Féra de Cogne: enogastronomia e sfilate di mucche nella Valle di Cogne

La Valle di Cogne offre alla vista uno spettacolo mozzafiato grazie al carattere incontaminato del paesaggio: la natura cresce rigogliosa di un verde intenso, alternato al candido bianco del manto nevoso su cui si muovono in libertà gli stambecchi, i camosci, le marmotte, gli ermellini, le aquile e le pernici. In questa atmosfera da cartolina, il 2 e il 3 ottobre, si svolgerà uno dei maggiori eventi della regione, ovvero la Féra de Cogne organizzata dal Consorzio Operatori Turistici Valle di Cogne. Grazie all’associazione, coadiuvata dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta, numerose manifestazioni locali hanno raggiunto una certa risonanza e meritano di essere vissute per conoscere da un punto di vista sociale e culturale questa zona. Il primo giorno della festa prevede un’apertura di diversi stand, dove sarà possibile gustare prodotti enogastronomici e acquistare l’artigianato locale. Nel frattempo si assiste alla Devétéya, il ritorno delle mucche dagli alpeggi, accompagnate dai balli e dalle canzoni dei gruppi folkloristici. Dalle ore 11 alle 15 gli chef mettono in mostra la propria bravura nell’Atelier des Saveurs Gourmands, permettendo ai turisti di cimentarsi in un laboratorio di cucina e di carpire qualche segreto dai maestri. A seguire, dalle 12.30 alle 14, i ristoranti più rinomati del posto saranno i protagonisti de “Les Saveurs de l’Alpage” e prepareranno menù tipici tradizionali al prezzo fisso di 22 euro. Il giorno che conclude la manifestazione vede uno dei momenti più divertenti. Le mucche sfileranno lungo tutto il paese e, tra queste modelle d’eccezione, verrà eletta Miss Devétéya 2010: l’esemplare più bello sarà scelto da una giuria di bambini insieme al complesso musicale Lou Tintamaro Enfants.

Testo di Mauro Pinto

Link utili:

Cogne Turismo – www.cogneturismo.it

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.