Argentina: le acque miracolose della SPA Lahuen-Co

La luna di miele è un momento magico da vivere in un’atmosfera di gioia e pace: tutte le preoccupazioni quotidiane sono alle spalle, i parenti sono solo un lontano ricordo e finalmente si può godere appieno della presenza del partner. Se serve un rifugio esclusivo si può pensare di andare nella SPA Lahuen-Co in Argentina, precisamente a San Martìn de Los Andes, classificata tra le migliori 101 al mondo secondo la rivista inglese Condé Nast Traveler. Un luogo romantico situato all’interno del Parco Nazionale Lanín, dove si può ascoltare il suono dei ruscelli che scorrono, contemplare la massa imponente del vulcano Lanín e il bosco appena fuori dalla finestra. Le zone termali sono divise secondo l’uso degli antichi romani e le loro acque vengono definite dai mapuche “acque miracolose”: il benessere si sente immergendosi nel Tepidarium e nel Calidarium e poi, per temprare anima e corpo, si può fare una doccia Vichy a bassa temperatura oppure una passeggiata sulla neve. La SPA organizza sessioni di yoga, massaggi e trattamenti vari per raggiungere uno stato di relax totale e in piena comunione con la natura. La struttura è totalmente eco-sostenibile e la maggior parte dell’energia impiegata proviene direttamente da fonti rinnovabili geotermali e idroelettriche, l’isolamento termico permette di evitare sprechi. Il complesso comprende un albergo-ristorante con 11 camere e poi la SPA vera e propria con 4 piscine e varie sale: una chicca è quella di poter gustare un thè completo di pasticceria casareccia. Lahuen-Co propone agli ospiti molte attività, tra cui le passeggiate lungo i sentieri per esplorare i dintorni verso la Cascada Oconi, Hito Fronterizo, i boschi di araucarie e Epulafquen. Le navigazioni sul lago Huechulafquen e il trekking sul vulcano Lanín sono solo alcuni esempi delle avventure che si possono intraprendere.

Testo di Mauro Pinto

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.