Il mondo visto da una bici. Le città più bikefriendly

Ci sono città fatte su misura per chi ama la bici, con ciclovie urbane che fanno venir voglia di pedalare anche al più pigro dei turisti. La bici è passata da essere una moda ad una delle migliori alternative per muoversi in città, non solo per gli abitanti, ma anche per gli stessi turisti. El Pais indica alcune delle città più adatte ad essere visitate in bici.

Amsterdam, Paesi Bassi

Amsterdam, e i Paesi Bassi in generale, è sicuramente la città ideale per muoversi in bici. Ogni giorno circa 400.000 persone pedalano lungo i 400 km di piste ciclabili che permettono di raggiungere qualsiasi angolo della città. Essendo inoltre completamente piana, la capitale olandese non presenta alcuna difficoltà per i tanti ciclisti, sia che di pedali lungo i suoi canali sia per le vie del centro.

Barcellona, Spagna

Negli ultimi dieci anni Barcellona si è trasformata in una delle migliori città per il ciclismo urbano grazie ai suoi 172 km di piste ciclabili. Ovunque si trovano servizi di bike sharing e posti dove affittare biciclette sia per i turisti che per i residenti.

Montreal, Canada

Nonostante il profilo montuoso e le fredde condizioni climatiche i 600 km di piste ciclabili e le tante bici disponibili per l’uso pubblico, hanno trasformato Montreal in una città bikefriendly. Si tiene annualmente anche una gara di bici: il Tour de I’llle di Montreal, a cui partecipano circa 30.000 persone ogni estate.

Kyoto, Giappone

Sono diversi gli itinerari che si possono fare in bici con facilità per scoprire le bellezze di Kyoto. Tuttavia uno dei must è sicuramente pedalare ammirando l’incredibile varietà di sfumature del foliage autunnale o l’esplosione di rosa e bianco degli alberi in primavera.

New York, Stati Uniti

New York si presta molto ad essere girata in bici, da Central Park alle rosse piste ciclabili che portano ai monumenti più importanti. Ne è un esempio il Manhattan Waterfront Greenway l’itinerario di 50 km che porta alla scoperta di Manhattan e dei quartieri esterni che si collegano all’isola con diversi ponti, come quello famoso di Brooklyn.

Città del Messico, Messico

Nonostante le megalopoli di solito non si prestino al ciclismo urbano, Città del Messico rappresenta un’eccezione. Gli itinerari da percorrere in bici sono infatti popolari tra i visitatori. Ci sono piste ciclabili che attraversano la città come quella che va da Chapultepec al centro storico.

Parigi, Francia

Nella capitale francese la bicicletta non è esattamente il principale mezzo di trasporto. Tuttavia Paris Velib, uno dei primi sistemi di bici pubbliche, conta oggi 1800 stazioni e 20.000 unità per 440 km di pista ciclabile segnalata. Inoltre le strade lungo la Senna vengono chiuse la domenica dando la possibilità di sfrecciare davanti al Louvre, i giardini di Tullerías  e la torre Eiffel.

Melbourne, Australia

Melbourne è una città che si presta molto ad essere girata in bicicletta. Questo anche grazie all’influenza di Jan Ghel, architetto urbano danese che lavorò nella città negli anni 90. C’è ad esempio lungo il fiume Yarra un percorso verde dove si può pedalare in tranquillità.

Portland, Stati Uniti

©Biketown

Portland imita il modello di Copenaghen, presentandosi come una città sostenibile e indipendente. In città è presente un servizio di bike sharing con 660 stazione e ben 560 km di piste ciclabili.

Copenaghen, Danimarca

La capitale danese è una delle città più bikefriendly del mondo. Circa 30.000 biciclette circolano sulle sue piste ogni giorno. La bicicletta è il mezzo preferito dei danesi per spostarsi, ma sono presenti anche 125 punti di noleggio per i turisti.

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.