Lezione di fotografia: controluce

 

controluce

Il sole alle spalle di chi fotografa. E’ stato sicuramente questo uno dei primi consigli ascoltati o letti su qualche manuale spicciolo di fotografia. Avere una sorgente di luce alle proprie spalle che illumina la scena da fotografare è sicuramente l’ideale. Ma molto spesso soprattutto durante le foto all’aria aperta, questa è una condizione non sempre replicabile.  Quante volte il monumento che ci interessa, o il panorama da sogno,   si trova con il sole alle sue spalle.

In questo caso siamo al cospetto del classico controluce.  E’ una situazione non semplice da gestire per il neofita, che spesso non riesce a capire per quale motivo ottiene delle foto con i soggetto principale scuro, e il retro correttamente esposto. Il motivo è molto semplice. La macchina fotografica contiene al suo interno un circuito esposimetrico, cioè un circuito che misura la luce della scena inquadrata. Nelle fotocamere automatiche è questo che determina la coppia tempi-diaframmi da utilizzare.

La misurazione avviene prevalentemente facendo la media della luminosità. Per questo motivo il controluce inganna l’esposimetro, facendo credere che la scena sia molto luminosa, inducendolo a chiudere molto il diaframma e magari ad aumentare il tempo di scatto, con il risultato di avere delle foto scure. Anche nel caso di reflex o di macchine fotografiche con possibilità di controllo manuale, seguendo le indicazioni dell’esposimetro si rischia di avere lo stesso risultato.

Per ovviare a questo basta semplicemente aumentare di un paio di stop (è il valore del diaframma espresso in numeri) il controllo del diaframma sovraesponendo, cioè facendo entrare più luce di quando richiede l’esposimetro. Spesso su alcune fotocamere è possibile trovare un pulsante che fa automaticamente questa operazione. Molte compatte, poi, vengono equipaggiate di software che riconoscendo una scena-tipo come questa eseguono automaticamente la correzione, rendendo inutile l’intervento manuale. Un altro classico è quello in cui si vuole fotografare una persona con il panorama sullo sfondo. Se ci si trova in ombra o la luce arriva dalle  sue spalle, è probabile avere la persona molto scura e il panorama correttamente esposto. In questo caso, è preferibile dare un piccolo colpetto di flash, che illuminerà il volto della persona da fotografare.

Leggi qui le lezioni precedenti

di Mimmo Torrese | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.