La nave oneraria del Giglio

Il racconto del recupero, nel 1984, dei resti di una nave oneraria romana naufragata di fronte all’isola del Giglio e carica di anfore.

I fondali del Giglio regalano tesori

isola-del-giglio-panorama
Panorama dall’Isola del Giglio, Toscana Photo by Paolo Chiabrando on Unsplash

È l’ottobre del 1984, quasi uno stacco generazionale prima della tragedia della Costa Concordia. Sono bellissime giornate di sole quelle che sto vivendo all’isola del Giglio. L’aria è più pura, più leggera rispetto a quella della piena estate. Il mare, poi, trascorso il super lavoro dei mesi estivi, appare come rilassato, accarezzato da brezze appena percettibili e profumate, impregnate di salsedine e degli odori corposi della terra.

Fra poco arriveranno le brume novembrine e i freddi più intensi dell’inverno a mortificare una natura che ora regala all’acqua trasparenze incredibili e luminosità diffuse; anche a ragguardevoli profondità.

In attesa del momento di “dar voce” a ciò che altri avrebbero scoperto sotto la superficie del tratto di mare antistante il piccolo porto con il faro rosso, assisto alla laboriosa fase dei preparativi per le immersioni subacquee e per le registrazioni radiofoniche in diretta dai fondali che io e il collega Mino Müller, per conto della Radio Svizzera di Lingua Italiana, dobbiamo compiere.

I tombaroli dei relitti

Giglio Porto,

“L’avventura del Giglio, sotto il profilo delle ricerche archeologiche, ha avuto il suo inizio negativo nel 1978, proprio qui, nell’area marina antistante il porto”. Me lo ricorda Enrico Ciabatti, archeologo, che subito dopo spiega il perché della negatività dell’operazione.

Erano infatti scorribande molto poco controllate quelle delle immersioni clandestine fatte con tutta probabilità di notte, alla ricerca di anfore intere o di cocci di vasi; in pratica, razzie belle e buone organizzate da esperti tombaroli del mare. Una volta individuata la zona in cui giaceva il relitto della nave romana, nel 1982 hanno fatto seguito le prime ricerche ufficiali, per merito di differenti protagonisti: stampa specializzata, consorzio di sponsor ecc.; con la prima somma raccolta (una cinquantina di milioni di lire) la nave di ricerca Naupegos ha potuto affrontare i costi per i sub, per le attrezzature.

L’esito di questa prima campagna – una vera e propria ricognizione dei fondali – ha permesso di localizzare il relitto di una grande nave oneraria romana, impiegata per il trasporto di prodotti da commercio, rinvenuta a trentotto metri di profondità e a circa cento metri di distanza dal molo con il faro rosso. Insieme al relitto sono state recuperate molte anfore di tipo africano, risalenti alla metà circa del III secolo dopo Cristo.

I lavori sul fondo del mare

Ci raggiunge sul molo, durante le operazioni di scarico dei materiali che serviranno per le immersioni, l’archeologa Paola Rendini che dà qualche informazione su ciò che si farà.

lavori-subacquei-giglio
Un subacqueo al lavoro sui ritrovamenti di anfore ©archeologiasubacquea.org

Saranno quaranta giorni di campagna di scavo che vedranno la quadrettatura del fondale per mezzo di una maglia metallica: i riquadri avranno una superficie di circa quattro metri per sei; seguirà poi il lavoro con la sorbona (attrezzo di lavoro comunemente utilizzato per asportare o scavare sott’acqua per l’aspirazione di terra e fango) per la pulizia e il recupero dei reperti, quindi la numerazione delle anfore; grosso modo una settantina di anfore grandi che contenevano il garum, una salsa di pesce molto forte, vera delizia per il palato dei Romani.

Le poche anfore sin qui recuperate sono contrassegnate da un sigillo di fabbricazione tunisino. A campagna conclusa, il materiale di scavo finirà per essere esposto qui al Giglio e il relitto – quello che resta dello stesso – verrà coperto da teloni di plastica e nascosto sotto sacchi di sabbia e pietre.

Altri ritrovamenti nel mare toscano

Precisa e chirurgica, quasi, l’esposizione dell’archeologa; istintivamente penso al grande lavoro che dovrà essere affrontato per arrivare alla fine a ricoprire, quindi nascondere, il tutto.

Il promontorio dell’Argentario Foto di nonmisvegliate da Pixabay

Il Giglio, prosegue Paola, non è l’unico luogo nel quale si sia verificato un naufragio di navi romane; ad esempio il promontorio dell’Argentario, punto di riferimento essenziale della costa per chi arriva dal mare, è anch’esso circondato da reperti e relitti lungo quasi tutto il suo perimetro: da Punta Ciana a Punta Bove, dall’Argentarola a Cala Grande, alla Cacciarella.

