Un viaggio nella memoria e “L’inferno di Bologna”

L’inferno dantesco nell’emozionante percorso sotteraneo del torrente Aposa

Per gli amanti del teatro, curiosi di vivere una esperienza “sui generis” alla scoperta di Bologna tra musica, teatro e cultura, nel ventre della città. Fino al 27 giugno soggiornando al MY ONE Hotel di Bologna si potrà scegliere tra due indimenticabili speciali visite-spettacolo:

Tra-ghetto l’inferno di Bologna, venerdì sera ore 20.30.

Visita guidata-spettacolo che si svolge lungo il percorso sotterraneo del torrente Aposa, tra attori e musicisti: l’inferno Dantesco si confonde con via dell’inferno, nel ghetto ebraico, dove i linguaggi della musica e del teatro si fondono in un’emozionante esperienza nell’impeto delle acque del torrente Aposa.

Ciocco-giungla Metropolitana, l’avventura in città, sabato, domenica o lunedì dalle ore 14.30 (ogni 45 minuti).

Un percorso avventuroso, parte in gommone sotto la città e parte a piedi alla luce del sole, per riscoprire la città di Bologna con gli occhi della fantasia. Una spedizione speleologica lungo il percorso sotterraneo dell’Aposa abbinato ad un’emozionante discesa in gommone lungo il Canale delle Moline. Al termine cioccolata calda presso un locale del centro storico.

Testo: Daniela Bozzani   Foto: Archivio

Dove: Bologna

Quando: fino al 27 giugno

Prezzo: due notti a partire da 80 € p.p.

Info e prenotazioni: My One Hotel Bologna t. 0514380027   e-mail: bologna@myonehotel.it    www.myonehotel.it

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.