Primavera, la stagione delle grandi mostre

Henri-de-Toulouse-Lautrec-La-Troupe-de-Mademoiselle-Églantine-1896-Color-Lithography-617x804-cm.-Ph.-©-Herakleidon-Museum-Athens-Greece
Henri de Toulouse-Lautrec, La Troupe de Mademoiselle Églantine, 1896, Color Lithography, 61,7×80,4 cm. Ph. © Herakleidon Museum, Athens Greece

Fra i tanti propositi che si fanno spicca senz’altro il desiderio di viaggiare per conoscere meglio le bellezze d’Italia ed accrescere la propria cultura. Una grande varietà di importanti mostre inaugurano con il finire del freddo e ci accompagnano fino a primavera ed oltre.  Per il soggiorno, si può scegliere affidandosi a Condé Nast Johansens, una delle più importanti collane di guide al mondo.

A Verona arriva Toulouse-Lautrec dal 25 marzo al 3 settembre. A Palazzo Forti una grande retrospettiva su Henri de Toulouse-Lautrec, l’artista bohémien per eccellenza nella Parigi di fine XIX secolo, morto prematuramente a 36 anni. Una selezione dei più celebri lavori tra cui molte opere grafiche per le quali l’artista è famoso: illustrazioni, poster, stampe, copertine, locandine di teatro. Nella sua arte compaiono la Parigi di fine ‘800 con la sua varia umanità, rappresentanti della borghesia cittadina, donnine allegre, ballerine, cantanti, palchi e spettacoli teatrali per i quali spesso Toulouse-Lautrec realizzò locandine e manifesti, diventando uno dei più richiesti illustratori del suo tempo, anticipatore della grafica come arte a sé stante e della comunicazione pubblicitaria.

Dove dormire a Verona:  Il Due Torri è un hotel 5 stelle situato in un palazzo del 1300, detto “dell’Aquila”, nel centro storico di Verona vicino alla Chiesa di Sant’Anastasia, a due passi dal famoso balcone di Giulietta, Piazza Bra e l’Arena. L’eleganza dell’arredamento, la suggestiva atmosfera d’altri tempi ed il servizio professionale sono apprezzati da un’illustre clientela italiana e internazionale, tanto da definirlo l’hotel 5 stelle più rinomato di Verona.

Amedeo Modigliani Grande nudo disteso - Celine Howard 1918 circa Olio su tela, 65 x 100 cm Collezione privata
Amedeo Modigliani Grande nudo disteso – Celine Howard 1918 circa. Olio su tela, 65 x 100 cm. Collezione privata.

Grande attenzione per la mostra dedicata a Modigliani, in programma al Palazzo Ducale di Genova dal 16 marzo al 16 luglio. La mostra, allestita nell’appartamento del Doge di Palazzo Ducale, si propone di illustrare il percorso creativo di Amedeo Modigliani affrontando le principali componenti della sua carriera. Attraverso una trentina di dipinti provenienti da importanti musei e da prestigiose collezioni europee e americane, oltre ad altrettanti disegni, si intende mettere in risalto il grande valore della sua ricerca in quel clima assolutamente unico creatosi nella Parigi d’inizio Novecento. Modigliani testimonia infatti l’effervescenza dell’ambiente artistico e culturale di quegli anni, dove convivono e si incontrano grandi mecenati e mercanti accanto a scrittori e ad artisti protagonisti di un’irripetibile stagione di rinnovamento della pittura. Oltre ai ritratti la mostra rivolge un’attenzione particolare anche ai celebri nudi e ai disegni. Dove dormire a Genova: Hotel Bristol Palace Nel cuore del Liberty di Genova, in via XX Settembre, si trova questa elegante struttura Liberty nel centro della città. Presenta originali arredi Déco, preziosi oggetti e complementi d’arredo dell’Ottocento.

Fortunato Depero il Mago
Fortunato Depero il Mago

A Traversetolo (Parma) dal 18 marzo al 2 luglio la Fondazione Magnani Rocca ospita una retrospettiva dedicata a Fortunato Depero. Oltre cento opere tra dipinti, le celebri tarsie in panno, i collage, disegni, abiti, mobili, progetti pubblicitari, per celebrare il geniale artefice di un’estetica innovativa che mette in comunicazione le discipline dell’arte, dalla pittura alla scultura, dall’architettura al design, al teatro. Il futurista Depero si schiera contro i modelli comuni provocando la rottura di schemi obsoleti. L’esposizione prende avvio dai primi passi dell’artista in Irredentismo e Futurismo, dagli esordi roveretani fino al periodo romano quando, nel 1915, firma con Giacomo Balla il manifesto Ricostruzione futurista dell’universo, che custodisce il sogno di un’opera d’arte totale, capace di inglobare tutti i linguaggi della ricerca artistica. Dove dormire a Parma: Palazzo dalla Rosa Prati è una residenza d’epoca situata nel centro storico di Parma, a due passi dal celebre Battistero. Dispone di 7 eleganti suite, alcune con vista su Duomo e Battistero, ed esclusivi appartamenti. Su richiesta, la residenza organizza in un tipico agriturismo a gestione familiare lezioni private di cucina tenute da una eccellente cuoca con lunga esperienza di cucina casereccia.

