maldive è tra dicembre e aprile. Questa è però l’alta stagione, gli alberghi sono pieni e i prezzi sono più alti. Tra maggio e novembre, invece, i prezzi sono più bassi e i turisti sono meno, ma talvolta è nuvoloso e umido e ogni tanto piove. I due mesi intermedi, cioè novembre e aprile, sono caratterizzati da maggior trasparenza dell’acqua e migliore visibilità.

Fuso orario: Quattro ore avanti con l’ora solare, tre quando è in vigore l’ora legale.

Documenti: Per entrare nella Repubblica delle Maldive non è necessario alcun visto, è sufficiente essere in possesso di un biglietto di andata e ritorno.

Vaccini: Nessuno obbligatorio.

Lingua: La lingua ufficiale è il dhivehi. Ma nei resort la lingua ufficiale è l’inglese. Ovviamente nel tentativo di  compiacere gli ospiti si parlano tedesco, francese e a volte anche l’italiano.

Religione: Musulmana sunnita.

Valuta: Rufiya (Rf); 1 Euro equivale a 18,95 Maldive Rufiya. Tuttavia tutti i conti si pagano in Dollari americani e in Euro.

Elettricità:  Il sistema elettrico funziona a 230-240 Volt. Consigliato un adattatore universale se avete molti apparecchi da ricaricare.

Prefisso telefonico: Il prefisso per chiamare le Maldive dall’Italia è 00960. Le comunicazioni dei cellulari sono assicurate dagli operatori Dhiraagu o WMOBILE con standard GSM 900/1800 o 3G.

Le mance: Sebbene non obbligatorie, sono una prassi ormai abbastanza diffusa alle Maldive, preferibilmente in dollari americani, per i servizi di fattorini, camerieri, guide, staff della spa, ecc. Tenete presente che molti ristoranti dei resort applicano già un 10-12% di “service charge” al totale del conto, ma si usa comunque lasciare una mancia al cameriere, solitamente pari al 10% della spesa.

Abbigliamento: Parola d’ordine in fatto di abbigliamento è ‘Casual dress code’ ovvero non è richiesto alcun abbigliamento particolare a parte quello suggerito dal buon senso di chi viaggia ai tropici. Da ricordare solamente di non presentarsi in costume da bagno al ristorante. Per gli uomini la sera nei resort sono indicati i pantaloni lunghi e camicia. Nudismo e topless sono vietati e sono considerati un’offesa per i costumi locali.

Testo e foto di Lucio Rossi|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Sfoglia il reportage Siyam World Maldives sul magazine Latitudes

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.