Francia tra vendemmia mare: a Bandol

Bandol

Mai sentito parlare della Fête du Millesime? Ormai giunta alla 30esima edizione, quest’anno si terrà il prossimo 4 dicembre e avrà come tema l’affascinante topic ‘Fasti e Misteri di Venezia’. Se non avete ancora vagabondato nei dintorni di Bandolm sappiate che questa cittadina è dipinta in una Francia d’altri tempi, nel sole dolcissimo della Provenza dove le colline si tuffano tra i flutti della costa rocciosa e le vigne crescono rigogliose nell’aria che profuma di mare.

Protagonista della Fête du Millesime è proprio il vino di Bandol, noto già nell’Ottocento e lavorato in queste zone fin dall’epoca romana. Da questo porto dell’entroterra partivano infatti sciami di navi dirette verso ogni angolo del Mediterraneo: tra i segreti delle stive silenziose schiere bottiglie di questo vino dall’anima forte, che zampilla dal cuore della terra mescolandosi alla vita di una natura selvaggiamente bella. Oggi Bandol è il posto ideale per incontrare i piaceri della vacanza sul mare. Da qui potrete viaggiare attraverso gli splendidi paesi della Costa Azzurra: non troppo lontano regna l’indomito porto di Marsiglia che vigila, pulsante di vita e sapori multiformi, sulla pacifica vita della regione.

L’appuntamento è per il 4 di dicembre, quando Bandol ospiterà la manifestazione per la 27esima volta la Fête du Millesime: in scena numerosi stand, gli assaggi invitanti di piccole delizie della rinomata gastronomia francese. E ovviamente il profumo inconfondibile del vino nuovo, in un’atmosfera che vi trascinerà tra passeggiate sulla spiaggia, una cittadina deliziosamente in festa e ovviamente una squadra di artigiani di altissimo livello, che vi immergerà nel prezioso nettare di uno dei rossi tra i più apprezzati. Sommeliers e ben 31 vigneron selezioneranno infatti i tre vini rossi più adatti all’invecchiamento.

Info: Comune di Bandol

Maddalena De Bernardi

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.