Québec: bianco carneval

© Jean-Pierre Huard

Quando arriva l’inverno con il suo freddo abbraccio l’unica cosa da fare per difendersi è ritrovare il calore umano. L’occasione classica per farlo è il Natale, peraltro alle porte, in cui si ritrova la famiglia,

© V'lan Communications

ma un’opportunità che offre anche tanto divertimento è il carnevale. Sembra presto parlarne, eppure in Québec già da fine gennaio si aprono le celebrazioni: il Carnaval de Québec va dal 28 gennaio al 13 febbraio e la manifestazione mischia sport e tradizione in un clima pieno di allegria. Bisogna immaginare che, svolgendosi sulla neve, si tratta di un carnevale un po’ atipico perché non prevede solamente maschere e parate ma anche tornei di hockey, gare in canoa e molto altro. Spostandosi a Montréal ci si imbatte nel Montréal en Lumière, una kermesse incentrata sulle luci, sui loro effetti suggestivi mentre inondano tutte le strutture della città. Ai più giovani si rivolge l’Igloofest che dal

© Luc-Antoine Couturier

13 al 29 gennaio occuperà il porto antico con la sua musica elettronica. A Repentigny ghiaccio e fuoco sono protagonisti in un evento che si snoda attraverso sculture di ghiaccio, passeggiate in carriola, spettacoli pirotecnici e musica. Pohénégamook dal primo al 28 febbraio offre attività di svago sia per chi ama le altezze, sia per chi ama stare con i piedi per terrra: ci si può cimentare con i voli in mongolfiera oppure con la pesca bianca sul lago ghiacciato. Una ricorrenza molto antica, attribuita alla cultura acadiana, è la festa della Mi-Carême che cade a metà della Quaresima: in questa occasione si interrompe il digiuno e la penitenza per divertirsi in maschera e partecipare a grandi tavolate. Attualmente viene celebrata presso Fatima sulle Iles-de-la-Madeleine dal 30 marzo al 2 aprile.

Testo di Mauro Pinto

Link utili:

Sito del Turismo del Québec

Festival Feu et Glace

Pohénégamook

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.