Viaggiare con la mente: dalla finestra c’è il mondo.

Tecniche di sopravvivenza umorale in tempo di Coronavirus. Anche stando alla finestra si può andare lontano con la fantasia, attraverso un libro, un film, un cibo particolare, ascoltando musica e molti altri suggerimenti utili.

 

Andrà tutto bene, è ormai un mantra e vogliamo crederci. Ma perché sia efficace dobbiamo sforzarci tutti e stare a casa il più possibile. Ed ecco allora qualche consiglio che va oltre al tempo ritrovato e ai libri che non abbiamo mai letto.

Questa primavera inaspettata, i fiori esplosi, la natura risvegliata in un deserto di solitudine. Che fare per superare questo momento e uscirne non solo indenni, ma più consapevoli?

Oltre ai consigli che tutti stanno dispensando, per far sì che le giornate non diventino solo un susseguirsi di minuti:

dal gardening che rilassa con effetto endorfinico per la carica di colori e aria. Chi ha un terrazzo o un giardino se lo goda al massimo. Intanto rinvasare, piantare, muovere la terra, tagliare i rami secchi è un toccasana per spirito e corpo.

E poi riordino di armadi e cambio di stagione, quando potremo di nuovo uscire e metterci in ghingheri sarà tempo di abiti più leggeri.

Sistemare cantine, soffitte, stanze ripostiglio. Questo è già più impegnativo perché implica un’immersione fra polveri e ricordi, ma può essere catartico e risolutivo.

Ripulire e far brillare la casa e anticipare le pulizie di Pasqua. Un po’ deprimente forse ma utile.

Il web ci salverà

Incurante dei detrattori, il web ci viene in aiuto per andare oltre, sui social si moltiplicano le iniziative per sentirsi uniti. Protagonisti balconi e finestre: dalla Mestolata Collettiva alle jam session, dall’appuntamento per un lungo applauso a chi è in prima linea (medici e infermieri), al raduno nell’ora X per illuminare l’Italia.

Sul cibo tutti d’accordo, c’è più tempo e quindi via a preparazioni anche un po’ complicate, a piatti particolari, anche se la torta di mele vince come la ricetta più postata.  A venirci in aiuto sono le trasmissioni, i blog, e pure i tanti produttori e ristoratori che si stanno impegnando per dispensare consigli e dritte da professionisti.

Per sentirsi meno soli nascono poi aperitivi e cene on line. Amici e parenti si danno appuntamento in video per una pizza o una cena magari consegnata a domicilio sulle varie piattaforme: Skype, Meet, Zoom, Houseparty… E  in aiuto anche i moltissimi ristoranti che hanno chiuso la sala, ma continuano a cucinare delizie da consegnare a domicilio. Difficile segnalarli tutti e allora lasciamo a voi la ricerca, navigate e ne troverete sicuramente nella vostra zona.

Fra i più originali aperitivi web con meeting su piattaforme social è stato quello di un’agenzia nautica che ha raccolto tantissimi appassionati di mare e viaggi con il suo #AperiWebMondovela. Sempre in tema di aperitivi e vino interessanti le simpatiche iniziative di #stappatincasa e Winedering con degustazioni online e racconti regionali.

E la forma? Quali antidoti per non ritrovarci a fine clausura con molti chili di troppo? Ecco qua.

Lezioni di pilates, corsi di Yoga, danza etc., sono tantissimi quelli che stanno mettendo on line e a disposizione gratuitamente lezioni e competenze. E anche di  Hip hop, da seguire gli esercizi dell’Associazione 232 . Dopo di che, fino a nuovo ordine, una corsa o camminata veloce si possono sempre fare, mantenendo le distanze di sicurezza.

Solidarietà, cultura e intrattenimento

Si moltiplicano le iniziative solidali. Spazio alla solidarietà creativa su YouTube, con L’Italia Chiamò, Il live stream solidale a favore della Protezione civile con musei, artisti e giornalisti uniti (https://www.youtube.com/MiBACT)  per la raccolta fondi. L’iniziativa si inserisce nella campagna #iorestoacasa. Sullo stesso canale prosegue la programmazione di nuovi video prodotti dai musei italiani in cui vengono raccontate mostre presenti e passate, attività giornaliere e la vita al museo.

