In Perù? Mi porto il fotografo di Latitudes

Perù

Il Perù  è una meta sempre molto gettonata e sul mercato si trovano molti pacchetti  a prezzi sicuramente interessanti, ma la proposta “Perù da fotografare” studiata e pensata nei dettagli da Vuela  è mirata appositamente per gli appassionati di reportage, per chi ama l’antropologia, i riti tribali e i mercati colorati oltre naturalmente per chi ha sognato tutta la vita di vedere il Machu Picchu. Il viaggio, si sa, rende felici,  ma poter catturare con la macchina fotografica visi, paesaggi, tramonti, angoli particolari, dà una grande soddisfazione  e consente di poter avere per sempre ricordi indelebili di un viaggio pieno di emozioni. Il problema è che spesso le foto dei turisti sono bruttine: la luce è sbagliata,  il volto del bambino è statico e l’alba è di un giallo-grigioletto che non dice proprio nulla. Ecco  quindi  per un turista appassionato di fotografia diventa fantastico vivere l’esperienza di un autentico reportage  a fianco di un fotografo professionista che da tempo collabora anche con Latitudes, in questo caso Vittorio Sciosia, per imparare  a utilizzate i giochi di luce e i colori che permettono di realizzare scatti da incorniciare. Il Perù poi è un paradiso per i fotografi con i suoi mercati coloratissimi, i volti dei quechua e degli uros  segnati dal tempo ma sempre sorridenti, i monumenti degli Inca, le mille sfumature della gastronomia locale che spazia dal rosso del peperoncino rocoto al giallo dell’aji amarillo fino al verde del coriandolo.

L’itinerario è molto articolato  e partendo da Lima, tocca  Paracas e le Isole Ballesta dove si arriva in barca navigando fra leoni marini, pellicani e pinguini mentre in lontananza si ammira il Candelabro, una figura gigantesca, di origine ancora misteriosa, nello stile delle Linee di Naza, disegnata nella sabbia al lato di una collina. Poi si arriva a Ica, Huacachina dove è in programma un emozionante sand boarding a bordo di  una  dune buggy.  Nuova tappa alla millenaria necropoli  degli Inca-Chincha di Chauchilla a 26 chilometri a sud est della città di Nazca, Si prosegue verso Chalhuanca e poi Cusco dove si ammirano il Tempio del Sole o Koricancha e i complessi inca di Kenko. Quindi il programma prevede un viaggio  privato al villaggio di Chinchero, alle miniere di sale di Maras e alle terrazze circolari di Moray, dove gli Inca hanno realizzato in una cavità naturale, delle terrazze disposte a livelli concentrici, ognuna delle quali veniva utilizzata per coltivare ortaggi differenti, a seconda del grado di umidità e dell’altitudine. Molti ritengono anche che le terrazze abbiano un significato astronomico. A Puca Purcara sosta davanti all’imponente Fortezza di Sacsayhuaman, e poi escursione  su stretti sentieri di montagna fino al sito archeologico di Pisac.  Tra gli edifici più importanti dell’area, troviamo Intihuatana, un gruppo di tempi, l’area denominata “Q’Allaqasa”, la cittadella eretta su uno sperone naturale.

Molto interessante il mercato artigianale e tessile che offre una interessante esperienza ai fotografi dal momento che la piazza principale, dove si svolge il mercato, si riempie di una quantità incredibile di prodotti coloratissimi. Ottima  quindi opportunità per acquistare oggetti artigianali di Pisac e delle comunità vicine. Ma il programma prevede anche la visita al complesso archeologico di Ollantaytambo, uno degli insediamenti umani più antichi che mostra il migliore esempio di pianificazione urbanistica degli Inca. La parte più interessante è la fortezza – tempio, costruita con enormi pietre. Da qui il gruppo prende il treno  fino alla Città Perduta degli Inca, Machu Picchu il sogno di chi fa un viaggio in Perù: tour guidato della Cittadella, visitando la Piazza Principale, la Torre Circolare, l’Orologio Solare, gli appartamenti reali, il tempio delle Tre Finestre e il cimitero. Ma per scoprire l’affascinante paesaggio andino, nulla di meglio del treno di lusso Andean Explorer. Esperienza unica per tutti tra montagne, nuvole, cime innevate. Un viaggio di dieci ore per assaporare paesaggi incredibili tra montagne, dolci pianure e villaggi, per terminare a Puno, sulle sponde nel maestoso Lago Titicaca, il lago più alto  al mondo, situato a 3.812 metri sopra il livello del mare.

L’ultima  emozionante escursione è su una barca a motore sul Lago Titicaca per visitare le Isole Flottanti degli Uros, antico popolo del lago, conosciuto anche come la Tribù Acquatica. Questa gente, nativa delle Ande, costruisce delle isole intrecciando delle canne di totora e ancorandole al fondo del lago. Lo stesso materiale è usato per realizzare le loro case e barche. La navigazione continua fino all’Isola di Taquile, abitata dai nativi quechua che hanno sviluppato una bellissima tecnica di tessitura.

Il viaggio dura 18 giorni a cavallo delle vacanze di Pasqua (partenza il 12 e rientro in Italia il 29 marzo) con guide e mezzi privati o suggestivi come il treno di lusso Andean Explorer.  La quota di 3.800 euro (supplemento camera singola: 510 euro) comprende il volo intercontinentale e nazionale, pernottamento in hotel con prima colazione, 11 pranzi, 12 cene, trasferimenti e assistenza, trasferimento via terra da Lima a Cusco con mezzo privati, visite ed escursioni come da programma, assicurazione medico bagaglio. Sono esclusi: tasse aeroportuali dei voli  (circa 535 euro) la quota d’iscrizione (40 euro).

Per Info:

Vuela con noi di Vuela srl – via Padova 60 – 20131 Milano; tel. 02.26.80.91.17, info@vuela.it, pagina Facebook

di Graziella Leporati | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.