A Berna i guerrieri di terracotta dell’imperatore Qin



Hanno  quasi 2300 anni ma non li dimostrano affatto.li potete vedere da vicino a Berna (Svizzera) in una imperdibile mostra fino al 17 novembre.


Ancora fino al 17 novembre c’è tempo per visitare a Berna la mostra Qin – L’imperatore eterno e i suoi guerrieri di terracotta, presso il Bernisches Historisches Museum. Il suo monumentale mausoleo, considerato l’ottava meraviglia del mondo e protetto dall’UNESCO quale Patrimonio dell’Umanità, è uno dei rinvenimenti più strabilianti del XXI secolo.

La sua scoperta, rocambolesca, si deve ad alcuni contadini che, scavando un canale di irrigazione nei pressi della antica capitale Xi ‘An (Shaanxi),  rinvenirono, prima dell’acqua, teste,  braccia e gambe di terracotta. Era la primavera del 1974. Oggi nel luogo del ritrovamento c’è una fossa lunga 200 metri e larga 70, con 6.000 tra soldati e cavalli in terracotta a grandezza naturale che costituiscono l’esercito funebre del primo imperatore cinese Qin Shi Huangdi.

Al suo mausoleo, che misura 56 kmq e conta 180 fosse, lavorò per 40 anni un esercito (questo vivente) di 700.000 uomini, che pure non riuscì a completarlo prima della morte di Qin per colpa della smisurata megalomania dell’imperatore. La camera funeraria, non ancora portata totalmente alla luce, sarebbe così profonda da attraversare 3 livelli di falde acquifere, con pareti in bronzo e circondata da fiumi di cinabro, cioè solfato di mercurio che, per la filosofia taoista, sarebbe un attivatore energetico per l’immortalità.

Il primo imperatore della Cina fu una figura storicamente controversa. Ai suoi meriti vanno ascritte la riunione dei vari regni in un unico impero, l’adozione di una lingua e di una scrittura comune, di un’unica moneta  e di comuni unità di misura e la costruzione della Grande Muraglia per difendersi dai bellicosi popoli del nord. Ai demeriti una spiccata avversione per  i libri e gli oppositori, bruciando i primi, se sgraditi, e seppellendo vivi i secondi.

I guerrieri di terracotta esposti a Berna consentono un contatto ravvicinato, impossibile a Xi’ An, che permette di verificarne le fattezze, tutte diverse uno dall’altro. Sono alti 1,80-1,95 m. vuoti nella parte della testa e del torso e pieni dalla vita in giù per conferire loro stabilità. Alcuni hanno ancora tracce di colore e di armature, mentre i fregi d’oro e le armi, che impugnavano mani ora vuote, furono saccheggiati  dai sostenitori della dinastia Han che succedette ai Qin.

L’esposizione è curatissima: teche ben distribuite con assenza di riflessi, luce soffusa e dida plurilingue, che contengono oltre 220 preziosi reperti scelti con attenzione, accompagnano al clou, costituito dal gruppo di guerrieri, in rappresentanza dell’esercito pensato per proteggere anche nell’aldilà un imperatore che, atterrito dalla paura di una morte violenta per mano di cospiratori, dormiva ogni notte in una stanza diversa tra le 10.000 del suo palazzo.


Testo di Federico Klausner | Foto Bernisches Historisches Museum | © RIPRODUZIONE RISERVATA


Informazioni utili

Dove: Bernisches Historisches Museum, Helevetiaplatz 5, 3000 Bern 6.

Quando: 15/3 – 17/11/2013.

Orari di apertura: Mar – dom 9 – 18. Lun chiuso. Lunedì Festivi  ore 9 – 18.

Biglietti:  Alle casse oppure prenotazione telefonica t.+41 900 808 900 o ancora su www.qin.ch. Adulti 28 CHF, bambini 6-16 anni 14 CHF. Famiglie 2 adulti e 3 bambini 60 CHF. (1 CHF = 0,85 €)

Collegamenti: Alla stazione ferroviaria prendere l’uscita Christoffelunterführung vicino ai magazzini LOEB e poi camminare per 20 minuti seguendo  la segnaletica con la testa di guerriero di terracotta. Bus 19 direzione Elfenau e scendere a Helvetiaplatz. Tram T dalla piazza della stazione 7 minuti fermata Helvetiaplatz. Da Helvetiaplatz 2 minuti a piedi.

Catalogo: splendido catalogo in tedesco, francese e inglese Qin- L’imperatore eterno e i suoi guerrieri di terracotta edito da Maria Khayutina, direttrice scientifica del museo per conto del BHM. 58 CHF.

Audioguide: in tedesco, francese, inglese e italiano, 5 CHF. Oppure scaricabili da AppStore o Play store (4 CHF). Visite guidate t.+41 848 808 900.

Ristoranti nel museo: Qin, cucina asiatica e Bistro Steinhalle.

Offerta RailAway treno + museo: sconto 10% sul biglietto ferroviario e 5% su entrata.

Link utili: sito del Bernisches Historisches Museum, in tedesco francese e inglese; Esposizione Qin; informazioni sulla città di Berna

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.