Milano. Ultimo atto d’amore

rotella marilyn 1962 220x300 Milano. Ultimo atto damoreVedessi il volto della mia anima

quando ti vedo e tremo

e diventa foglia d’ascolto.

Vedessi il dito del mio cuore

che ti indica strade sconosciute.

Vedessi il mio amore

che è tenero figlio

che cresce senza padre.

(A.Merini, Clinica dell’abbandono)

Assolutamente da non perdere questa speciale mostra-percorso originata da un progetto del 2005 di due altrettanto speciali artisti: Alda Merini e Mimmo Rotella. L’immagine di Marilyn Monroe, icona di bellezza, è il terreno di confronto artistico tra la poesia che dipinge il bello e la pittura che scrive il bello, un percorso della memoria come “ultimo atto d’amore”. Il geniale regista dell’allestimento (Pierpaolo Venier) ha creato un “percorso” tra filmati, registrazioni di voci, fotografie e recite poetiche in un continuo rimando tra la percezione profonda dei due artisti. Un capolavoro di luci, suoni e immagini che portano lo spettatore in un mondo virtuale (il letto e i fogli bianchi che prendono vita con i manoscritti originalimerini031 100x100 Milano. Ultimo atto damore e le bruciature delle onnipresenti sigarette della poetessa, il letto dell’ospedale psichiatrico circondato dalle “mura di Gerico”, l’ingrandimento della sua rossa bocca da cui si srotolano le parole di una poesia sussurrata nell’oscurità). Un cammino catartico da fare accompagnati dalle emozioni più intense tra le opere di due artisti che, come dice l’assessore alla cultura Finazzer Flory, “hanno strappato le maschere del conformismo a questa società e indicato lungo strade parallele il bisogno di una fuga verso la libertà”.

I dieci ritratti décollage di Marilyn Monroe (la speciale sorpresa creata con la bellezza dell’attrice e quella bellezza ideale e mentale della poetessa), le grandi opere su lamiera che Rotella ha realizzato tra gli anni 80 e il 2000, in gran parte inedite, esposte a Milano nelle magnifiche sale del Palazzo Reale sono un tale contrasto da far diventare “opera” l’allestimento stesso, un incanto a cui contribuisce il “sonoro” dei Poemi Fonetici composti dal Maestro nel 1949 nella speciale sezione ideata da Piero Mascitti, direttore della Fondazione Mimmo Rotella.

Testo Daniela Bozzani

Dove: Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo, 12.

Quando: dal 18/12/2010 al 15/02/2011. Lunedì: 14.30 /19.30. Giovedì e sabato: 9.30/22.30. Altri giorni: 9.30/19.30

Ingresso: 8 €

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.