Le Formiche di Grosseto, i tre scogli davanti a Bocca d’Ombrone, sono anch’esse state testimoni di numerosi affondamenti, sia etruschi che romani e più tardi, anche di navi saracene. Ma anche al Giglio, come a Giannutri, sono presenti altri reperti significativi: alle Scole, a Cala Cupa, alla Secca dei Pinocchi, in prossimità del Campese dove nel 1961, agli albori dell’esplorazione subacquea, sono state recuperate alcune anfore da due sommozzatori tedeschi.

Anfore piene di olio e di garum

anfore-romane-giglio
Foto di Thanks for your Like • donations welcome da Pixabay

C’è un po’ di tutto sotto il mare: sciabecchi, imbarcazioni d’origine araba con tre alberi a vela latina; tartane, velieri mediterranei da carico e da pesca e brigantini, velieri maneggevoli a vele quadre; naturalmente, anche navigli molto più moderni. La nave da raggiungere, conclude l’archeologa, è una grande “oneraria”, un mercantile, lunga una trentina di metri e larga otto, di epoca imperiale (terzo secolo dopo Cristo).

Veniva da un porto africano ed era carica di anfore piene di olio e di garum. La nave era ormeggiata al porto quando un’improvvisa tempesta ha strappato gli ormeggi e l’ha trascinata alla deriva per una settantina di metri; quindi il naufragio e la caduta verso i quaranta metri del fondale sabbioso.

L’inclinazione finale su un lato e la sabbia hanno permesso di preservare la struttura in legno del naviglio e di proteggere le anfore; il legname della nave rimasto allo scoperto è stato in seguito mangiato dalle voraci teredini marine, dei vermi che si nutrono di legno.

Il microfono speciale

Finalmente inizia il recupero sottomarino. Io e Mino Müller – pancia a terra sul molo – chiediamo a Mario, il capo sub della piccola spedizione archeologica, se è pronto per provare a parlare nell’oggetto che gli mettiamo in mano.

Isola del Giglio ©Viviana Biffani

Il “coso” è una specie di piccolo sacchetto arancione di gomma floscia e delicata che, una volta sul fondo del mare – gonfiato dal fiato e dalle parole del sub – trasmetterà per vibrazioni le voci e quindi le impressioni di chi lo usa, in un microfono speciale di profondità che abbiamo ancorato a una tavoletta di cemento, lasciandolo affondare dolcemente.

Il secondo “coso” che riceverà voci e rumori è un tozzo tubo tronco (rivestito di materiale plastico nero) lungo una quarantina di centimetri e largo dieci. Potrebbe contenere qualunque oggetto, tanto è banale. In tale circostanza contiene invece un microfono ultrasensibile che è stato convenientemente isolato per poter funzionare a una profondità di 60, 70 metri e oltre.

A quei livelli l’acqua del mare schiaccia con notevole forza tutto ciò che la percorre: uomini come oggetti. Gli uomini sanno amministrarsi, gli oggetti no.

Collegato alla superficie mediante due cavi – uno d’acciaio per il peso che lo àncora al fondale e l’altro di gomma per trasmettere i suoni al registratore Nagra che sta sul molo – il microfono speciale, collaudato da Mino in precedenza nelle acque scure del lago di Lugano, comincia a lavorare.

La voce in diretta dal fondale

“Cosa debbo dire una volta arrivato sul fondo?”  chiede il sub Mario Gabrieli; “Quello che vedi, quello che fai”; Ok di risposta e via, giù dal pontile, nelle acque già un po’ fredde del Giglio, ma limpidissime e trasparenti. Occorrono un paio di minuti prima che la telecamera installata sul molo inquadri le figure nere dei due sub che si muovono lentamente sopra l’area delimitata per i rilievi subacquei.

Ecco la voce di Mario, finalmente. Lo vediamo osservare e raccontare per il nostro registratore i tesori della nave oneraria romana. Dice quello che sicuramente interesserà gli ascoltatori del documentario in produzione e cioè che da quasi mille e settecento anni la nave oneraria giace a quella profondità, con ciò che resta della struttura lignea originale, mentre il prodigioso carico di anfore africane è sparpagliato sul fondale; poi descrive l’area che è stata mappata per i rilievi fotogrammetrici.

Subito dopo, questo toscanaccio dai baffoni spioventi, continua l’ispezione del fondale e la descrizione assume quasi i toni professionali di una telecronaca: “…si avvistano una sessantina di anfore, già con tutto il collo e la pancia fuori dalla sabbia”. Un po’ di pulizie casalinghe per aspirare la sabbia (sorbonare) con l’apposito tubo, e quindi il rilievo scientifico; è arrivato il momento della risalita.

Una volta sul molo, Mario ci informa che deve “riposare” un po’ per smaltire buona parte dell’azoto accumulato nel sangue, recuperando così una situazione psicofisica leggermente compromessa. Ma subito dopo, a beneficio del servizio che stiamo preparando, arricchisce la sua cronaca con impressioni e sensazioni sul lavoro che svolge. Alla fine (siamo tutti un po’ bambini!) si diverte un mondo nell’ascoltare in cuffia ciò che poco prima ci ha “raccontato” dal fondo del mare.

Testo del Columnist Federico Formignani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.