Laghi lombardi. Amate sponde

View over Como Lake from Sacro Monte di Ossuccio, Como Lake, Lombardy, Italy

Antichi borghi, ville arroccate e scorci di natura inaspettati si specchiano placidi ai piedi delle Alpi. Se un tempo seducevano i poeti romantici, tappa del Grand Tour di giovani rampolli, oggi i laghi lombardi sono la meta ambita degli stranieri. E degli italiani che tornano ad apprezzare le nostalgiche villeggiature.

La Lombardia ha visto passare sulle sue terre la storia d’Italia e quella dell’industrializzazione e dello sviluppo. Ma è anche la regione dove le  Alpi incontrano la Pianura Padana, creando quelle meraviglie della natura che sono appunto i laghi lombardi. I grandi viaggiatori del ‘700 e dell’800 ne sono rimasti affascinati al punto da scrivere pagine indimenticabili, dove le ville sontuose e i profumati giardini si collegano quasi naturalmente coi borghi suggestivi che punteggiano i laghi di Como, Maggiore, Garda, Iseo e di Varese. La ricchezza delle tradizioni storiche secolari lombarde si ritrovano, piene di genuinità e ancora molto vive, proprio in questi borghi lacustri dove i veri gioielli sono conventi, chiese, monasteri e antichi castelli. Per gli amanti della buona cucina  poi non c’è che l’imbarazzo della scelta: nei ristoranti pieds dans l’eau è possibile gustare prelibatezze tipiche a base di pesce di lago (coregone, trota lacustre, luccio, carpa e pesce persico), l’ottimo olio di oliva del Garda, gli asparagi di Rogaro e di Drezzo e vini DOC come il Chiaretto, il Bardolino e il Lugana.

View over Como Lake from Sacro Monte di Ossuccio, Como Lake, Lombardy, Italy

Lago di Como

Ciascun lago offre un’esperienza di soggiorno unica  a cominciare dal  lago di Como con la sua caratterista sagoma ad Y rovesciata. Questo specchio d’acqua in cui il Resegone si riflette  è stato la culla dell’inventore Alessandro Volta e dello scrittore Alessandro Manzoni, che sul ramo di Lecco ambientò “I promessi sposi”. Il centro del lago, in cui si incontrano i rami d’acqua, è il punto di maggiore suggestione in termini di bellezza panoramica. Sulle sue sponde sorgono magnifiche ville come Villa d’Este a Cernobbio, Villa Serbelloni e villa Melzi a Bellagio e Villa del Balbianello a Tremezzina. Ma è l’isola Comacina che caratterizza questo lago, divenuto famoso in tutto il mondo dopo che George Clooney ha comprato qui una villa sontuosa in cui passa le vacanze con gli amici, ovviamente tutte star di Hollywood. L’Isola Comacina è piccolina,  semideserta e si gira a piedi, però vi si possono tutt’oggi ammirare i bellissimi ruderi di una grandiosa Basilica Romana dedicata a Sant’Eufemia. Grandi hotel dal fascino intramontabile e con uno charme senza tempo consentono a chi visita il lago di Como di trascorrere soggiorni indimenticabili magari visitando deliziosi borghi, come Bellagio e Varenna, che si affacciano sul lago o soffermandosi ai piedi dell’antica torre medievale di Sorico.

Lago Maggiore

Per ammirare il fenomeno particolare  “l’ora blu” bisogna andare sul lago Maggiore. Subito dopo il tramonto e prima che le ombre della sera avvolgano il panorama, cielo e lago si fondono in un unico colore blu che si riflette anche sulle facciate delle case. Uno spettacolo che toglie il fiato, e che si ammira in tutte le sue tinte cromatiche ad Angera. Ed è proprio Angera che invita a una sosta per una visita alla sua Rocca di epoca medievale, dove si può passeggiare in mezzo al Giardino Medievale, ricco di significati simbolici, e ammirare un museo unico in Europa, dedicato alle bambole antiche. Secondo lago d’Italia per estensione, con i suoi paesaggi spettacolari ed il clima mite, le imponenti montagne e le verdi colline, le rocche e le ville, è una meta turistica sin dai tempi del Gran Tour. Ma la vera eccellenza del Lago Maggiore è l’eremo di Santa Caterina del Sasso, a Leggiuno, un luogo unico dove spiritualità, arte e natura hanno raggiunto una sintesi perfetta. L’eremo, di epoca duecentesca, è arroccato in splendida posizione sulle scogliere a strapiombo sul lago ed è uno dei più bei gioielli architettonici dell’Italia intera.