I virtual tour nei musei sono un ottimo modo per scegliere quello che vi piace di più e pianificare una visita reale appena possibile, perché finirà ne siamo certi e #andratuttobene. Da smartphone o da pc, si può camminare tra le stanze degli Uffizi a Firenze o tra le rovine del Mercato di Traiano a Roma. Se si ha un visore per la realtà virtuale, invece, si può godere della realtà immersiva creata dalla Reggia di Versailles. Un salto ad Amsterdam per visitare tutte le stanze della casa di Anna Frank. La lista delle collezioni di opere d’arte e di enti nazionali e internazionali visitabili online è davvero lunga. Molti di questi, come il British Museum, sono accessibili direttamente da Google Arts & Culture.  Le  new entry sono il museo Archelogico di Atene, il Museo del Prado a Madrid, l’Hermitage di San Pietroburgo.

E Losanna propone un interessante virtual tour: tra una sosta in un ristorante trendy o in una antica “pinte”e una visita fra le sale di in uno dei suoi musei, si può assistere a uno spettacolo del  prestigioso Béjart Ballet. Sul blog di My Lausanne https://www.my-lausanne.com/fr/stayathome.

Anche i teatri si attivano per entrare nelle nostre case, come la Fondazione Nuovo Teatro Faraggiana con i Vespri danteschi per #essercidacasa

Libri per viaggiare con la mente

Per incoraggiare la voglia di lettura ci pensa bookabook, prima casa editrice italiana che pubblica libri attraverso il crowdfunding. Sulla piattaforma è disponibile un vasto catalogo di titoli di ogni genere e adatti a tutte le età che possono essere acquistati e scaricati direttamente dal sito in formato ebook oppure ordinati in formato cartaceo.

E molte biblioteche hanno messo a disposizione on line i proprio cataloghi, è il caso di Milano e Torino.

Windows

“La mia finestra sul mondo” è stata la Tv, ha detto Nic Pizzolatto, scrittore e sceneggiatore statunitense e Bill Gates ha chiamato semplicemente Windows il suo sistema operativo, e allora affacciamoci e prendiamo il meglio.

Godersi un film seduti sul divano scaricato e scelto e per voi? Tutti i maggiori canali stanno proponendo nuovi film, mettendo a disposizione film d’autore, serie, non c’è che l’imbarazzo della scelta. La Tv offre tantissime programmazioni on demand per vedere e rivedere film, ficton, documentari, come Rai Play e Mediaset. Per non parlare di Netflix, Apple Tv, Infinity.

Fuori dagli schemi Open Distribuzioni Dal Basso: si può vedere gratuitamente lo streaming di film selezionati e programmati da OpenDDB, come se fosse un canale televisivo. A donazione libera invece se si vuole vedere una pellicola in particolare. MyMovies Film d’autore gratuiti (ad orari specifici) e Torino Underground Cinefest in streaming.

La radio compagna insuperabile.

Al tempo dell’ultima guerra era l’unica fonte ufficiale, insieme ai giornali. Per tanti rimane la compagna migliore di viaggi in auto o al lavoro. Oltre alle radio che si stanno impegnando in programmazioni interattive, ecco alcune novità. Intanto possiamo davvero girare il mondo al link di Radio Garden. Qui appare un globo cosparso di punti verdi e ognuno è una stazione radio. Cliccando si entra in diretta con l’emittente scelta, che sia in Sry Lanka o in Mauritania, in Salvador o in Tasmania.

Storie al Telefono è invece  un canale Telegram, promosso da Radio Città Fujiko, per condividere letture ad alta voce.  Radio Quartiere è un’emittente senza palinsesto che ha l’obiettivo di tenerci compagnia in questi giorni in cui le nostre abitudini sociali cambiano. Ogni ascoltatore può progettare e programmare la radio. Come? Basta inviare i contenuti audio che vuoi far ascoltare e proporre una diretta da casa tua. Leggi un passaggio di un libro, la tua playlist preferita per il risveglio o manda un messaggio vocale.

#viaggiareconlamente #andratuttobene #iorestoacasa

di Teresa Scacchi,  foto Teresa Scacchi e Gianfranco Podestà|Riproduzione riservata ©Latitudeslife.com

Sfoglia l’ultimo numero di Latitudes Travel Magazine

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.