Notte bianca sul Meno

 

di Teresa Scacchi

Francoforte è una città viva e vivace, nel suo quartiere più creativo Il Bahnhofsviertel  il 20 agosto si festeggia con una notte bianca. Ed è bellissimo vivere la notte lì, sono tutti in strada, felici e sorridenti, in un vero clima di festa, sicuro, confortevole e mitteuropeo. Francoforte è una bella città e vale un viaggio o una sosta, per  i suoi quartieri lungo il Meno, le case tipiche, i musei e i grattacieli.

Il Bahnhofsviertel è un quartiere in continuo cambiamento, ha un fascino particolare tanto da essere stato definito “a place to be“ dal New York Times. Nessun altra zona della città sul Meno è così ricca di contrasti e dinamica qui, il multiculturalismo è evidente e si intreccia con la vita urbana. Il quartiere che, come si intuisce dal nome, è quello della Stazione Centrale, è forse quello che meglio rappresenta i contrasti della cosmopolita e poliedrica Francoforte.

Affollata zona di transito, è un mix tra gli ultramoderni grattacieli delle banche e gli edifici di inizio Novecento. E’ il quartiere più multiculturale della città: Ristoranti etnici e negozi da tutto il mondo, si possono trovare specialità internazionali e classici rivisitati. La via da non mancare per un viaggio alla scoperta della gastronomia etnica è la colorata Münchener Straße, dove si concentrano i ristoranti, i chioschi e i negozi di specialità da tutto il mondo. Al civico 18, per esempio, „Maxie Eisen“ offre prelibati piatti della cucina ebraica. Tra le specialità della casa si trova il panino ebreo-americano al pastrami. Pochi metri più avanti gli stessi proprietari hanno recentemente aperto il raffinato ristornate „Stanley Diamond“ (Ottostraße 16-18). Abbandonata la cucina etnica, i piatti così come la carta dei vini si orientano verso i classici della cucina europea e cambiano a seconda della stagionalità. Sempre in Münchener Straße, al civico 43, il panificio pasticceria „Heidinger“ è attivo ormai da quattro generazioni.

Quartiere riqualificato, il Bahnhofsviertel vanta la presenza di importanti istituti culturali, alcuni dei quali ormai storici. È il caso del Museo del martello (Hammer Museum, Münchener Straße 36 – ingresso libero), uno degli 11 musei più curiosi al mondo, c’è ancheuno dei martelli usati per abbattere il Muro di Berlino. Tra il Bahnhofsviertel e il quartiere delle banche – cuore della city – da ottobre 2014 sorge l’MMK2, la nuova dependance del Museo di arte moderna Prima istituzione museale pubblica in Germania a essere ospitata all’interno di un grattacielo, la TaunusTurm, il museo ospita ogni sei mesi una mostra diversa. Nel Bahnhofsviertel si trova anche l’English Theatre Frankfurt (il più grande teatro in lingua inglese del continente europeo  epoi numerosi atelier e gallerie aperti al pubblico amante dell’arte.

Atmosfera esotica con negozi di ogni tipo, che animano le vie del quartiere. La magia dell’Oriente aleggia tra i negozi del „Kaiserpassage“, il passaggio che collega la Kaiser con la Taunusstraße.

Al calare della sera il quartiere si prepara a vivere un’intensa vita notturna. Tra i numerosi bar spicca il popolare „Bar Plank“ in Elbestraße 15 e tra i club l’„Orange Peel”, dove musica dagli anni ’40 ai ’70 si affianca a spettacoli teatrali, concerti jazz, blues, rock e poetry slam. Puntuale torna ogni anno la Bahnhofsviertelnacht, la „notte bianca“ del quartiere con negozi, eventi, spettacoli all’aperto e street food, quest’anno in calendario il 20 agosto dalle 19 alle 23. Se si vogliono scoprire gli angoli più nascosti e curiosi del Bahnhofsviertel si può prendere parte a speciali visite guidate, mentre l’Ente del turismo locale propone un pacchetto soggiorno per un fine settimana: un pernottamento con colazione in hotel a scelta, una Frankfurt Card valida due giorni e materiale informativo parte da 49 euro a persona. ts

Foto Web | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Link utili: Francoforte Turismo

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.