NOVE100

imgMostra

NOVE100 è la rassegna di creatività a 360°: arte, fotografia, architettura, moda e design.

Fino al 25 aprile, a Parma, in una location speciale, il Palazzo del Governatore di piazza Garibaldi, sono esposte oltre 700 opere del Csac (Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma). Opere che che fin ad ora sono state difficilmente esposte al pubblico, perché “confinate” nell’archivio universitario e visibili solo da studiosi e docenti.

L’obiettivo di quest’esposizione è dar il via dal 2010 ad un nuovo ciclo della cultura. Ecco alcuni nomi: Schifano, Burri, Boetti, Fabro, Ceroli, Guttuso, Fontana, Sironi nell’arte; Armani, Versace, Ferré, Krizia nella moda; Man Ray, Iodice, Ghirri, Giacomelli nella fotografia; Sottsass, Munari, Castiglioni, Mari per il design; Ponti, Nervi, Scarpa, Gardella per l’architettura.

A 90 anni dalla nascita di Federico Fellini vi segnaliamo che all’interno di questa mostra sono presenti 8 foto, scattate da Tazio Secchiaroli sul set di “Otto e mezzo”.

All’ interno della mostra Nove100 vi è una corposa sezione con scatti fotografici i autori importanti nazionali e internazionali. Da Evans a Man Ray a Giacomelli passando per Migliori, Cresci, Ghirri, Cerati, Samugheo e Secchiaroli e tanti altri.

L’ingresso – in attesa di utilizzare per il futuro lo spazio dell’e x Cobianchi, già oggetto di studio di un accordo fra Comune e Sovrintendenza per alcuni lavori – sarà quello di piazza Garibaldi (passando fra i bar) e di via Mameli. Apertura tutti i giorni tranne il lunedì (eccetto Pasqua) dalle 10 alle 19. Sabato invece, orario sperimentale: 10-24 con ultimo ingresso alle 23. Sconti previsti per studenti, minorenni, over 65, gruppi e scuole. Ridotti anche per possessori di card Ikea Family e soci Coop. L’intero costa 8 euro.

Per info: 0521/218889 e prenotazioni a 199 199 111.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.