GustaPorto: a Civitanova Marche il mare dà spettacolo

Civitanova Marche è una piacevole località balneare adagiata sulla riva dell’Adriatico. Dal 15 al 23 giugno l’intera area portuale si animerà con le iniziative di GustaPorto, una manifestazione con un ricco ventaglio di iniziative che spaziano dall’arte allo spettacolo, senza trascurare il gusto. Per l’intera settimana in città saranno anche attive proposte di shopping e soggiorni speciali e si potranno degustare menu tipici a tema

Il borgo di Civitanova Alta, l’antica Cluentensis Vicus, che sorge su una dolce collina. Foto crediti: Turismo Comune di Civitanova

Civitanova Marche, in provincia di Macerata è una piacevole località balneare adagiata sulle rive dell’Adriatico. La sua storia plurimillenaria le ha lasciato tracce importanti che si ritrovano principalmente nella sua frazione di Civitanova Alta che, tra le mura presidiate dalle porte quattrocentesche, racchiude vicoli pittoreschi su cui si affacciano palazzi di gran pregio, chiese e dimore storiche.

Il primo nucleo di Civitanova Alta, l’antica Cluentensis Vicus, si sviluppò  su una collina a pochi chilometri da Cluana, antico municipio romano sorto  nelle vicinanze del fiume Chienti. Quasi certamente nel territorio dell’odierno Porto Civitanova, una delle frazioni di Civitanova Marche. Ciò sarebbe avvalorato anche dai reperti, attribuiti a tale antico municipio romano tornati alla luce nei primi decenni del secolo scorso.

L’abitato, poi abbandonato in tutta fretta dai suoi abitanti per sfuggire alle incursioni barbariche, riprese vita a partire dal XV secolo sviluppandosi attorno alla Pieve dedicata a San Marone, il martire che è poi diventato il patrono di Civitanova. Dal ‘600  nel borgo marinaro apparvero le prime abitazioni in pietra che ancora affiorano tra i suoi vicoli al pari dei resti delle antiche mura quattrocentesche.

Civitanova Marche una città moderna con tante sfaccettature

Civitanova Marche è attraversata da varie piste ciclopedonali che toccano molti punti della città ed arrivano fino alla Città Alta. Foto crediti: Turismo Comune di Civitanova

Negli ultimi due secoli,  l’antico borgo marinaro ha letteralmente “bruciato le tappe”, crescendo via via di importanza fino a diventare l’odierna città dai mille volti, in perenne equilibrio tra il blu del mare, l’oro della spiaggia ed il verde delle colline che la circondano.

Una realtà capace di catturare il turista grazie alle sue tante peculiarità ed al dialogo continuo tra arte, storia, natura, folklore e  sapori di una cucina tipica che si sposa con i vini Doc ed i gustosi sapori della tradizione locale. Non rimarranno delusi neppure gli amanti della vita notturna e dello shopping.

Da Civitanova Marche a Civitanova Alta

La cittadina è facilmente visitabile a piedi ed in bici grazie alle varie piste ciclabili che l’attraversano. Una di queste sale dolcemente fino a Civitanova Alta, la sua parte antica, che si apre su un panorama emozionante connotato dal verde delle colline e delle campagne circostanti e dall’azzurro dell’Adriatico in lontananza.

Il Borgo di Civitanova Alta. Foto crediti: Turismo Comune di Civitanova

Dalla centrale Piazza della Libertà si dipanano varie strade tra cui il Corso dedicato ad Annibale Caro, illustre letterato rinascimentale originario di Civitanova, su cui si affacciano il teatro storico, la chiesa romanico-gotica di Sant’Agostino, oggi Auditorium, e la casa di Annibal Caro, sede della Pinacoteca comunale. 

Continuando la passeggiata si arriva in via della Tramvia, tipica piazzetta del borgo a ridosso dell’ex mercato del bestiame, dove ancora oggi si notano il bastione della quattrocentesca Porta del Ponte, detta poi Porta Mercato, ed il Palazzo della Tramvia, completato nel 1910 in stile liberty.

Sulla spiaggia di Civitanova Marche sventola la Bandiera Blu

A Civitanova Marche, un altro percorso ciclabile congiunge il lungomare nord al centro e permette di ammirare il mare e le spiagge vivaci tanto apprezzate dai turisti. Infatti un’altra peculiarità di Civitanova Marche è la sua lunghissima spiaggia su cui sventola la Bandiera Blu, un riconoscimento prestigioso che tiene conto della qualità delle acque di balneazione ma anche della pulizia delle spiagge e dei servizi offerti.