arte-Art-Deco-672-Gli-anni-ruggenti-in-Italia-Forlì-672x372

A Forlì, una grande esposizione su “Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia”, fino al 18 giugno ai Musei di San Domenico. La mostra rende onore alla produzione artistica nazionale ed europea fiorita negli Anni Venti e propone la rilettura di una serie di avvenimenti storico-culturali e di fenomeni artistici che hanno attraversato l’Italia e l’Europa fra il 1919 e il 1929, quando il fenomeno Déco è esploso comprendendo arredi, ceramiche, vetri, metalli lavorati, stucchi, bronzi, gioielli, argenti, abiti. Il livello della produzione artigianale e industriale raggiunse vette altissime, contribuendo alla nascita del design e del Made in Italy. Dove dormire vicino a Forlì: sul mare, all’Hotel Waldorf. Si trova a Milano Marittima, in posizione esclusiva sul lungomare, con una magnifica vista sulla costa adriatica e l’entroterra, con accesso diretto alla spiaggia privata. Il design moderno ed esclusivo dona all’hotel un’atmosfera elegante ed accogliente allo stesso tempo. È l’albergo ideale per godere del primo sole della stagione e per passeggiare lungo il mare.

A Firenze fino al 23 luglio a Palazzo Strozzi “Bill Viola. Rinascimento elettronico”, una grande mostra che celebra il maestro indiscusso della videoarte contemporanea. Il percorso espositivo ripercorre, attraverso straordinarie esperienze di immersione tra spazio, immagine e suono, la carriera di questo artista, dalle prime sperimentazioni degli Anni Settanta fino alle grandi installazioni successive al Duemila. Nella cornice rinascimentale di Palazzo Strozzi si crea soprattutto uno straordinario dialogo tra antico e contemporaneo attraverso un inedito confronto diretto delle opere di Viola con quei capolavori di grandi maestri del passato che sono stati per lui fonte di ispirazione e ne hanno segnato l’evoluzione del linguaggio. Dove dormire a Firenze: Golden Tower Hotel & Spa. Situato in posizione strategica vicino alla Stazione nel pieno Centro Storico di Firenze, a due passi da Palazzo Strozzi, dal Ponte Vecchio e dal Giardino di Boboli sorge il lussuoso Hotel Golden Tower & Spa, una dimora regale con ambienti decorati da affreschi del ‘500, e arredi in pregiato legno intarsiato e rifiniture in marmo. La famiglia Strozzi risiedette fino al 1492 nella Torre e nell’adiacente edificio, oggi anch’esso sede del Golden Tower Hotel & Spa, per poi trasferirsi nell’omonimo Palazzo. E’ il primo Boutique Hotel con Centro Estetico e SPA nel centro di questa città.

A Roma al Chiostro del Bramante “La grande onda. Viaggio in Giappone” dal 10 aprile al 10 settembre. L’esposizione, partendo dalla famosissima immagine “La grande onda di Kanagawa” del pittore Hokusai, si articola come un viaggio immersivo alla scoperta della società, delle arti e della cultura giapponese. La mostra si propone di proiettare lo spettatore al di là del tempo e della geografia raccontando, attraverso le opere di alcuni tra i più celebri artisti giapponesi dell’epoca, tra cui Hokusai, Utamaro, Hiroshige, Kunisada e Okkei, un mondo fatto di gesti e attenzioni, di ritualità e simboli legati a ogni aspetto della vita quotidiana. Dove dormire a Roma: Buonanotte Garibaldi. Attraversando il Tevere ci si trova nel pittoresco quartiere di Trastevere, dove si trova il Buonanotte Garibaldi, Guest house esclusiva concepita come atelier, dove si fondono arte, moda, design e fiber art. Oltre alle opere realizzate dalla padrona di casa, è possibile acquistare pezzi unici come pannelli da parete in organza o seta, appliques dipinte a mano, scialli di chiffon, tende e cuscini. 

A Catania arriva la mostra di Escher dal 18 marzo al 17 settembre al Palazzo della Cultura. Oltre 200 opere dell’artista olandese famoso per le sue incisioni su legno, litografie e mezzetinte raffiguranti gli oggetti più strani, avvicinandolo alle Avanguardie storiche, al Futurismo e al Surrealismo. Le sue esplorazioni dell’infinito, le tassellature del piano e dello spazio e i motivi a geometrie che cambiano in forme via via differenti, sono state ispirazione per le nuove tecnologia digitali.
Dove dormire vicino a Catania: Monaci delle Terre Nere è un boutique hotel immerso in una tenuta siciliana alle pendici del Monte Etna, il vulcano attivo più grande d’Europa. Il Relais si compone di 19 camere ognuna diversa dall’altra dislocate tra l’edificio principale, una dimora nobiliare del XVIII secolo, e le Suite diffuse, circondate dalla tenuta biologica in cui è possibile apprezzare il silenzio e la vera anima della tenuta. Ha il fascino di un hotel di design, in cui le caratteristiche originali dell’edificio si fondono all’arte contemporanea.

Testo di Stefania Bortolotti |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.