Mostra Dalì l’enigme sans fin al Bassins des Lumières a Bordeaux (©Loïc-Graniczny)

Dalì, Gaudì e Tintin al Bassins des Lumières

Ricco il palinsesto del Bassins des Lumières, l’ex base sottomarina di Bordeaux diventata un centro d’arte digitale nel 2020 con monumentali mostre digitali immersive dedicate ai grandi artisti della storia dell’arte e della creazione contemporanea. Ben tre le novità per il 2023/2024, partendo da “Dalí, l’énigme sans fin”, in programma dal 3 febbraio 2023 fino al 7 gennaio 2024, mostra realizzata in collaborazione con la Fundació Gala-Salvador Dalí.

Un percorso tematico che porta il visitatore tra i paesaggi surreali e metafisici frutto della genialità e della fantasia onirica dell’artista. Le opere esposte in tutto il mondo, dal Museo Dalí in Florida al Reina Sofía di Madrid, prendono vita sulle pareti del museo e si riflettono tra le acque dei Bassins des Lumières; il visitatore, accompagnato dalla musica dei Pink Floyd, può ammirare e scoprire dettagli insoliti dei grandi capolavori del maestro da La Persistenza della Memoria al Volto di Mae West, passando per Leda Atomica e La Tentazione di Sant’Antonio.

Tintin, l’aventure immersive al Bassins des Lumières a Bordeaux (©CulturespacesV_Pinson©Herge-_Tintinimaginatio__2023)

Il corto “Gaudí, architecte de l’imaginaire”, realizzato in collaborazione con la Fondazione Junta Constructora del Temple Expiatori de la Sagrada Família, rende omaggio a questo artista che fu grande fonte di ispirazione per Dalí. Attraverso un gioco di materiali e riflessi, sulle note di Gershwin, i Bassins des Lumières assumono le forme simbolo dell’artista (pilastri obliqui, volte iperboliche e facciate ondulate), per ricreare gli edifici ora dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, dal Parco Güell a Casa Batlló.

Locandina della Mostra su Tintin al Bassins des Lumieres a Bordeaux (©Loïc-Graniczny)

Dal 20 ottobre 2023 al 7 gennaio 2024, sempre negli spazi del Bassins des Lumières, si può visitare “Tintin, l’aventure immersive”, frutto della collaborazione tra Culturespaces e Tintinimaginatio. Attraverso una rilettura unica e coinvolgente dell’opera di Hergé, questa mostra è adatta a grandi e piccini e permette di immergersi nell’universo creativo di uno dei più grandi autori di fumetti del Ventesimo secolo per un vero e proprio viaggio sulle orme del celebre reporter con il piumino da cipria, protagonista di così tante avventure. Una mostra unica che si anima anche grazie ai tanti personaggi che hanno reso celebre il fumetto, da Snowy al Professor Tournesol.

Spirito alternativo e cultura solidale da Darwin

Darwin Ecosystem Bordeaux (©Sophie-Duboscq)

Ex Caserma militare su Quai des Queyries, tra il ponte di pietra e il ponte Chaban-Delmas, Darwin Ecosystem è un microcosmo virtuoso dove lasciarsi contaminare da idee, iniziative e influssi alternativi.  Qui si viene per fare ogni cosa in modo diverso: leggere, passeggiare, mangiare, lavorare, con un approccio etico e responsabile.

Venire qui è un po’ come immergersi nello spirito alternativo di Bordeaux; sviluppato su oltre 10.000 mq, ospita interi tratti di muro dedicati alla street art (luogo d’espressione per graffitisti e artisti di strada), un ristorante e negozio di alimentari biologico, un campo per il roller derby, una fattoria urbana, uno skate park progettato con materiali riciclati e dotato di una grande rampa con estensione (proprio di fronte allo skatepark, attraversando il vicolo centrale, si può fare shopping nel Bric à Brac Emmaüs), club e spazi di coworking dove poter progettare di cambiare il mondo in meglio.

Bordeaux e Cité du Vin (photo Pietro Civera)

Tanti anche gli eventi che spaziano dalle sessioni di yoga al Festival “Darwin Ocean Climax”, in programma a settembre, che unisce dibattiti, conferenze e concerti sul tema del cambiamento climatico e della protezione degli oceani. La programmazione culturale parte in primavera con l’organizzazione degli Happy Hours e si conclude con il leggendario Mercatino di Natale che riunisce numerosi artigiani e creatori locali.

