[FOTO] Canale di Panama: nel 2014 compie cento anni

Anniversario importante per Panama che il 15 agosto 2014 ricorda la storica giornata in cui il canale assistette al passaggio della prima nave lungo la via d’acqua fra i due oceani. A un secolo dalla costruzione, l’imponente opera d’ingegneria è una delle principali rotte principali di navigazione al mondo e prevede importanti innovazioni per il futuro.

I cento anni del canale di Panama coincidono, infatti, con una svolta nel progetto per l’ampliamento delle chiuse e della conca idrografica, iniziato nel 2009: una volta terminati, i lavori permetteranno un significativo aumento del traffico in entrata, permettendo la possibilità di passaggio anche alle navi di maggiori dimensioni.
L’esposizione presso il Centro Visitatori Miraflores permetterà di scoprire e approfondire lo sviluppo dei lavori, ammirando l’apertura delle chiuse dal punto di vista privilegiato sulle terrazze. La mostra itinerante interattiva Experiencia Centenario del Canal metterà a disposizione di adulti e bambini mappe, touch screen, 3D e fotografie per conoscere la storia del canale attraverso materiali audiovisivi interdisciplinari.
Inoltre, durante il mese di maggio sarà presentato al pubblico il libro 100 años, 100 hitos di Manuel Orestes Nieto, oltre all’uscita del film Historias del Canal, Manglar Productions, costruito su cinque cortometraggi di 20 minuti ciascuno.

I lavori di costruzione del Canale di Panama iniziarono nel 1904. Gran parte degli scavi venne realizzata a Corte Culebra, nella Cordigliera Centrale di Panama: per ultimare i lavori furono necessari dieci anni e oltre 30mila persone, provenienti da più di trenta Paesi. Il celebre sombrero de paja toquilla intrecciato a mano con fibre di palma nana, celebre come panama, nel novembre del 1906 fu immortalato sul volto del presidente degli Stati Uniti Theodore Roosevelt, in visita a Panama.
Inizialmente si pensò di edificare un canale a livello del mare, tuttavia la grande difficoltà negli scavi diede una nuova direzione ai progetti, che portarono alla costruzione di chiuse. Iniziati nel 1907 e condotti dal Genio Militare USA, i lavori si conclusero il 3 agosto 1914. Oggi la via d’acqua artificiale permette di risparmiare circa 26.000 chilometri e una trentina di giorni di navigazione rispetto alla rotta via Capo Horn, che venne operata fino al 1914.
Lungo 81 chilometri, il Canale di Panama è percorribile fra le 5 e le 6 ore: la sua profondità varia da 12 a 13 metri, raggiungendo l’ampiezza massima nel lago Gatún e minima nel segmento della Culebra, con un sistema di sei chiuse grazie a cui è possibile superare un dislivello pari a 28 metri. Fino all’inaugurazione del Centennial Bridge nel 2004, per 42 anni il Ponte delle Americhe, inaugurato nel 1962 con il nome di Thatcher Ferry Bridge e noto come Puente de las Américas, fu l’unica struttura stradale costruita sull’omonimo canale: costato 20 milioni di dollari USA, per lunghi anni fu l’unico, esile trait d’union fra le Americhe.
In occasione dei festeggiamenti per i cento anni del Canale di Panama numerose le celebrazioni, così come gli eventi previsti: culmine dell’anniversario l’intenso spettacolo della Noche de Gala Centenario, trasmessa in diretta televisiva, che illuminerà la notte con l’effervescenza di una lunga storia che oggi volge lo sguardo al futuro.

Info Ente del Turismo Panama

Maddalena De Bernardi
RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.