Svizzera da vedere. Lucerna, magia elvetica


Svizzera da vedere. Lucerna è una di quelle mete assolutamente da non perdere. E’ definita da molti come una delle più affascinanti città del Paese e i motivi sono piuttosto semplici: moderna, ma con un’anima che custodisce intatte le antiche atmosfere del passato, vivace, ma con una vita che corre via tranquilla, poetica con i superbi paesaggi lacustri e montani che la circondano.


Un ruolo fondamentale in questa sua magica essenza lo gioca di sicuro la particolare posizione, poiché sorge nella regione chiamata Zentralschweiz, terra dalla grande storia nella quale nacque il primo nucleo della Confederazione, e degli immortali miti come Guglielmo Tell, che guidò la rivolta contro gli Asburgo.

Non bisogna affaticarsi per cercare qualcosa di meraviglioso che catturi il cuore, perché si resta stregati ovunque si volga lo sguardo: a dominare la scena, il grande Lago dei Quattro Cantoni con le  sue placide acque che cambiano colore in base all’umore del tempo, circondato da una natura incontaminata fatta da verdi colline e vette maestose, come i monti Rigi e Pilatus che si innalzano in modo brusco fino a sfiorare il cielo, regalando panorami che lasciano senza fiato. Ogni cima, una delizia: facili da raggiungere, sono luoghi perfetti per ritemprare lo spirito.


Il fiume Reuss attraversa il centro abitato, tagliandolo in due. Ad unire ciò che la natura ha separato ci ha pensato l’ingegno dell’uomo, con le rive collegate in diversi punti da alcuni ponti in legno: il più caratteristico è l’antico Kapellbrücke, lunga struttura coperta del XIV secolo. Ricostruito in parte, dopo che un incendio ne distrusse l’opera originale, è famoso per la presenza nel sottotetto di pannelli triangolari dipinti che illustrano la storia della città e della Wassertum, una torre a base ottagonale che fungeva da fortificazione.

Atmosfere del tempo trascorso si avvertono giungendo sulla sponda nord del fiume dove sorge la Città Vecchia, splendido nucleo medievale perfettamente conservato ricco di fascino ed eleganza con gli imponenti bastioni medievali del Museggmauer, i campanili dai tetti appuntiti, le stradine acciottolate e le case dalle mura affrescate che fanno da cornice ad allegre piazze piene di vita.

In questa zona è posto il Löwendenkmal, una grande scultura scolpita nella roccia che raffigura un leone morente: dedicata ai soldati svizzeri caduti durante la Rivoluzione francese per difendere re Luigi XVI, è un monumento dal profondo impatto visivo ed emotivo che emana un tocco di fierezza, che si unisce ad una vena malinconica. Lucerna ha anche un’anima culturale di alto livello, grazie alla presenza di musei di assoluto interesse artistico: uno dei più celebri è la Sammlung Rosengart, una vasta collezione che include numerose opere di famosi artisti, tra i quali spiccano Picasso, Klee, Monet, Cézanne e Matisse.


Non lontano, ecco un altro gioiello, il Centro della Cultura e dei Congressi di Lucerna, o KKL, edificio che ospita il Museo d’Arte e una enorme sala da concerto la cui acustica viene definita quasi perfetta, tanto che qui si svolge il Lucerne Festival, evento musicale internazionale di musica classica e contemporanea. Altrettanto interessante è il Bourbaki Panorama, un enorme dipinto circolare di 1100 mq che raffigura i momenti drammatici della guerra franco-prussiana del 1870-71 con grande realismo. La vita notturna è un altro aspetto degno di nota: è soprattutto nelle lunghe sere d’estate che si avverte l’anima gioiosa degli abitanti che si riversano nelle strade o nei locali all’aperto alla ricerca di divertimento, mentre i flebili raggi del sole calante donano un’aria fiabesca alle vie, al lago e alle montagne. E’ la semplice, grande, splendida magia svizzera.

Testo: © Gabriele Laganà  |   Foto: © Lucerne Tourism    RIPRODUZIONE RISERVATA



Informazioni utili


Informazioni: Svizzera Turismo- Centro Svizzero, t. 00800 100 200 30 (gratuito)

Come arrivare: si può volare con Swiss Air dai maggiori aeroporti italiani per Zurigo e da qui proseguire in treno per la vicina Lucerna. Ma è possibile anche viaggiare in treno: ogni giorno ci sono 14 collegamenti tra Italia e Svizzera, e almeno uno da Milano a Lucerna e viceversa, a partire da 19 €. Questi biglietti si chiamano Smart e sono a disponibilità limitata.

Quando andare – Clima: è possibile visitare la Svizzera in qualsiasi periodo dell’anno. In base alle regioni e all’altitudine, la temperatura subisce alcune variazioni. In generale, da giugno ad agosto le temperature diurne sono comprese tra i 18 e 28°C. Da dicembre a marzo le temperature diurne sono comprese tra i -2 e i 7°C.

Dove dormire: Hotel Rebstock St. Leodegarstrasse 3. Situato in pieno centro, è un accogliente hotel che offre numerose comodità. Contattare direttamente la struttura per avere dettagliate informazioni e conoscere eventuali offerte.

Dove mangiare: Taube, Burgerstrasse 3. Ristorante dedicato a chi vuole assaporare gustosi piatti della tradizione locale.

Ora: come in Italia.

Documenti: per i cittadini italiani è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio.

Lingua: tedesco, francese e anche italiano.

Moneta: franco svizzero (1 €- 1,2  CHF)

Elettricità: Tensione: 230 V , frequenza: 50 Hz. Prese: per spine a tre denti, serve l’adattatore perché in Svizzera la terra non è allineata. nessun problema per quelle a 2 denti

Telefono: per chiamare in Svizzera comporre il numero 0041, seguito dal prefisso della città elvetica senza lo zero iniziale, più il numero dell’abbonato. per chiamare in Italia 0039 seguito dal numero dell’abbonato, zero compreso.

Link utili: Sito della Città di Lucerna


Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.