In Val Gardena, da agosto a ottobre: gli eventi per celebrare le tradizioni ladine

Una serie di appuntamenti vivaci, quelli previsti in Val Gardena da agosto ad ottobre: un programma esteso e vario all’insegna della scoperta e della celebrazione delle tradizioni ladine che alimentano il cuore delle Dolomiti e che sono l’orgoglio dei suoi abitanti.

Feste, cortei folcloristici, manifestazioni, costumi e riti religiosi da tempo popolano e animano la Val Gardena, zona a ridosso delle Dolomiti e notoriamente legata alle proprie tradizioni ancestrali. Il primo evento è quello del Mercatino Tradizionale dei contadini e degli artigiani a S.Cristina, ogni martedì fino al 28 agosto: un  tripudio di degustazioni per esplorare i sapori territoriali e le danze locali  sulle note della musica tipica.

Nella Selva Val Gardena fino al 2 settembre è previsto il Mercatino delle Dolomiti con due appuntamenti fissi a settimana dedicati alle tradizioni culinarie; ogni venerdì, la zona si riempie di dolcezza con il Festival dello Strudel, mentre ogni domenica è riservata al Festival del Calendoro. Il mercoledì è invece il giorno della musica e dei canti.

Ortisei e S.Cristina, oltre agli scorsi appuntamenti del 7 e 8 luglio, si riempiono ancora una volta di cortei popolari: imperdibile quello del 5 agosto a S.Cristina.

Con l’autunno alle porte, il 9 settembre si celebra il rito del ritorno del bestiame dall’alpeggio in Vallunga, che verrà accompagnato da musica e divertimento per tutte le età.

Il 14 e 15 ottobre, a chiusura del programma, si terrà ad Ortisei la Segra Sacun, per la celebrazione delle tradizioni religiose: inizierà la domenica come sempre con l’ingresso degli abitanti nella chiesa di S. Giacomo per assistere alla Santa Messa, per poi proseguire il lunedì con il maestoso mercato. Un momento, questo, dedicato in particolare all’amore, che dalla piazza di Ortisei avvolgerà tutta  la Val Gardena.

Redazione | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.