Bandiere Blu: le spiagge 2012 dove andare in vacanza

mare

Se state meditando sulla meta delle vostre vacanze al mare, sappiate che il 2012 ha portato un’ondata di Bandiere Blu, che insigniranno alcune delle più belle spiagge dell’ambito riconoscimento istituito nel 1987 e assegnato ogni anno in 41 Paesi. Sono 13 in più rispetto al 2011: quest’anno la Bandiera Blu svetta su 246 lidi, da Ventotene a piccoli porti quale Palau, in Sardegna, segnando numeri in crescita per le eccellenze italiane.

Alcune spiagge capaci di aggiudicarsi la Bandiera Blu sono decisamente note al grande pubblico: luoghi come Sanremo o Anacapri da anni costituiscono destinazioni tra le più amate dal popolo italiano. Tuttavia non mancano piccoli gioielli azzurri come Torre Melissa, nella splendida e selvaggia Calabria o Petacciato. Il comune di Lipari, già detentore della Bandiera Blu nel 2011, può gioire doppiamente: infatti oltre all’isola di Lipari, nel 2012 si colorerà di blu anche Vulcano.

Salvaguardia dell’ambiente e acque limpide: la Liguria raggiunge il top della classifica con 18 Bandiere Blu. Pensate che Moneglia al momento conta 22 Bandiere Blu, come Grado, il primato finora più alto. Alla Liguria seguono Toscana e Marche con 16 Bandiere e onorevole terzo posto per l’Abruzzo, che arriva a 14. Possiamo notare un aumento delle spiagge con Bandiera Blu al sud, in cui sono state premiate Campania e Puglia. L’Emilia Romagna perde Rimini, Sardegna e Calabria salgono a 6, a pari merito con il Veneto. Nei luoghi dove dirigersi durante l’estate 2012 non mancano gemme di rara bellezza, come la spiaggia di Cavallino Treporti a Venezia, la scintillante Anacapri sull’isola di Capri e Monopoli, in una Puglia dove potrete perdervi alla ricorsa di angoli suggestivi di mare, costa dopo costa.

Claudio Mazza, presidente della sede italiana della Fee, Foundation for Environmental Education, ha spiegato: “In questa XXVI edizione abbiamo voluto premiare le località che sono risultate eccellenti secondo le indagini delle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente. Tra i criteri di giudizio, oltre alle acque di balneazione, attribuiamo particolare importanza a scelte concrete in chiave di qualità sul territorio, come gli impianti di depurazione, l’efficienza della rete fognaria, la corretta gestione dei rifiuti; e, ancora, l’accesso al mare e l’arredo urbano”. Perché l’amore per il mare si coltiva nel rispetto dell’ambiente, da perseguire e insegnare con costanza e molto amore.

Maddalena De Bernardi

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.