Italy, Garda Lake, Sirmione, the Castle
Italy, Garda Lake, Sirmione, the Castle

Lago di Garda

Il lago di Garda, il più grande d’Italia, è un mondo da scoprire, i cui magnifici paesaggi sono stati ammirati ed apprezzati da famosi personaggi come Catullo, Dante Alighieri, Goethe, Byron e Stendhal. Sul lago si affacciano graziose cittadine molto famose come Sirmione, con la sua Rocca Scaligera e le Grotte di Catullo, o Gardone Riviera, con la sua magica atmosfera liberty e il Giardino Botanico di Andrè Haller capace di incantare coi suoi colori. Senza dimenticare il complesso del Vittoriale che ripropone ai visitatori curiosi la figura dell’intramontabile Gabriele D’Annunzio. E infine Limone sul Garda, celebre per il suo clima favorevole tutto l’anno, con il suo caratteristico  profumo di limoni che, a quanto pare, rende molto longevi i suoi abitanti. Bellissimo, fra gli altri, anche Gargnano, che nella forma e nelle architetture ha mantenuto la fisionomia del tranquillo e signorile paese lacustre dell’800. Qui ha soggiornato David Herbert Lawrence che su Gargano ha scritto pagine memorabili.

Lago d’Iseo

Il lago d’Iseo, il più piccolo dei grandi laghi, collocato tra le province di Bergamo e Brescia, è un’emozione sotto il cielo di Lombardia, un dolce incontro con una terra serena, una vicinanza con la terra di Franciacorta che si avverte nel profumo che aleggia in questa zona. La vera perla del lago è Montisola, la più grande isola lacustre d’Europa. Fra l’altro, tra la fine di giugno e l’inizio di luglio del 2016, il Lago d’Iseo sarà attore principale di un evento artistico di rilevanza mondiale. Il celebre artista bulgaro Christo ha infatti scelto lo specchio d’acqua del lago lombardo per la sua ultima installazione, chiamata The Floating Piers. In italiano potremmo tradurlo in “moli galleggianti”. L’opera, per soli 16 giorni, collegherà la terra ferma con Montisola e l’isolotto di San Paolo. Un evento unico del quale sta già parlando tutto il mondo.

Lago di Varese

Decisamente più minuscolo, ma non meno suggestivo è il Lago di Varese, circondato da una pista ciclabile di circa 30 km, che attrae sportivi da tutta la provincia. La caratteristica di questo lago è l’Isolino Virginia dove esistono resti di civiltà palafitticole portati alla luce dopo numerosi scavi archeologici. I reperti sono ora conservati in parte sul museo collocato sull’isola ed in parte presso il Museo civico archeologico di Villa Mirabello a Varese. Dal 2011 rientra tra i “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino” protetti dall’Unesco. Percorrendo il perimetro del lago di Varese si arriva a Cazzago Brabbia dove sono ancora visibili tre “ghiacciaie” di fine Settecento, dove venivano riposti il ghiaccio del lago e la neve per la conservazione del pesce destinato ai mercati.

Testo di Graziella Leporati, foto di Lucio Rossi e Marco Santini | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

SFOGLIA IL MAGAZINE

Info utili

Lago Maggiore su Il Lago Maggiore
Lago di Varese su Varese Lando of Tourism
Lago di Garda su Visit Garda
Lago di Como su Lake Como
lago d’Iseo su Iseo Lake
Lago di Varese su Varese Lando f Tourism

Come arrivare:

Il Lago Maggiore è raggiungibile in auto percorrendo la A8 Milano – Laghi o la A26 Genova – Gravellona Toce. In treno utilizzando la  Linea Milano – Domodossola, la Linea Milano – Ginerva o Basilea, via Domodossola.

Per raggiungere il Lago di Varese in auto è necessario percorrere la A8 Milano – Laghi o la A26 Genova – Gravellona.
Tutta la provincia di Varese può inoltre essere raggiunta con le Ferrovie dello Stato o con le Ferrovie Nord Milano.

Il Lago di Garda è raggiungibile in auto percorrendo l’autostrada A22 Brennero – Modena (che collega le località della sponda orientale e settentrionale del Lago) oppure tramite la A4 Milano – Venezia (che collega le località della sponda meridionale).
Se ci si sposta in treno, le stazioni ferroviarie lungo la costa meridionale del Lago di Garda sono Desenzano e Peschiera del Garda. Per raggiungere l’area settentrionale, la stazione più vicina è invece quella di Rovereto.

Per raggiungere il Lago di Como in auto è necessario passare dallo snodo autostradale di Milano. Arrivati all’altezza di Viale Certosa, seguire le indicazioni Como/Varese/Autostrada dei laghi e poi imboccare la A9 Lainate – Como – Chiasso. Per giungere alla sponda occidentale del lago si consiglia l’uscita Como Lago.
Tutto il territorio è inoltre servito da Trenitalia, Trenord e TILO.

Il Lago d’Iseo si raggiunge in macchina, sia da Milano che da Venezia, percorrendo la A4.
Come il Lago di Como, anche quello d’Iseo è facilmente raggiungibile grazie ai servizi Trenitalia e Trenord.

Quando andare:

Con l’estate in arrivo i laghi lombardi (alcuni attrezzati con sdraio, lettini e ombrelloni) sono un’ottima alternativa al mare per trovare riparo dal caldo e dall’afa cittadina.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.