Viaggi a piedi | Parole itineranti lungo la Via Francigena senese

Cinque giorni di cammino per dimenticare i ritmi della modernità e assaporare il gusto della lentezza: travel blogger, giornalisti e semplici viaggiatori percorrono insieme la Via Francigena da Radicofani a Monteriggioni per dare vita a un racconto corale, documentato ogni giorno da Latitudeslife, dai siti che fanno capo al network del Movimento Lento e dal portale turistico della Provincia di Siena.

La partenza è prevista per il 27 maggio. Il tracciato si snoda attraverso campi di grano, filari di vigne e distese di ulivi, borghi medievali, masserie e conventi isolati. Tappe di suggestiva bellezza scandiscono le giornate di cammino dalla rocca di Radicofani alla Val d’Orcia, dalle terme di Bagno Vignoni alle “crete” colorate fino a Siena e alle torri del castello di Monteriggioni, paragonate da Dante a giganti che sorvegliano il pozzo dell’Inferno: un tracciato vario, percorso da migliaia di persone ogni anno, oggi come in passato. L’esperienza si chiude a Monteriggioni con il Festival della Viandanza, dal 31 maggio al 2 giugno 2013. È questa l’occasione per riflettere su modalità di viaggio alternative e per partecipare a dibattiti itineranti sul turismo sostenibile alternati a passeggiate consapevoli e meditative, a piedi e in bicicletta. Non mancano gli incontri con personaggi noti come Moni Ovadia, Paolo Rumiz e Wu Ming, e le chiacchierate con grandi viaggiatori che riveleranno al pubblico le motivazioni dei loro itinerari, le modalità di organizzazione e di preparazione del bagaglio perfetto. Sono in programma spettacoli per famiglie con bambini durante il giorno e concerti per la sera. In una vera e propria aula a cielo aperto germoglieranno storie, idee e nuove prospettive per un futuro in cui la viandanza ritorni a essere protagonista.

Info: Festival della Viandanza

Testo di Elena Arneodo © RIPRODUZIONE RISERVATA | Foto web

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.