Picasso al MUDEC di Milano: la metamorfosi della figura.

La mostra permette di vedere affiancate alle opere di Picasso i manufatti arcaici-alcuni provenienti dalle collezioni del MUDEC. L’arte primitiva, infatti è stata un’infinita  ispirazione di un’estetica nuova per il pittore.

Nue Accoudè, 1961, Pablo Picasso (ph.Eugenio Bersani)

Una delle qualità più apprezzabili delle esposizioni visitabili al MUDEC, il Museo delle Culture di Milano, è la scelta di aspetti specifici della produzione artistica di grandi esponenti del mondo dell’arte.

È il caso della mostra in corso “Picasso. La metamorfosi della figura” che racconta il rapporto fecondo e complesso tra il pittore spagnolo e l’arte primitiva, africana ma non solo.

Non si tratta dunque di una grande esposizione che mette il visitatore davanti ai capolavori conosciuti e ultra-famosi, ma di un approccio diverso, un confronto interessantissimo tra i dipinti e le sculture di Picasso e le opere di culture lontane nel tempo e nello spazio, dall’arte iberica arcaica a quella africana ma anche da continenti ancora più remoti come l’Oceania e la Nuova Guinea.  

Un punto di vista diverso e misterioso sulle fonti di ispirazione del grande spagnolo: maschere inquietanti e feticci puntuti messi a confronto con il volto scomposto della Femme nue o dei disegni preparatori delle Demoiselles d’Avignon, aprono, a chi visita la mostra, nuovissimi scorci sulla produzione del pittore. Sintesi, semplificazione, purezza: ecco la via per rappresentare l’estetica nuova.

“Nudo”, Pablo Picasso 1907 (ph.Eugenio Bersani)

Era il 1906 quando Picasso restò sconvolto e turbato da alcune maschere africane e dall’esposizione di antiche sculture iberiche di epoca preromana in corso al Louvre. Mischiate e fuse queste suggestioni antiche fecero saltare definitivamente i concetti tradizionali della pittura portando Picasso a costruire un’estetica nuova che si ispirava alle scabre forme delle antiche maschere lignee.

E’ davvero affascinante vedere affiancate alle opere del pittore i manufatti arcaici-alcuni provenienti dalle collezioni del Mudec-; un’operazione suggestiva e rivelatrice dell’evoluzione artistica di uno dei grandi protagonisti del Novecento.

Informazioni Utili

Mudec- Museo delle Culture- via  Tortona 56, Milano

PERIODO DI APERTURA

22 febbraio – 30 giugno 2024

ORARI MOSTRA

Lunedì 14.30 – 19.30

Martedì – mercoledì – venerdì – domenica 9.30 – 19.30

Giovedì – sabato 9.30 – 22.30

La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)

APERTURE O CHIUSURE STRAORDINARIE

Domenica 31 marzo 2024 (Pasqua) 09:30 – 19:30

Lunedì 1 aprile 2024 (Lunedì dell’Angelo) 09:30 – 19:30

Giovedì 25 aprile 2024 (Anniversario della Liberazione) ore 09:30 – 22:30

Mercoledì 1 maggio 2024 (Festa del Lavoro) ore 09:30 – 19:30

Domenica 2 giugno 2024 (Festa nazionale della Repubblica) 09:30 – 19:30

PREZZI

• INGRESSO SINGOLO INTERO

16,00 €

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

+39 02 54917

www.mudec.it

Testo di Lucia Giglio Foto di Eugenio Bersani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com