Eleganza alla francese chez de Wan

Un grande evento nel segno dell’eleganza e dell’art de vivre alla francese a Milano, in presenza del Console Generale di Francia, Monsieur Jean Michel Despax.

 

La Regione del Cognac, l’Ente per lo sviluppo del Turismo Francese e la Maison De Wan organizzano, il 14 aprile ,un rendez-vous d’ eccellenza, presso il nuovo punto vendita di De Wan, in via Pontaccio 8 a Milano, nel cuore del quartiere  Brera, il quartiere dell’arte, della moda e del design. Un  momento di perfetta unione fra la regione del prestigioso Cognac e la De Wan, una Societa’ che ha spesso creato collezioni ispirate al gusto e all’eleganza della Francia. La storia della De Wan comincia nel 1955 a Torino, dove Erika Pasero De Wan crea un elegante e centralissimo negozio, che diventa subito un punto di riferimento per quanti amano regalare emozioni e charme a se stessi e ai propri cari. Erika De Wan anticipa stili di vita e collezioni, come quelle dei bijoux, che negli anni successivi si sarebbero affermate in tutta Italia. Oggi gli eredi di Erika De Wan creano bijoux, orologi, foulard, borse, accessori moda ed oggetti regalo, nel rispetto di una tradizione di perfezione artigianale che è alla base del successo del Made in Italy  nel mondo. La Maison De Wan è molto amata dai  francesi che vivono a Milano , a Torino,  Verona ed  a Monte-Carlo, citta’  sedi di importanti punti vendita De Wan. In occasione dell’evento  Roberto De Wan fara’ allestire le vetrine della boutique di via Pontaccio con  i colori della Francia, bianco, rosso e blu, e verranno presentate  divertenti collane a grappolo d’uva oltre a tante altre creazioni dedicate alla Francia … un preciso rimando ai  ricchi vigneti del Cognac. Il Cognac, il “liquore degli dei”, secondo la definizione di Victor Hugo, racchiude tutta l’eccellenza di un prodotto che  nasce solo dai vini bianchi delle colline della Valle della Charente, nel Poitou-Charentes, in un dolce paesaggio di vigneti,  chiese medievali, piccoli castelli. Qui si declina la “Strada del Cognac” , invito alla scoperta di un mondo di viticoltori, distillatori, cantinieri….Tappa finale :  il  cuore storico di Cognac, la città del re Francesco I, dove hanno sede le cantine delle più grandi case di produzione -Hennessy, Camus, Otard, Prince Hubert de Polignac Martell, Rémy Martin, Courvoisier,  che offrono tutto l’anno visite e degustazioni, per accostarsi ai segreti della distillazione, scoprire le cantine di invecchiamento e il “Paradis”, la cantina dove sono gelosamente custoditi i liquori più antichi. Cognac : la citta’ e il liquore  sono una cosa sola. E dopo la visita di una grande “Maison di Cognac” si può andare a scoprire l’ “Espace Découverte en Pays du Cognac”, percorso interattivo e poetico nel paese del Cognac,  il “Musée des Arts du Cognac” dove la storia del cognac è raccontata attraverso effetti sonori, olfattivi e audiovisivi e la ” Cognathèque “,  vero tempio del cognac, con la più grande collezione del mondo, oltre 400 cognac e 50 diversi pineau. ” Fare il cognac”  è arte e passione, dalla distillazione all’invecchiamento che trasforma le acquaviti in oro grazie alle alchimie tra il legno e l’alcool… Un vero incontro di due eccellenze dell’ Italia e della Francia, nel segno dell’arte e dell’art de vivre… con un tocco di eleganza in più, firmato De Wan .

 

Quando: Mercoledì 14 aprile dalle 16.30

Dove: Punto vendita De Wan, via Pontaccio 8, Milano

Contatti e info: Barbara Lovato eFrancesca Minniti, Atout France  stampa@franceguide.com; www.franceguide.com.  Roberto De Wan  dewanroberto@libero.itwww.dewan.it

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.