Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari

Mostra Gaudenzio Ferrari alla Pinacoteca di Varallo Sesia (VC) Foto di Gisella Motta

Fino al 16 settembre sarà possibile ammirare la mostra dedicata al grande artista valsesiano Gaudenzio Ferrari, limitatamente alla sede di Varallo, dove viene affrontato il primo tratto della sua carriera , dagli anni di formazione alle prove del Sacro Monte. Apertasi il 24 marzo scorso, la mostra coinvolge tre città piemontesi: Varallo Sesia, appunto, (Pinacoteca e Sacro Monte) e, fino al 1° luglio, Vercelli (L’Arca) e Novara (Broletto)  estendendosi, al di là delle sedi espositive, in chiese ed edifici delle città e del territorio, dove sono presenti affreschi e altre opere del Maestro. Questa mostra rappresenta una delle maggiori operazioni culturali promosse dalla Regione Piemonte negli ultimi anni, un’esposizione di valore, capace di riunire l’opera di un grande artista e di creare nuovi contenuti, e che potrà valorizzare un territorio ricco di un importante patrimonio storico e artistico. “Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari” è un progetto promosso e sostenuto dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Fondazione Cariplo e la partnership di Intesa Sanpaolo. L’esposizione è curata da Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa con la supervisione di Gianni Romano. www.gaudenzioferrari.it

di Gisella Motta | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.