Oscar del cicloturismo: l’elogio alla lentezza

Il cicloturismo sembra rappresentare la nuova frontiera del turismo italiano, soprattutto dopo la pandemia. Per questo motivo, a giugno 2021 una giuria specializzata premierà quelle ciclovie che si sono distinte per la loro bellezza e per il loro impegno nel turismo sostenibile.

Photo by Kai Bossom on Unsplash

Viaggi su due ruote: mobilità…

Si è tenuta la presentazione della Sesta Edizione dell’Oscar del cicloturismo, durante la quale è stata descritta la trasformazione che il turismo italiano sta vivendo. Gli interventi dei numerosi ospiti hanno evidenziato il ruolo fondamentale che il cicloturismo sta assumendo nel panorama turistico.

In seguito al Covid-19 le esigenze dei viaggiatori sono cambiate e sembra che le vacanze su due ruote possano soddisfare queste nuove richieste, come ad esempio la necessità di distanziamento sociale e di attività en plein air. Dal 2019 si è verificato uno sviluppo esponenziale del cicloturismo in Italia, anche a causa della crescente sensibilità ecologica. Infatti, la bicicletta è da un lato il mezzo più antico del mondo, ma dall’altro risponde alla moderna ricerca di mobilità sostenibile.

Foto di Manfred Antranias Zimmer da Pixabay

… e turismo sostenibile

Negli ultimi anni, inoltre, il turismo ha intrapreso la direzione slow, ossia si sta affermando un nuovo modo di viaggiare, che permette al turista di allontanarsi da ritmi frenetici e di scoprire i dettagli, la tradizione e la cultura di un territorio salvaguardando l’ambiente. Ed ecco allora che la vacanza in bicicletta coniuga una mobilità sostenibile e un’esperienza di viaggio lenta.

Percependo queste nuove tendenze e la tumultuosa crescente domanda di vacanze a pedali, l’Italia è uno dei paesi che ha più investito nelle infrastrutture ciclabili, anche se rispetto ad altri stati è indietro nella loro realizzazione. Risulta però evidente la volontà di valorizzare e di approcciarsi al patrimonio naturale e culturale in modo completamente nuovo.

Photo by NII on Unsplash

L’assegnazione degli Oscar

L’Oscar italiano del cicloturismo si tiene ogni anno dal 2017 ed è stato ideato dal Magazine del turismo sostenibile Viagginbici.com. L’obbiettivo di questa iniziativa è quello di valorizzare tutte le forme di turismo sostenibile, le vie verdi e i percorsi ciclopedonali italiani per renderli noti al grande pubblico.

Negli ultimi anni le regioni che hanno ricevuto questo premio sono state il Veneto con la ciclovia dell’Amicizia, la Lombardia, con la Ciclovia del fiume Oglio e l’Abruzzo, che ha vinto la sesta edizione con la Bike to Coast, una ciclovia di 131 km che si snoda in gran parte sul vecchio tracciato ferroviario affacciato al mare, un percorso prevalentemente costiero che proprio nella spettacolare Costa dei Trabocchi.

Costa dei Trabocchi, lungo la quale si estende la Bike to Coast. Foto di Vladimir Bencina da Pixabay

Il premio sarà assegnato da una giuria specializzata composta da personalità di spicco nel campo del giornalismo, opinion leader, sponsor, esperti e personalità dei settori bike, ambiente e turismo.

L’intera giuria si incontrerà a Roma i primi giorni di giugno per una prima valutazione, mentre l’evento di premiazione finale si terrà il 18-19-20 giugno a Pescara, quindi nella regione vincitrice dell’ultima edizione. Ovviamente il programma non è confermato a causa dell’emergenza sanitaria, ma si spera che entro giugno la situazione permetterà lo svolgimento dell’evento.

Info utili

Per altre informazioni sul concorso consultare il sito ufficiale.

Testo di Giulia Riedo|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.