Se siete di passaggio qui, da non perdere il brunch del Magasin Général, il bistrot-refettorio di Darwin, uno dei più apprezzati di Bordeaux: ambiente industriale, attenzione al riciclo, piatti bio e una splendida terrazza dove prendere il sole. La Micro-Winery produce la propria annata di vino biologico, mentre per gli amanti del buon cioccolato, d’obbligo un salto da Origines, torrefazione di cacao biologico “bean to bar”.

La Cité du Vin si rinnova

La cité du vin a Bordeaux (Copyright-Cecile_Marlier-CRTNA-La_cite_du_vin-8715)

Luogo unico per la sua architettura spettacolare progettata dagli architetti Anouk Legendre e Nicolas Desmazières, la Cité du Vin accoglie il visitatore con un’esposizione permanente completamente rinnovata, capace di fa rivivere, grazie alle tecnologie digitali e interattive, la grande avventura del mondo del vino.

Con 18 aree tematiche interattive disposte su oltre 3.000 m² di spazio espositivo, questo museo è una tappa imperdibile anche per il suo format dal taglio interattivo ed esperienziale. Una volta qui il visitatore può sperimentare tour individuali e collettivi, esperienze multisensoriali, educative, immersive e divertenti, sempre accompagnato da un’audioguida disponibile in 8 lingue, italiano compreso, che permette di attivare le varie attività.

Novità 2023, la Via Sensoria prevede un tour di degustazione tra 4 spazi immersivi e onirici che mescola creazioni sonore, visive e poetiche. È fruibile dal 7 aprile al 5 novembre 2023, con riprogrammazione da aprile 2024.

La visita al Museo dura in media tra le due e le tre ore, ma per chi ha fretta sono disponibili anche visite tematiche di un’ora. In ogni caso, il tour si conclude all’ottavo piano, sul Belvedere, per la degustazione di vini sulla terrazza che offre una vista spettacolare sul fiume e la città.

Ampia l’offerta di eventi culturali e di spazi ricreativi, qui alla Cité du Vin i visitatori possono scegliere di partecipare a un tour tematico, rilassarsi in giardino, fare acquisti nella spettacolare cantina Latitude con oltre 14.000 bottiglie e 1.900 referenze o mangiare scegliendo tra 3 aree ristoro e il menù del ristorante panoramico.

Tra le novità anche Bordeaux 360°, una formula di workshop immersivo che prevede degustazioni di 4 vini bordolesi in totale immersione in 4 paesaggi diversi, il tutto reso possibile grazie a spettacolari immagini a 360°, la guida di un sommelier e un sottofondo musicale.

La Festa del Vino: il consueto e imperdibile appuntamento enoturistico

La cité du vin a Bordeaux (Copyright-Francoise_Roche-RNA-CRTNA-Cite_du_Vin_a_Bordeaux)

Torna anche per il 2024, dal 27 al 30 giugno, Bordeaux Fête le Vin, evento conviviale che punta a promuovere la conoscenza della città attraverso il suo patrimonio enologico, in particolare i vini biologici e sostenibili. Come ogni anno, i padiglioni sulle rive della Garonna ricreano la leggendaria Strada del Vino dove è possibile degustare i vini di Bordeaux e della sua regione, tra bianchi, rossi, rosé, clairet o anche crémant.

E non solo, Bordeaux Fête le Vin lascia ampio spazio anche alla gastronomia della regione della Nouvelle-Aquitaine. Durante il festival, è possibile incontrare produttori e artigiani appassionati (presenti in collaborazione con l’Agence de l’Alimentation Nouvelle-Aquitaine, AANA), oppure assistere ai numerosi eventi festivi, musicali e culturali. Fedele all’impegno della città per un turismo sostenibile, il Festival prevede un’organizzazione eco-responsabile.

Dal 20 al 23 giugno, inoltre, si svolge un’anteprima dell’evento nei ristoranti, nelle cantine e nei luoghi culturali della metropoli di Bordeaux.

Informazioni utili per un weekend a Bordeaux

Per un weekend in città il CityPass è utile e comprende l’accesso a molti musei (Cité du Vin e Bassins de Lumières inclusi), monumenti e trasporti pubblici. 24 ore: 29 € / 48 ore: 39 € / 72 ore: 46 €.

Per informazioni su come organizzare il soggiorno segnaliamo i siti di Bordeaux Tourisme, del Comitato regionale del turismo Région Nouvelle-Aquitaine e quello di Atout France Italia.

Testo di Deborah Terrin|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com


Leggi anche questi articoli sulla Regione della Nouvelle-Aquitaine


STYLE CSS VIDEO