Festa della birra di Stoccarda: la Cannstatter Volksfest compie 200 anni

Dal 28 settembre al 14 ottobre ritorna una delle più grandi feste della birra al mondo, un momento di allegria, vitalità e amicizia che ogni anno richiama milioni di partecipanti nella bella città sveva. L’antica Cannstatter Volksfest, la festa della birra di Stoccarda, è diventata nel tempo un appuntamento sempre più internazionale, dove però si conserva gelosamente il folklore locale, con uomini e donne in costume tradizionale – Dirndl e Lederhosen – e la Gemütlichkeit (l’affabilità) tipica della Germania meridionale.

Quest’anno i due secoli di vita della grandiosa kermesse di fine estate verranno celebrati nella Festa Storica in centro città, dal 26 settembre al 3 ottobre, evento nell’evento abbondantemente irrorato da una birra speciale appositamente prodotta per il giubileo.

Si rievocherà così l’atmosfera di quel settembre 1818, quando, per alleviare le sofferenze della popolazione provata da anni di carestie e cattivi raccolti, il Re Guglielmo I del Württemberg e la moglie Katharina inaugurarono una festa popolare nell’area verde fuori Stoccarda detta Cannstatter Wasen.

Ci saranno funamboli e saltimbanchi, mangiatori di fuoco e prestigiatori e spettacoli di illusionismo. Secondo i gusti e le mode dei primi Ottocento, non mancheranno attrazioni circensi come la “donna senza testa” e la “ragazza fluttuante”, o l’imitatore del canto degli uccelli. E ancora giochi di abilità come il tiro a segno “della nostalgia”, e addirittura un circo delle pulci, per vedere gli insetti gareggiare nella corsa o giocare a calcio, una grande ruota panoramica dell’inizio del 20mo secolo, le prime montagne russe e un carosello d’antan.

La storia di Stoccarda rivivrà anche attraverso personaggi in costume che racconteranno le proprie vicissitudini – tra questi, il re Guglielmo I, sua moglie Katharina e l’amante Amalie von Stubenrauch – e un mercatino tradizionale dove trovare, tra gli altri, il mastro cordaio e l’artista della carta pesta. Sulla grande piazza del Castello Nuovo ci sarà ampio spazio per stand gastronomici con i piatti della tradizione, le carni di cacciagione, i wurstel con crauti e patate, spiedi e grigliate ad oltranza. E come detto, grazie ad un’inedita alleanza tra i mastri birrai dei birrifici Stuttgarter Hofbräu e Dinkelacker di Stoccarda scorrerà a fiumi la speciale birra del giubileo che con i suoi 5,5 % di alcol e un aroma antico vuole rievocare il sapore di quella che si beveva proprio nel 1800.

Ma la l’intera festa che celebra la fine dell’estate e il tempo del raccolto, vale la pena di ricordarlo, dura ben 17 giorni. Uno dei momenti topici della Cannstatter Volksfest è la grande processione inaugurale  (prevista per  domenica 30 settembre), con 3.500 partecipanti, trattori, cavalli, figuranti e animali riccamente bardati. Dominerà la scena di Stoccarda per l’intero periodo la Fruchtsäule, la colonna dell’abbondanza, tutta  in legno, alta 26 metri e riccamente decorata con i frutti del raccolto, a ricordare l’origine contadina e autunnale della Cannstatter Volksfest. Festa dedicata alla bevanda tedesca per eccellenza, non manca di sfoderare per l’occasione i must della gastronomia locale, come i ravioli Maultaschen, gli gnocchetti Spätzle, la carne di maiale, i dolci golosi, e sorprendere i poco informati con l’ottimo vino prodotto nei dintorni della città.  A rinforzo di un clima d’allegria contagioso, canti e balli, un enorme luna-park con montagne russe e mille attrazioni, stand di dolciumi e di oggetti-souvenir. Una lunga travolgente ventata di buonumore per grandi e piccini.

Per tutte le informazioni: Cannstatter Volksfest

Testo Gianfranco Podestà|Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.