10 cose da fare a Oslo: arte, shopping e salmone



Affascinante capitale nordica, Oslo è il diamante della Norvegia, dove passare lunghi weekend tra mostre d’arte e architetture all’avanguardia. Ecco 10 cose da non perdere.

1. Fare colazione ad Aker Brygge, l’antico quartiere portuale rimesso a nuovo e trasformato in zona residenziale di lusso.

2. Salire sulle mura del castello di Akershus, fortezza medievale affacciata sul porto, che ha difeso la città da numerose incursioni nemiche.

3. Imbarcarsi per una crociera tra i fiordi e lungo l’Oslofjord, che custodisce la capitale norvegese, insieme a una miriade di isolette.

4. Prendere una Oslo City Bike e raggiungere il Frognerpark, un parco popolato dalle sculture di Gustav Vigeland, location perfetta per una pedalata nella natura e un picnic.

5. Salire sull’Opera House, sul tetto. Si può fare percorrendo la copertura spiovente che degrada lentamente sul mare. Ideale anche per stendersi a prendere il sole con lo sfondo del porto.

6. Gironzolare nel centro storico tra negozi alla moda, localini e palazzi d’interesse culturale come il municipio, dove viene assegnato il Nobel per la pace.

7. Arrampicarsi sull’Holmenkollen, il trampolino per il salto con gli sci più antico al mondo, che offre un panorama sconsigliato a chi soffre di vertigini, affiancato dal Museo dello Sci.

8. Visitare il museo dedicato a Edward Munch, il celebre pittore norvegese di cui si celebra il 150° anniversario della nascita. Altre sue opere sono anche nella Galleria nazionale, a ingresso gratuito.

9. Concedersi un po’ di shopping nei negozi del quartiere Grünerløkka, tra abbigliamento, ceramiche e arte dei giovani designer norvegesi.

10. Concludere con una birra e un piatto di salmone alla griglia, magari nella fabbrica di birra dismessa e convertita in ristorante, a Grünerløkka.

A cura di Giorgia Boitano | Foto di Eugenio Bersani

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.