A Milano il Festival del Cinema di 3 continenti.

Torna anche quest’anno la zebra prismatica, il bel logo identificativo divenuto ormai simbolo del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina a Milano dal 23 al 31 marzo 2019

Arrivata alla 29 ma edizione, la rassegna è ormai un importante momento culturale nel panorama milanese e ancora più interessante in un momento in cui gli scambi culturali rappresentamento molto di più di arricchimento e conoscenza: apertura contro chiusura. Milano capitale culturale internazionale si apre al mondo con film importanti, eventi, incontri, cucina, e la novità del Festival dedicato ai ragazzi, Film Festival – MiWY.

L’attenzione è rivolta sempre di più alle comunità  che vivono Milano: nel 2019 il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina dedica un focus speciale ai film più popolari e apprezzati dal pubblico nei tre continenti con tre film campioni di incassi da Cina, Egitto e Perù. Dalla comedy al drama, i tre titoli, che andranno a comporre questa speciale programmazione, sapranno far ridere, riflettere ed emozionare aprendo inedite ed esclusive finestre sul mondo  per il pubblico italiano e straniero. Dalla selezione, Youth di Feng Xiaogang, presentato in collaborazione con l’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano.

A rappresentare l’Africa, in anteprima italiana, il film egiziano Induced Labor di Khaled Diab, un’esilarante commedia su una coppia egiziana che irrompe nell’Ambasciata americana del Cairo, pronta a tutto pur di ottenere il visto per gli Stati Uniti. Il regista è uno sceneggiatore di grande fama in Egitto. Il successo di questo film è arrivato oltre i confini del Paese e il regista è stato chiamato in USA per girare un remake in cui i messicani sostituiranno gli egiziani nell’ambasciata USA.

Dal continente latino americano il peruviano El Abuelo di Gustavo Saavedra Calle. E’ il viaggio dell’ottantenne Cristosomo, insieme a suo figlio e i nipoti alla ricerca delle sue origini, un tuffo nel passato a tratti comico e commovente che racconta le vicende di una tradizionale famiglia peruviana. Questo titolo rientra anche nella sezione cinematografica del Festival Focus Perù, organizzata con l’Ufficio Reti e Cooperazione Culturale del Comune di Milano nell’ambito dell’iniziativa Milano Città Mondo #04 Perù.

Con questi film il FESCAAAL vuole raggiungere l’obiettivo di un maggiore coinvolgimento delle comunità internazionali della città stimolando il loro interesse grazie alla programmazione di film di successo dei loro paesi di origine, che non avrebbero l’occasione di poter vedere al cinema in nessun altro contesto.

Sarà per la prima volta un film di una regista italiana ad aprire il 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina di Milano, domenica 24 marzo. Fiore Gemello di Laura Luchetti, presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival 2018.  Fiore Gemello non è solamente un film sull’immigrazione in Italia, ma è un soggetto forte trattato con giustezza e delicatezza, dove la questione dell’immigrazione rimane sullo sfondo mentre l’accento è posto sulla storia di amicizia e d’amore possibile tra Anna e Bassim, un atto di resistenza di due giovani adolescenti per restare “umani”.

Il 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina si terrà a Milano dal 23 al 31 marzo 2019. Tra i circa 700 film ricevuti quest’anno ne sono stati selezionati 62, il meglio delle produzioni da e su Africa, Asia e America Latina.
Tre le sezioni competitive del festival: il Concorso Lungometraggi Finestre sul Mondo, con fiction e documentari dai tre continenti in anteprima nazionale; il Concorso Cortometraggi Africani, lo spazio dedicato ai giovani registi dal continente africano; il Concorso Extr’A, con le opere di registi italiani girati in Africa, Asia o America Latina e con uno sguardo sull’attualità del nostro Paese. Ai tre concorsi si affiancano le sezioni parallele: Flash, la sezione che ospita le anteprime di rilievo di registi affermati. E  tutti ridono… la sezione più pop del festival dedicata alle commedie provenienti dai 3 continenti;  un Focus sul cinema del Peru in collaborazione con Milano Citta Mondo. La cornice del 29°FESCAAAL sarà anche l’occasione per il 3° appuntamento di Africa Talks, l’evento speciale, in collaborazione con Fondazione EDU, di approfondimento sugli aspetti più tecnologici che riguardano l’Africa.

Mai come quest’anno si guarderà alle nuove generazioni con il lancio del  MiWorld Young Film Festival – MiWY che si terrà nell’ambito del FESCAAAL dal 25 al 30 marzo.
6 giorni, 13 film, 2500 studenti, 250 docenti, 3 giurie speciali, 4 premi, 1 corso di formazione e 1 seminario internazionale.
La proposta extra-cinematografica del Festival nel 2019 comprende anche il ricco programma del Festival Center, al Casello Ovest di Porta Venezia, lo spazio di incontro tra il pubblico e gli ospiti del festival con iniziative multidisciplinari da e su Africa, Asia e America Latina. Quest’anno il Festival Center ospiterà la mostra fotografica Maggic Cube di Adji Dieye, a cura di Maria Pia Bernardoni.

Le proiezioni del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina si terranno presso l’Auditorium San Fedele, lo Spazio Oberdan, all’Arcobaleno Filmcenter e al WantedClan.

Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

Testo di Teresa Scacchi|Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.