CANADA: IL LATO ‘B’ DI MONTREAL

Dietro alla facciata un po’ algida della città si nasconde l’anima variopinta e multicolore dagli artisti di strada che attraverso i murales, fanno convivere storia, rabbia e nuovi mondi.

Murales in Rue Bishop a Montreal
Murales in Rue Bishop a Montreal

Una squaw sensuale si lascia scompigliare i capelli da una brezza metropolitana. Un uomo che passa in bicicletta rimane ammaliato da questa visione e quasi va a sbattere contro la cabina del telefono. In Rue Bishop la scena si ripete decine di volte al giorno. Ma anche nei vicoli della Vieux Montreal lungo il fiume San Lorenzo, e nel “meticcio” Quartiere degli spettacoli, così come accanto al Museo di Belle arti. La chiamano street art. Sono i romantici, graffianti murales che fanno della città più popolosa del Quebec, una galleria d’arte a cielo aperto. Eppure se osservi lo skyline di Montreal dalla riva dell’Ile Notre Dame, l’isola giardino incorniciata dal circuito automobilistico in cui Gilles Villeneuve ha imparato a manovrare un volante prima di diventare un mito della Ferrari, la città sembra una metropoli americana qualunque. Palazzi in vetro, torri in cemento, senza storia né anima altra rispetto al business.

Panorama di Montreal e del fiume San Lorenzo
Panorama di Montreal e del fiume San Lorenzo

Ma perdendosi nel reticolato che si dipana da Rue Sherbrooke, Rue Ste-Catherine Ouest e Boul Rene Levesque, si viene inesorabilmente “puntati”dagli sguardi dei personaggi che abitano le pareti in mattoni dei palazzi fané, vestendoli di colori vivaci. Dietro il Theatre du Nouveau Monde, al confine con Chinatown, ci sono parcheggi abbandonati in cui le pareti raccontano romanzi di fantascienza, proiettano albe visionarie illuminate dalle insegne al neon di bar vegetariani. E il faro di questa arte che si rinnova ogni mese, retaggio della cultura francese del trompe l’oil, è il Museo di arte contemporanea. Accoglie i visitatori stampando un bacio con le sue labbra carnose adagiate sul tetto e poi nelle sue stanze labirintiche mostra le fotografie di Robert Polidori, le installazioni in ferro adagiate sull’erba da Spring Hurlbut, in mostra sino al settembre scorso. La vera galleria però sono le strade di Montreal. Il dedalo di vicoli nella parte bassa, più “etnica” di Rue Ste Catherine, oltre le vetrine de Les Cours Royal Ogilvy, da S. James Church sino alla stazione degli autobus che partono con destinazione New York e Philadelphia, ogni palazzo sfoggia una lato B, “back”, affrescato da questi performer notturni. Si arrampicano sulle scale di sicurezza in ferro battuto per raccontare sulle mura sbriciolate dei magazzini in disuso storie di indiani nativi derubati delle loro terre, conquistatori yankee, madonne francesi, animali del terzo millennio che si  rincorrono lungo praterie metropolitane, pantagruelici pasti rock. E, ancora, benzinai che dispensano fiori dai bocchettoni del gasolio, sottomarini e marinai in bermuda che sbucano direttamente dalle fauci del San Lorenzo. E talvolta i murales esprimono anche e soprattutto la rabbia francofona verso quell’America inglese che tenta, ma soprattutto scontenta.  Bisogna solo spostarsi dai caffè sparsi lungo il Main e rue San Denis per captare questa pulsione creativa rispettata dalle autorità cittadine. L’unica zona off limit per i pittori di strada è forse il Vieux-Port, dove le pietre dei palazzi emettono ancora una voce così possente da soffiare via i colori.

Testo e foto: Silvia Alvarez Adalia

clikka INFO

Sfoglia la rivista Latitudes

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.