Lettonia Info Utili

IN EVIDENZA
16.3.2020
COVID-19. Aggiornamento

Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità locali hanno attuato ulteriori misure restrittive dal 14 marzo al 14 aprile compreso, tra le quali: cancellazione o divieto di ogni manifestazione pubblica comprese quelle religiose e sportive; chiusura dei locali pubblici quali discoteche, bar e night club; chiusura, a partire dal 17 marzo, dei transiti internazionali per aeroporti, porti, autobus e treni; divieto di movimento di passeggeri ed auto tramite i valichi di frontiera stradali, aeroportuali, portuali e ferroviari ai confini esterni dell’UE (Russia) ad eccezione delle merci. Il Ministero dei Trasporti può procedere ad eccezioni quali: possibilità di rientro con permessi dati ai cittadini lettoni ed ai cittadini stranieri residenti permanentemente nel paese; possibilità di entrata e uscita dal paese per i diplomatici stranieri accreditati in lista diplomatica, possibilità di uscita dal paese dai punti di frontiera tenendo conto delle limitazioni internazionali per i cittadini stranieri. Le Ambasciate ed i Consolati lettoni non potranno rilasciare visti di lungo e breve periodo sino a che vige lo stato di emergenza (14 aprile).

 

9.3.2020

COVID-19. Aggiornamento : Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità locali richiedono ai passeggeri in arrivo su voli provenienti da Milano, Bergamo, Venezia e Verona, nonché a quelli in arrivo da Cina, Corea del Sud e Iran, la compilazione, in aeroporto, di un modulo rilasciato dal Centro di Prevenzione e di Controllo delle Malattie locale, in cui indicare la Regione di provenienza, i luoghi in cui ci si è recati di recente nonché la prevista durata e il luogo di soggiorno in Lettonia. Inoltre, i minori che rientrano dalle aree indicate, dovranno trascorrere 14 giorni a casa e potranno rientrare negli istituti scolastici solo presentando certificato del medico di famiglia. La compagnia aerea di bandiera AirBaltic, a seguito delle nuove piu’ stringenti disposizioni adottate in Italia, ha sospeso tutti i voli da e per le città italiane di Milano e Verona a partire da lunedì 9 marzo e sino al 30 aprile , mentre Ryanair, che vola su Bergamo, ha deciso al momento di ridurre il numero dei suoi voli. È possibile che l’operativo voli da/per l’Italia subisca ulteriori variazioni, anche con scarso o nessun preavviso. Si raccomanda di verificare con la compagnia aerea lo stato del proprio volo. ll “Centro di Prevenzione per il Controllo delle Malattie” (SPKC), ha aggiornato la lista dei paesi a rischio, che comprende ora Italia, Giappone, Singapore, Korea del Sud, Iran, Cina. Al rientro da tali paesi, i cittadini devono controllare in via precauzionale il proprio stato di salute e contattare immediatamente il numero verde 113 nel caso presentino uno dei sintomi compatibili con COVID-19.