Room Mate, dove il lusso è discrezione

Kike Sarasola, brillante imprenditore a cui si deve la nascita della catena alberghiera Room Mate, nata nel 2005 in Spagna e di recente, rinata un’altra volta dopo una crisi finanziaria con nuovi partner americani e canadesi, risponde ad alcune domande a proposito del futuro del brand.

L’Hotel Macarena a Madrid (©ph_Room_Mate_Hotels)

L’idea di partenza alla nascita della catena di alberghi- geniale e assai interessante- era quella di promuovere un modo diverso di viaggiare nel mondo come se si andasse a trovare amici a noi affini per gusti ed esperienze. Amici che ci avrebbero aperto ad esperienze da loro già provate guidando, quindi, il nostro viaggio.  

Una filosofia che resta uguale a se stessa

Kike Sarasola Presidente Room Mate Hotels
Kike Sarasola Presidente Room Mate Hotels

Alla domanda, su come filosofia originaria del brand sia cambiata o evoluta, risponde Sarasola: “direi che la filosofia originaria di Room Mate Hotels è rimasta fedele a sé stessa. Credo che quando ci si trova in città che non si conoscono, solo gli amici possono dare consigli spassionati sui luoghi da visitare, i ristoranti dove andare a mangiare e i locali più in voga al momento dove divertirsi.

In questo modo nessuno si sentirà un semplice turista, ma quasi uno del posto. Oggi, sempre mantenendo questa filosofia di base, siamo focalizzati sulla soddisfazione del cliente. Room Mate continua a enfatizzare l’ idea di far sentire i propri ospiti come a casa, ma con un’attenzione maggiore all’innovazione, al comfort e al design ecclettico -mai eccessivo-.

Tutti i nostri hotels si trovano in centro città perfettamente inseriti nel contesto urbano che li circonda. Potremmo definire questo aspetto come un lusso silenzioso, non ostentato, ma accessibile, che mira a personalizzazione l’esperienza di soggiorno”

Lime Tree Londra (©ph_Room_Mate_Hotels)

Italia, novità e futuro  

Al momento, Room Mate conta 4 strutture nel nostro paese ma, ci dice il manager: ”L’Italia è un mercato molto importante per noi. Abbiamo aperto pochi mesi fa a Venezia “Palazzo dei Fiori” e sta per aprire il secondo hotel a Roma. Inoltre, prevediamo di aggiungere altri hotel a Milano, Firenze e, possibilmente in altre città che mi piacciono tanto come Napoli e Genova.

Mi sono trasferito in Italia per curare personalmente questi aspetti ed espandere ulteriormente il business perché credo nell’importanza strategica di questo mercato per la crescita futura dell’azienda. Io amo l’Italia e penso che qui i Room Mate funzionino molto bene

Palazzo dei Fiori a Venezia (©ph_Room_Mate_Hotels)

Aprire nel resto del mondo

Non solo Italia, ma anche Europa e oltre nel futuro prossimo del gruppo: “prevediamo di espandere e sviluppare il brand in diverse capitali europee. Le nuove aperture riguardano principalmente Londra, Parigi, Berlino, Amburgo e Monaco di Baviera.

L’obiettivo è crescere soprattutto in Europa, con il supporto di investitori come Angelo Gordon, Westmont Hospitality e altri fondi americani, europei e del Medio Oriente che condividono con me la volontà di portare avanti la filosofia di Room Mate.

Hotel Giulia Milano (©ph_Room_Mate_Hotels)

Se il design fa rima con accoglienza

Il design è un punto imprescindibile per Room Mate, una visione, un’apertura verso lo stile e la modernità: “: Il design è per noi un elemento fondamentale della visione di accoglienza. Abbiamo la fortuna di collaborare con alcuni tra i migliori designer del mondo, come Jean Nouvel e Patricia Urquiola.

Questo è sempre stato uno dei miei desideri. Quando ho deciso di iniziare questa avventura nell’hotellerie, ho pensato a strutture che mi piacessero sia dal punto di vista del comfort, che dei servizi offerti, che dell’interior design.

Ho viaggiato molto nella mia vita, fin da giovane, con lamia squadra di equitazione, e ho trascorso in hotel gran parte del mio tempo. Per questo motivo sono così attento a curare tutto nei minimi dettagli, cercando di creare spazi che evitano la noia e il basic e che siano a loro modo unici e riconoscibili, mantenendo l’essenza del marchio.

Hotel e camere diversi tra loro, però accumunati da tre cose importanti: le tre D (Dormir, Ducharte, Desayunar) ovvero dormire, lavarsi e fare la prima colazione”

Informazioni Utili Qui

Testo di Lucia Giglio|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com