Come spendere poco nei paesi scandinavi: idee e suggerimenti

Tra le mete di viaggio più belle al mondo c’è sicuramente la Scandinavia. Un fascino del tutto particolare, nordico non a caso, hanno le varie Svezia, Finlandia, Norvegia, Islanda e Danimarca. L’ideale sarebbe riuscire ad organizzare in questi posti un tour low cost, spendendo poco, adatto a tutte le tasche. Vediamo con le nostre idee e suggerimenti di farcela!

Come risparmiare sugli alloggi in Scandinavia. Ovviamente la parola d’ordine, se potete, è programmarlo il viaggio. Prenotando d’anticipo, soprattutto gli alloggi potete trovare quello che fa al caso vostro, per i vari spostamenti, pernottamenti e quant’altro, il tutto secondo le disponibilità del vostro portafogli. Sia che si tratti di alberghi, ostelli o affittacamere che sono quelli meno trovabili su internet ma più facilmente rintracciabili in loco. Fare couchsurfing (servizio gratuito di scambio di ospitalità e servizio di rete sociale), campeggio ed escursioni in montagna contribuiscono senza ombra di dubbio a una vacanza al risparmio ma se ovviamente non siete inclini a vivere la natura così da vicino spenderete qualcosa di più ma starete più comodi. Ad esempio trovando la vostra camera su una catena di hotel low cost chiamata Omenahotels. Provate la Fjord Pass, la carta sconto più vantaggiosa della Norvegia che vi consente di avere tariffe scontate sui pernottamenti. Tutte le info sul sito Fiord Pass: www.fjordtours.com

Aereo per la Scandinavia low cost. Sui voli, ma questa è una regola fissa, occhio alle offerte, ai last minute. La Norwegian da Fiumicino applica buone tariffe. Sito ufficiale con tutte le destinazioni e i costi: www.norwegian.com/it/destinazioni/RomaFiumicino-Scandinavia. Fai un check anche con le grandi compagnie, come Swiss o Lufthansa, che spesso propongono tariffe competitive per voli con scalo oppure le offerte di Rynair da Milano.

Scandinavia in auto. Per quanto riguarda gli spostamenti interni, viste le distanze molto grandi da un posto all’altro il noleggio di un’auto (rent car) è d’obbligo. Viaggiate sempre con il pieno perché le stazioni di servizio sono meno disseminate rispetto all’Italia e al resto d’Europa. In Svezia e Danimarca, ad accezione del ponte di Oresund che ha un pedaggio abbastanza elevato le strade sono gratuite. Nelle grandi città i parcheggi sono a pagamento e anche salato quindi il consiglio che vi diamo è quello di spostarvi fino alla periferia, lasciare l’auto e usare i mezzi pubblici.

Mangiare in Scandinavia. Sul cibo attenzione ai ristoranti che non sono proprio low cost. Si risparmia, e molto, prendendo qualcosa di pronto ai supermercati oppure l’occorrente per dei panini. Se volete sentirvi un po’ a metà tra la Scandinavia e gli Stati Uniti troverete molti chioschi che fanno panini hot dog per le strade. Costi contenuti e gran gusto.

Per visitare al meglio le grandi città della Scandinavia, sempre in rete, potrete procurarvi o prenotare, (ma si possono fare anche sul posto negli uffici turistici) delle card speciali come l’Oslo Pass nella capitale della Norvegia con prezzi variabili a seconda dei giorni di soggiorno, opzione perfetta per ridurre i costi di ingresso ai musei, trasporti e parcheggi.

Redazione | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.