Costa Rica in viaggio nella pura vida. Giorno 5 a Tamarindo.

Coatis Costa Rica
Costa Rica Coatis ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Al Monteverde Cuntry Lodge mi sveglia la mattina un coatis una specie di procione locale dalla mascherina bianca, alla ricerca di cibo facile. Da qui in alto si gode una vista straordinaria sul golfo di Nicoya e oltre fino al Pacifico.

Ma ancora da più in alto partono le sette lunghe funivie dello Sky Trek la zip-line più lunga e alta del Costa Rica. Buttarsi nel vuoto appesi a una carrucola sospesa su una unico filo che si perde per 750 metri nelle nuvole e nelle punte degli alberi tropicali è un’esperienza da brivido indimenticabile.

Costa Rica ©photo Eugenio Bersani Latitudes
Costa Rica Panamerica, la strada più lunga del continente americano. ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Oggi finalmente andiamo al caldo della costa pacifica del paese e per farlo dobbiamo fare un pezzettino della Panamericana la più lunga  e famosa arteria che attraversa per oltre 25mila km tutte le americhe, dal nord dell’Alaska al sud del profondo Cile. Pochi chilometri ma l’emozione di immettersi in questa fiumana di auto camion persone è davvero impressionante e vivace per colori, umanità  e vite che si incrociano su questa striscia larga pochi metri che attraversa mezzo mondo.

Tamarindo
Costa Rica Tramonto sulla spiaggia di Tamarindo sulla costa pacifica. ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Arriviamo finalmente sul Pacifico nella penisola di Nicoya, sulla spiaggia di Tamarindo giusto in tempo per godere di un tramonto spettacolare. Questa località balneare è nota col nome di Tamagringos per la prevalenza di turisti nordamericani che popolano le spiagge e i lussuosi resort. Per chi ama fare shopping questo è il posto giusto per acquisti particolari con negozietti di artigianato costaricense.

Testo e foto di Eugenio Bersani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com con Vuela e Air France

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.