Negli ultimi tempi si sente sempre più parlare di inquinamento in montagna, causato dall’azione ripetuta di escursionisti poco attenti al rispetto dell’ambiente.

escursione-in-montagna
Foto di Pexels da Pixabay

Come ha fatto notare il CAI (Club Alpino Italiano), i frequentatori della montagna sono assolutamente tenuti a rispettare i luoghi naturali, per evitare di aumentare il livello di rifiuti abbandonati nell’ambiente e rappresentare una vera e propria minaccia per la biodiversità, già messa in ginocchio per diversi motivi.

Come comportarsi, quindi, e cosa invece sarebbe meglio evitare quando ci si trova ad alta quota?

Accessori, indumenti, rifiuti

La crescente consapevolezza dell’importanza della scelta dei materiali utilizzati ogni giorno sta portando moltissime persone a preferire indumenti e oggetti di qualsiasi tipo che siano fatti con materiali sostenibili.

A tal proposito è bene evitare l’uso della plastica (soprattutto se monouso) e prediligere oggetti come borracce e altri contenitori riutilizzabili, che permettono di fare a meno di bottiglie di plastica, scatolette di alluminio e simili.

Naturalmente non bisogna mai disperdere rifiuti di alcun tipo nell’ambiente: se non sono presenti cestini lungo il sentiero di montagna è meglio raccogliere i propri rifiuti in un sacchetto e portarlo con sé, per poi smaltire il tutto in maniera adeguata, seguendo le norme locali in fatto di riciclo.

Se se ne ha la possibilità, è il caso di raccogliere rifiuti che potrebbero danneggiare piante o animali, come lattine di alluminio, tappi di bottiglia o bottiglie rotte, facendo attenzione a non farsi male.

Per quanto riguarda gli indumenti sportivi, bisognerebbe preferire l’acquisto di capi e calzature in tessuti tecnici green, ossia fatti interamente con fibre riciclate o di origine naturale, evitando prodotti sintetici e di bassa qualità.

Inquinamento acustico

Abituati come siamo ai chiassosi e caotici ambienti urbani, dove il silenzio assoluto è davvero molto raro, durante le escursioni tendiamo a sottovalutare l’impatto che ha la nostra presenza dal punto di vista acustico.

In un ambiente silenzioso e rilassante come la montagna, infatti, anche il più piccolo rumore improvviso potrebbe spaventare o disturbare gli animali presenti nelle vicinanze. Per questo l’uso di motociclette e di altri mezzi di trasporto rumorosi è altamente sconsigliato, perché poco rispettoso per la fauna circostante.

Sarebbero invece da preferire dei mezzi di trasporto silenziosi e non inquinanti come le biciclette, ancora meglio se elettriche; non tutti sanno, infatti, che oltre alle city bike esistono anche mountain bike elettriche (full suspension), ideali per percorsi escursionistici nella natura.

Reperire questi modelli è ormai molto semplice: è possibile ad esempio acquistare una bici elettrica sul negozio di ciclismo Bikester.it, e-commerce di settore che presenta una vasta possibilità di scelta.

Se ci si sposta a piedi, bisogna evitare di ascoltare musica ad alto volume direttamente dallo smartphone; una soluzione utile a tal proposito può essere l’acquisto di auricolari wireless come quelle presenti nella sezione dedicata agli accessori sul negozio di elettronica Huawei ad esempio, ottimi per chi vuole tenere un buon ritmo durante la camminata.

In ogni caso, parlare a bassa voce o cercare di restare in silenzio durante il percorso è un ottimo modo per godersi a pieno i suoni rilassanti della naturae trarne beneficio non solo dal punto di vista fisico e motorio, ma anche a livello psicologico.

di Redazione |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.