cefalù-sicilia-cattedrale
La cattedrale di Cefalù illuminata Foto di MichelangeloMignosa da Pixabay

Negli ultimi anni il turismo è stato un settore duramente colpito dalla pandemia da Covid 19 e siamo stati più o meno tutti costretti a stare in casa. Ma finalmente, già a partire dallo scorso anno sembrerebbe, che sia molto più facile e sicuro riuscire ad organizzare le vacanze estive.

Una delle mete più ambite del Bel Paese che attrae moltissimi italiani, ma anche molti stranieri è il mare che bagna le coste della Sicilia. Per raggiungere mete come Palermo, Termini Imerese, Catania o Messina è possibile usufruire dei numerosi traghetti che ogni giorno giungono sull’isola, come ad esempio quelli offerti da traghetti Sicilia.

In questo articolo abbiamo preparato due itinerari che prendono in considerazione due diverse città di arrivo: Catania e Palermo.

Cosa vedere i 5 giorni in Sicilia arrivando a Catania

catania-duomo-etna-innevato
Il Duomo di Catania e l’Etna sullo sfondo © Shutterstock Michal Hlavica

Se hai deciso di passare 5 giorni in Sicilia e arriverai a Catania, questo itinerario ti sarà molto utile. Il nostro consiglio è quello di non dedicare più di un giorno a Catania quando ne hai solo 5 a disposizione; tuttavia una volta arrivato in città si può andare subito a fare una passeggiata a Piazza del Duomo e visitare anche il Duomo di Catania dove nelle vicinanze è possibile anche fare un giro nel mercato locale o fare shopping in via Etna.

La tappa successiva è Siracusa dove si può raggiungere anche l’isola di Ortigia, visitando il centro storico a piedi si può arrivare in Piazza del Duomo fino ad arrivare al porto dei pescatori. Una volta arrivato in questa zona non puoi certo non andare a visitare il Castello Maniace e il parco archeologico della Neapolis.

Gli ultimi due giorni possono essere dedicati a Taormina che ha un centro storico meraviglioso dove si può trovare la Chiesa della Madonna della Rocca e ammirare tutta la città dall’alto. Da queste parti c’è anche la bellissima spiaggia di Isola Bella; ma a Taormina c’è anche il teatro Greco che merita una visita e le Gole dell’Alcantara famose in tutta Europa.

Itinerario di 5 giorni arrivando a Palermo

sicilia-palermo-cattedrale-tetto
Panorama dai tetti della Cattedrale di Palermo ©Shutterstock

Se invece di arrivare a Catania, hai deciso di attraccare a Palermo probabilmente vuoi visitare la costa ovest della Sicilia. Nella capitale si può visitare il Palazzo dei Normanni, la Cattedrale e ovviamente tutto il centro storico.

Lontana ma non tanto dalla capitale troviamo Agrigento, meta quasi obbligatoria quando si passa per la Sicilia. La Valle dei Templi è sicuramente un’attrazione turistica che vale la pena vedere e per concludere in bellezza la giornata consigliamo vivamente di andare a vedere il tramonto alla Scala dei Turchi.

Per il tuo terzo giorno in Sicilia ti consigliamo di andare a Selinunte dove potrai visitare il parco archeologico di Selinunte e si possono trovare numerose spiagge libere dove godersi una giornata di mare all’insegna del relax.

Per gli ultimi due giorni sull’isola consigliamo di andare a Trapani dove si può approfittare dell’incredibile vista sulle Saline di Marsala. Molto interessante da vedere potrebbe essere il paesino arroccato tra le montagne di Erice e il giorno seguente dedicare la giornata all’isola di Favignana o una delle Egadi.

Testo di Redazione|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.