Regala uno foto per Capo Verde

L’associazione Italo-Capoverdiana Casa de Cabo Verde, con il patrocinio del Consolato di Capo Verde per Milano e Lombardia, lancia una call a sostegno del progetto Mãos Unidas – Mani Unite, che vedrà impegnate associazioni italiane e capoverdiane a sostegno dell’emergenza Covid-19. Latitudeslife sarà media partner dell’iniziativa.

L’iniziativa

L’idea del progetto è di chiedere a tutti i fotografi professionisti italiani, capoverdiani e di altre nazionalità che hanno avuto la fortuna di realizzare reportage sulle isole sperse nell’Atlantico, di fare un atto di generosità e nello stesso tempo di regalare bellezza.

Come? Donando uno scatto al progetto che verrà messo in vendita on line con la collaborazione di Latitudeslife, che con la fotografia ha un particolare legame e che sarà media partner dell’iniziativa.

Come fare a partecipare con le vostre foto? Inviate la vostra adesione e uno scatto a vostra scelta in alta definizione accompagnato dalla liberatoria, titolo, descrizione della foto e anno di realizzazione a press@consolatocvmilano.com entro il 31 maggio 2020.

Come saranno veicolate le foto: saranno disponibili sulla piattaforma di Mãos Unidos o accedendo al sito Latitudeslife.com. Saranno date a fronte di una donazione minima stabilita e con modalità da stabilirsi

Il progetto Mãos unidas – Mani Unite

L’Associazione Casa de Cabo Verde con il Patrocinio de Consolato Onorario di Capo Verde, ha lanciato il progetto Mãos unidas -Mani Unite per aiutare le popolazioni più fragili economicamente in alcune delle isole dell’arcipelago. L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con la Croce Rossa Capoverdiana e con altre associazioni capoverdiane fra cui l’Associazione di lotta contro la violenza di genere.

Tramonto a Ervatao una delle spiagge di Boavista (©Photo Eugenio Bersani)

La chiusura al turismo, l’emergenza sanitaria, la quarantena, stanno mettendo a dura prova l’economia del Paese, che presenta delle sacche di povertà molto estese ed ora vede diminuire drasticamente anche i redditi delle classi medie. In questo quadro già preoccupante appare ancora più critica la situazione della donna, spesso unico capofamiglia con numerosi bambini da accudire e sfamare e in molti casi vivendo in abitazioni fatiscenti e quartieri degradati.

L’iniziativa Mãos unidas– Mani Unite ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare all’acquisto di alimenti, prodotti per l’igiene e altri, indispensabili per garantire una sussistenza dignitosa alla popolazione capoverdiana più colpita dall’emergenza. Per promuovere e rafforzare il progetto si è pensato, tra l’altro, di coinvolgere chi ha illustrato e testimoniato nel tempo con le proprie immagini la bellezza e i contrasti di questa splendida terra. L’obbiettivo è di creare una raccolta fondi per acquistare beni di prima necessità da distribuire (tramite ad es. le ceste solidali) alla popolazione capoverdiana più colpita dall’emergenza; in particolare su quattro isole: São Vicente, Santiago, Boa Vista e Sal.

La situazione del turismo

Alcune isole di Capo Verde hanno nel turismo la principale e indispensabile fonte di reddito. Con la chiusura delle frontiere, dei voli, degli hotel e di tutto l’indotto, hanno visto azzerarsi completamente introiti e stipendi. Il Governo si sta attivando per sostenere la popolazione costituita in maggioranza da famiglie in cui le donne sono il fulcro. La vera emergenza arriverà tuttavia quando finiranno i fondi (e si spera anche la pandemia), ma il turismo non sarà ancora ripreso e a regime. Ecco che allora ci sarà bisogno di attenzione e sostegno alle fasce più deboli. Per questo motivo si è pensato di organizzare dei container da fa viaggiare rapidamente e distribuire in loco principalmente con l’aiuto di organizzazioni e associazioni già attive e operanti nelle isole.

Boavista Capo Verde ©Photo Eugenio Bersani

L’idea di lanciare questa call insieme alla rivista Latitudeslife è una piccola parte di tutto il progetto che vede impegnate associazioni e aziende. La campagna sarà sostenuta anche sui social con post, stories e dirette. Ai fotografi verrà rilasciato un attestato di ringraziamento da parte degli attori del progetto ed in seguito si potrà organizzare una mostra con gli scatti raccolti.

Per chi apprezza la fotografia e ama Capo Verde è una buona occasione e soprattutto un modo concreto per sostenere la parte più povera ed esposta della popolazione locale, con le donne e i bambini anello debole e maggiormente a rischio.

A cura di Redazione | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.