Grecia, Calcidica. Acqua tra le dita

GreciaSono tre le dita che formano la Calcidica: Cassandra, Sitonia e quel posto inaccessibile e sacro che è il Monte Athos. Tre lingue di terra ancora intatte, e ancora lontane dai circuiti di massa, con calette, spiagge bianche, e acque turchesi che fanno gridare al miracolo.

“Un luogo esiste nel mondo che merita una grande ammirazione, il Monte Athos. Ha un meraviglioso clima e ogni tipo di vegetazione. Si lava con gli immacolati raggi del sole e si acconcia con alberi di molteplici qualità, con prati e boschetti. É ricco per l’opera degli uomini. É il luogo dove si raccolgono tutte le conoscenze e le virtù che ognuno può vedere nella natura e nella vita monastica degli uomini che qui si sono religiosamente ritirati“. Sono parole del cronista bizantino Grigorias a descrivere questo luogo d’incanto che attira milioni di turisti ogni anno. Si imbarcano a Ouranoupolis, nei pressi della torre di Prosforios,  su di un battello che fa rotta verso il Monte Athos, la penisola più a est delle tre che compongono la Calcidica, nella Grecia settentrionale. Il terzo “dito” si tuffa nel Mar Egeo con una larghezza che varia dai 7 ai 12 chilometri  per circa cinquanta chilometri di lunghezza. Un velo di foschia dovuto al caldo della giornata avvolge la cima di 2033 metri di altezza, nascondendola allo sguardo, mentre stormi di gabbiani accompagnano la navigazione. Il Monte Santo, come viene anche chiamato, non è solamente il baluardo della religione ortodossa, ma l’angelo custode dei suoi insegnamenti.

Monte-AthosDetto anche il “Giardino della Vergine Maria”, è un vero e proprio paradiso terreste nonché Patrimonio Mondiale dell’Umanità  protetto dall’Unesco. Con i suoi venti monasteri –  17 greci, uno bulgaro, uno serbo e uno russo – è considerato un vero e proprio gioiello. Un problema: le donne là non sono ammesse. E non si possono neanche avvicinare più di tanto. Per i maschietti invece, per accedere all’area protetta, è necessario ottenere un permesso speciale di massimo 3/4 giorni dalla Repubblica Ortodossa e, durante il loro soggiorno,  devono sottostare alle regole della vita monastica. L’altoparlante della barca dopo una mezz’oretta di navigazione riporta l’attenzione dei turisti sul Monastero Zografou, e poi si punta verso il Monastero di Agiou Pavlou, mentre i delfini piroettano sotto la prua a velocità impressionante tra le urla dei turisti entusiasti.

delfini-CalcidicaIl più arroccato dei monasteri che ci si presentano davanti  è forse quello di Simonos Petra edificato a un’altitudine di 230 metri sul livello del mare da San Simone nella metà del XIV secolo. Quasi tutti questi edifici sono finiti bruciati e poi ricostruiti nei vari periodi della storia. Un tesoro di valore inestimabile fatto di opere d’arte, manoscritti, ricami, ceramiche e biblioteche che custodiscono migliaia di preziosi volumi. Una serie di alti gradoni sono la caratteristica principale del monastero di Dionyssiou; si riconosce invece dallo stile spiccatamente russo quello di San Panteleimon con i colori turchesi verdi e azzurri. Gli stessi colori delle acque del ramo di Sithonia, la penisola di mezzo della Calcidica. Merita la sosta l’isola di Diaporos, la più grande delle Vourvourou, un sistema di isole e lagune che vanta acque da far invidia ai tropici più blasonati. Non c’è da stupirsi se la regione abbia ricevuto ben cinquanta bandiere blu che attirano in alta stagione oltre un milione di turisti. La spiaggia più indicata per le famiglie? Quella di Talco.

Nell’entroterra c’è Nikiti, con le caratteristiche case in pietra a vista e il nuovo museo del folclore che custodisce, tra l’altro, i vecchi attrezzi utilizzati nella produzione del miele che qui vanta un’antichissima tradizione. Ancora oggi centocinquanta produttori professionisti riuniti nella cooperativa “Sithonia” forniscono circa il dieci per cento di miele di tutta la Grecia.

SaloniccoTra spiagge e paesaggi incontaminati la tappa obbligata è Salonicco, la seconda città della Grecia per importanza e popolazione. Vivace e giovane,  merito anche della presenza di un’università che ospita studenti da tutto il paese, Salonicco è un ottimo luogo dove trascorrere un po’ di tempo durante tutto l’anno. Una brezza leggera spettina la città che deve il suo nome a Thessaloniki, sorella di Alessandro il Grande, sposata ad un uomo di nome Kassandros che fondò la città nel 315 AC. Le vestigia dell’antico passato testimoniano la sua ricchezza storica e ne costellano il tessuto urbano. A  cominciare dalla Torre Bianca, sul lungomare, ricordo dell’occupazione turca e simbolo della città. Da qui con l’autobus si può salire alla fortezza medioevale da dove si può godere di un bel panorama. Il lungomare ospita anche la statua di Alessandro il Grande e una moderna  opera denominata “Ombrelli” dell’artista George Zoggolopoulos.  La città è piena di giovani e la sera si anima di vita nelle stradine e nei tanti ristoranti di Piazza Morihovou dove  si può gustare una tipica insalata greca davanti alle luci cangianti della fontana; nella grande Piazza Aristotele, lo sguardo della statua del grande filosofo, sorvola il via vai di gente tra negozietti, gelaterie e ottime pasticcerie.

Testo e foto di Gisella Motta |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

SFOGLIA IL MAGAZINE

Info utili

Informazioni: 

Ente Ellenico per il Turismo – via S. Sofia 12, 20122 Milano

Tour operator:

Mouzenidis Group

Quando andare:

La Grecia è una destinazione da vivere tutto l’anno. Settembre e giugno i mesi più indicati se si vogliono evitare le calche di alta stagione.

Come arrivare: 

Salonicco è raggiungibile dall’Italia dai principali aeroporti italiani con voli anche low cost. Si segnala che Ellinair ha inaugurato il volo Milano Malpensa- Salonicco e Verona Salonicco.

Dove mangiare:

Ristorante  Moudounou beach ad Afytos, Kassandra. Specialità di pesce con terrazza vista mare – tel. +30 2374091509

Ristorante Kouzina by Kioupia– Morihovou Sq. 3-5 Ladadika- Salonicco

Yefsis – Antigoni beach resort a Halkidiki, Sithonia

Ekies Sithonia, Halkidiki, Vourvourou

Dove dormire: 

Mediterranean Palace – Salonicco

Athena Pallas Village – Akti Elias, Nikiti-Sithonia

Kassandra Palace– Kriopigi- Halkidiki

 

Altri link utili

Visit Halkidiki 

Città di Salonicco

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.