Autunno in Massachusetts, il foliage

Ottobre in Massachusetts è un must. In autunno la natura si tinge di rosso, di arancione, di giallo e di viola. Gli enormi alberi perdono il verde brillante dell’estate e si preparano, con un meraviglioso canto del cigno in cui le chiome si tingono di rosso fuoco, al riposo invernale.

Questo fenomeno naturale, conosciuto nel mondo come foliage, attrae ormai da decenni turisti da tutto il mondo fino in Stati Uniti. Gli alberi decidui e gli arbusti, in poche settimane, danno luogo a un fenomeno cromatico senza eguali. All’incirca dal primo di ottobre per tutto il mese, il Massachusetts celebra il foliage autunnale con una serie di eventi e consigli per goderne a pieno la meraviglia. Ecco una lista di suggerimenti per programmare un viaggio in Massachusetts in questo periodo.

  1. A nord di Boston si trova la Merrimack Valley. Percorrendo la Route 2 e poi la 4 in direzione di Lexington si raggiunge il North Bridge, famoso ponte della battaglia contro le giubbe rosse, della guerra d’Indipendenza americana, e la pittoresca cittadina di Concord. Da qui un ranger vi potrà guidare a una camminata di circa tre ore sul Battle Road Trail. Si consiglia una sosta anche a Sudbury, dove c’è la più antica locanda degli Stati Uniti.
  2. Guidate, sempre a nord di Boston, sulla bellissima Route 133 attraverso le belle cittadine di Essex, Rowley e Ipswich. Intorno a quest’ultima cittadina si conservano tra le più belle e numerose case del XVIII secolo dell’intero Paese.
  3. Provate a visitare New Bedford, la città di Herman Melville e del suo celebre Moby Dick. Potete percorrere diverse strade, tra cui la Route 6 alla scoperta di angoli incantevoli, la Route 177 per ammirare vigneti incantevoli o la Route 88 che attraversa la Horseneck Beach State Reservation.
  4. Esplorate la contea di Plymouth, dove troverete una genuina atmosfera coloniale. La Route 24 e la Route 104 attraversano foreste e laghi incantevoli. La Route 58 invece vi porterà alla scoperta dei bellissimi campi di cranberry, il mirtillo rosso americano.
  5. Come non visitare la penisola leggendaria di Cape Cod? Villaggi pittoreschi si susseguono uno dopo l’altro e fanno di questo posto uno dei più famosi del Paese. Guidate lungo la Cape Cod Bay sulla Route 6 che si allunga sul litorale per 55 chilometri.
  6. Se avete visitato il nord e il sud del Massachusetts, provate con la regione centrale. Il bellissimo lago di Quabbin Resevoir è circondato da una campagna mozzafiato e da colori superbi. Tra cervi, orsi neri e linci, percorrete la Route 28 che si snoda attraverso i pittoreschi meleti della regione. Un’alternativa più sportiva consiste nel camminare all’interno del Wachusett Mountain State Reserve.
  7. La Conte di Farnklin e Greater Spingfield sono famose per aver dato i natali alla poetessa americana Emily Dickinson e al poeta William Cullen Bryant. Colline, villaggi pittoreschi circondati da fiumi, la Route 143 e la Route 122 sono le più scenografiche.
  8. Non si può dire di aver assistito all’incantevole fenomeno del foliage senza aver visitato le dolci ed eleganti colline del Berkshires. Fermatevi nelle cittadine di Ashley Falls e Sheffield, tra le più eleganti della zona.
  9. Tuffatevi nella storia indigena americana attraverso il sentiero originale dei Nativi Mohawk, nell’ovest del Massachusetts. La Route 2 è sicuramente una delle più panoramiche del New England e dista solo duecento chilometri da Boston.

Altro evento del Massachusetts che non si può assolutamente perdere è quello dell’apple picking. Trascorrete un paio di giorni nella campagna e tra i bellissimi meleti dello stato. In tutta la zona potrete dissetarvi con un buonissimo boccale di sidro. L’Apple Fest di Princeton è la più grande festa dello stato dedicato alle mele.

Link utili: MassVacation Turismo in Massachusetts

Testo di Elena Brunello | Foto Shutterstock RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.