L’arenile, nella parte nord, è ampio e sabbioso e l’acqua è poco profonda mentre il litorale sud presenta un arenile misto di sabbia e ghiaia ed acque più profonde.  

Una spiaggia ed un mare che hanno colpito a tal punto la scrittrice Sibilla Aleramo che sul finire dell’800 così li descriveva: «Tutto scintillava, nel paese dove io giungevo: il mare era una grande fascia argentea, il cielo un infinito riso sul mio capo, un’infinita carezza azzurra allo sguardo che per la prima volta aveva la rivelazione della bellezza del mondo»

Civitanova Marche: l’area portuale dove a partire dal 15 giugno è in programma GustaPorto 2024

Il porto di Civitanova: uno dei più colorati d’Italia

Un altro percorso ciclo – pedonale costeggia i due lungomare (nord e sud) per approdare alla caratteristica zona portuale dove è presente un vero e proprio museo all’aperto, curato dall’urban artist civitanovese Giulio Vesprini. Ciò ha regalato a Civitanova Marche il titolo di città con uno dei porti più colorati d’Italia.

Ebbene il prossimo 15 giugno l’intera area portuale torna ad animarsi con le iniziative di GustaPorto 2024, una manifestazione caratterizzata da un palinsesto ricco di iniziative speciali che spaziano dall’arte allo spettacolo, senza trascurare il gusto. Il programma prende avvio alle 11, con l’Agorà dal titolo “Porto ed economia dell’esperienza. Investire nei talenti territoriali. Attrattività, energie e comunità”.

Veronica Maya, madrina di GustaPorto 2024

Madrina della prossima edizione, la settima, Veronica Maya, conduttrice e showgirl in veste di accompagnatrice di un colorato varietà che porterà in scena tradizioni e meraviglie dell’area portuale. Il suggestivo scenario del Mercato Ittico Comunale farà da cornice ad una passerella di esperienze e sapori che narreranno presente e futuro del porto, con i suoi inconfondibili suoni, le sue caratteristiche voci ed i protagonisti dell’accoglienza turistica della riviera nel ruolo di interpreti dello spettacolo del mare.

Port Food: cibo marinaro da passeggio

GustaPorto 2024: sguardo attento anche a piatti tipici e vini del territorio

Con il Gustaporto Village, nel pomeriggio la festa invaderà il piazzale antistante il Mercato Ittico dove, nell’ambito dell’evento Vinribelli Remix, il pubblico avrà modo di gustare le esclusive proposte di Port Food abbinate a vini del territorio e ad esclusivi cocktail. Per l’occasione lo Scalalaggio Anconetani si trasformerà in una galleria di esperienze per grandi e piccini, con esibizioni di live painting, dimostrazioni di scienza del mare e laboratori divulgativi per i più piccoli. Come da tradizione tornano i “Moletti aperti”, con momenti di animazione lungo le banchine del porto turistico.

Fino al 23 giugno in città menu dedicati, proposte di shopping e soggiorni speciali

Inoltre, per tutta la settimana fino al 23 giugno, spazio alle attività diffuse e alle proposte dei circuiti di GustaPorto, come le offerte turistiche della “GustaPorto Week”, il “GustaPorto Shopping” nei negozi della città, ed “Occhio a Li Furbi“, i menu a base di pesce di stagione tra cui “Li Furbi co’ l’Abbiti” cioè a base di polipo e bietole, il piatto tipico della tradizione marinara civitanovese, nato dall’incontro delle ricette tradizionali con i frutti della pesca, quando i civitanovesi, scesi dai colli circostanti, si riappropriano della costa e del mare, fino ad allora regno incontrastato dei Mori e dei pirati.

“Lo pulentò co li furbi e l’abbiti” il piatto tipico della tradizione civitanovese

L’atmosfera del porto aleggerà anche nei locali cittadini grazie al contest tra vetrine. Il vincitore sarà svelato nel corso dell’Agorà inaugurale del 15 giugno.

Gli organizzatori

GustaPorto è organizzato dal Comune di Civitanova Marche ed è sede di tappa del Grand Tour delle Marche, il circuito di eventi promosso da Tipicità ed Anci Marche, con Banco Marchigiano nel ruolo di partner progettuale.

Infoutili

Il programma completo degli eventi, dei circuiti e delle iniziative collegate è consultabile sul sito di Gustaporto.

Testo di Tiziano Argazzi Riproduzione riservata ©Latitudeslife.com