L’India al Lingotto – Torino

Il viaggio inizia dalla mente. I libri ci portano lontano. Il salone del Libro è un evento da non perdere. Una manifestazione culturale di notevole interesse, quest’anno dedicato alla letteratura giovane indiana, una nazione che sembra muoversi a un ritmo sempre più frenetico e dove le donne trovano sempre più spazio; scordatevi l’India spirituale e meditativa, oggi le metropoli indiane sono violente e corrotte, e da quest’India è uscita una nuova generazione di scrittori che descrivono Mumbai come la città del peccato dove le luci hard convivono con quelle di Bollywood. Attesissimi quindi i nuovi romanzi noir di giovani penne come Tarun Tejpal il ” Saviano” indiano e Vikas Swarup (ha scritto il libro da cui è stato tratto “The Millionaire” )  tutti e due al Salone il 15 Maggio. Super attesa invece l’arrivo della scrittrice Tishani Doshi, per presentare il suo ultimo romanzo. Star del salone del libro di Torino, è una delle più raffinate autrici indiane, scrittrice di un romanzo autobiografico: l’amore tra sua madre, Gallese, e suo padre, Indiano. Provenivano da famiglie tradizionali e hanno preso decisioni controcorrente basate sui sentimenti. Unico filo conduttore: ” il piacere non può aspettare “, da cui il titolo del libro. Appuntamento per domenica 16 Maggio. Chi vuol farsi un’idea di che lingue parla invece la giovane letteratura italiana, Giovanna Zucconi presenta, in un colpo solo, sei nomi giovani: Emmanuele Bianco, classe 1983, che con Fandango ha pubblicato ” Tiratori scelti ” , Valentina Brunetti che, dopo anni di silenzio editoriale è tornata con ‘I cani vanno avanti’ di Alet, e poi Matteo Nucci, selezionato per lo Strega, Thomas Leoncini, Leonora Sartori, Giuseppe Schillaci. In fiera c’è anche Silvia Avallone, anche lei ” selezione Strega ” con il suo “Acciaio” .

Testo: Samantha Lamonaca

 

Per info: www.salonelibro.it

Dove: Torino

Quando: 13 – 17 Maggio 2010

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.