Cipro il mare in autunno

Foto di Dimitris Vetsikas da Pixabay

L’estate sta terminando ma se la voglia di trascorrere qualche altra giornata al mare per rilassarsi e divertirsi è ancora forte, non disperate perché una soluzione c’è. A poco più di tre ore di volo dall’Italia, c’è un luogo dove è possibile soddisfare pienamente questo desiderio, godendosi un mix di mare, natura e cultura davvero unico anche solo per un fine settimana: Cipro.

L’isola gode di un clima ideale per un tuffo nelle limpide acque del Mediterraneo ben oltre la metà di novembre. È vero, le giornate inevitabilmente si accorciano un po’ ma ciò non toglie fascino a questo territorio dove ci si può fermare per una pausa rigenerante lungo le sue coste bagnate da un mare considerato tra i più puliti d’Europa.

La qualità degli hotel a pochi passi dal bagnasciuga è davvero eccellente e particolare. Con pochi passi si può passare direttamente dalla camera alla spiaggia, sostando magari anche qualche ora presso il centro benessere.

Tante sono le opportunità per andare alla scoperta della varietà del territorio, pernottando in una delle numerose dimore storiche trasformate in agriturismi o bed & breakfast nei piccoli borghi dell’entroterra. Questo è uno dei tanti modi per assaporare l’anima rurale e intima dell’isola e di scoprire le tradizioni legate all’artigianato o all’agricoltura.

Se si amano i luoghi selvaggi, la cui natura non è stata addolcita da comodità quali ombrelloni e lettini non bisogna perdere la baia di Petra Tou Romiou, punteggiata da massi di pietra circondati dalle sue acque intensamente turchesi. Un luogo straordinario tanto che leggenda vuole che dalla spuma delle sue onde si emersa Afrodite.

Altro luogo selvaggio, perfetto per fare un po’ di trekking è la penisola di Akamas, riserva naturalistica scelta dalle tartarughe Caretta caretta e Chelonia mydas per deporre le loro uova, la cui schiusa avviene a settembre.

Imperdibile anche la famosissima Blue Lagoon: le sue acque sono così calme e trasparenti che si può vedere le increspature del candido fondale sabbioso anche dove la profondità raggiunge un bel po’ di metri.

Per raggiungere questo paradiso naturalistico si può percorre la strada tra la parete di scogli che lo abbraccia. Un altro modo è quello di salire a bordo delle barche con chiglia trasparente che salpano dal porticciolo di Latchi. Al ritorno dall’escursione è quasi d’obbligo consigliato un meze di pesce, cioè la sequenza di piatti da assaporare in uno dei ristoranti affacciati sulla darsena.

Chi, invece, vuole il comfort dei lidi attrezzati non avrà che l’imbarazzo della scelta. Solo quest’anno, infatti, Cipro ha potuto vantare 65 Bandiere Blu e tutte le aree balneari fruibili.

Oltre al mare vale la pena dedicare almeno una giornata alla visita di Nicosia, la capitale di Cipro. La città sembra essere sospesa in particolare equilibrio tra passato e futuro. Il centro storico è caratterizzato da stradine, vicoletti e piazzette che regalano suggestioni uniche.

Il viaggio alla scoperta del centro urbano può iniziare da Ledra Street, la vivace via dello shopping. Giunti qui si mettono da parte mappe cartacee o digitali e si passeggia senza meta facendosi guidare dall’istinto.

La sera ci si può godere una cena e un dopocena in uno dei numerosi locali dalla raffinata particolarità dell’ambientazione, spesso a metà strada tra un giardino segreto e una galleria d’arte o un concept store di design.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.