Pronti a viaggiare: la ricerca di Expedia che dà fiducia al turismo

Una ricerca di Expedia Group rivela le tendenze e necessità che influenzeranno i viaggi nel 2021.

Il 2021 sarà l’anno della ripresa del turismo. È questo il sentimento rilevato dalla ricerca di Expedia Group™ Media Solutions, l’organizzazione pubblicitaria di Expedia Group, che mostra anche come le persone abbiano bisogno di rassicurazioni in aree critiche quali flessibilità, pulizia e comunicazione per valutare un viaggio nel prossimo futuro.

L’indagine è stata effettuata in occasione della conferenza annuale “Explore ’20” con la quale la piattaforma mondiale per i viaggi ha rivelato le considerazioni chiave che caratterizzeranno le scelte di chi deciderà di spostarsi il prossimo anno. I risultati della ricerca sono chiari. Un turista su due si sente “ottimista”, ovvero a proprio agio o addirittura entusiasta, di intraprendere un viaggio nei prossimi 12 mesi. Ma è bene sottolineare che la fiducia dei consumatori varia a seconda del Paese e della generazione a cui appartengono.

Gli elementi importanti per il viaggio

Ad influenzare tale sentimento vi sono diversi fattori tra cui le misure igieniche, le politiche di cancellazione e dei rimborsi e una serenità finanziaria dopo la crisi economica provocata dall’emergenza sanitaria. Addirittura tre quarti dei viaggiatori riferiscono che misure come l’utilizzo della mascherina, della flessibilità ed  i servizi contactless sono elementi che determineranno la destinazione del loro prossimo viaggio. A livello globale, due terzi dei viaggiatori sono stati costretti ad annullare un viaggio a causa del Covid-19. Il restante, invece, si è spostato durante i mesi di emergenza sanitaria: di quelli che lo hanno fatto, otto su 10 hanno viaggiato per recuperare le energie, “cambiare aria” o per vedere la famiglia e gli amici.

Trend dei viaggi nei prossimi 12 mesi

Si stima che a livello globale sia più probabile che i viaggiatori si spostino tra aprile e settembre 2021. I cittadini brasiliani, cinesi e messicani mostrano una maggiore propensione a muoversi ancora prima, addirittura già tra gennaio e marzo del prossimo anno. Quest’ultimo dato non fa che rimarcare il sentiment positivo dei viaggiatori osservato anche in questi mercati. Dalla ricerca emerge anche che, sempre a livello mondiale, le persone appartenenti alle generazioni Z e Y hanno una propensione 1,5 volte maggiore a intraprendere un viaggio di piacere da gennaio a marzo 2021 rispetto a quelli di altre fasce.

Inoltre il 57% dei viaggiatori ha dichiarato che si sentirebbe a proprio agio a muoversi se il vaccino fosse ampiamente disponibile. Un dato considerato promettente soprattutto se si tiene in considerazione che il sentiment è stato registrato in ottobre. Infine sette viaggiatori su dieci desiderano la massima flessibilità nelle prenotazioni, assicurazioni di viaggio e relative politiche di protezione, possibilità di cancellazione e i rimborsi per il trasporto e l’alloggio.

Le scelte su trasporto e all’alloggio

Chi si muoverà vuole essere rassicurato sul rispetto dei protocolli sanitari. L’uso e il rispetto della mascherina (50%), il prezzo (47%) e la semplicità nell’ottenere rimborsi o nell’applicare politiche di cancellazione (45%) saranno i fattori principali che influenzeranno le future scelte di chi organizzerà un viaggio. L’importanza attribuita a ciascuno di essi varia a seconda della modalità di trasporto. Nel caso di viaggi aerei, sei viaggiatori su dieci si sentirebbero più a loro agio se fossero in atto misure di distanziamento sociale.

L’adeguatezza dei protocolli igienici sarà un altro elemento importante che influirà le future scelte di alloggio di ogni tipo per più della metà dei viaggiatori. Ulteriori considerazioni includono il servizio in camera e il take-away (24%) e le opzioni di check-in senza contatto (23%). I Travel providers, così come i destination organizations, devono comunicare chiaramente le misure sanitarie e igieniche e la flessibilità delle loro politiche, in modo da rassicurare e attirare i viaggiatori.

Strumenti di viaggi

I viaggiatori si rivolgono alle agenzie di viaggio online per informarsi e pianificare i viaggi il 24% più spesso rispetto al periodo pre-pandemia mentre i siti web delle destinazioni hanno registrato un aumento del 20%. Cresce anche l’influenza di immagini e i messaggi  (+20%).

Tecnologia di Expedia per superare gli ostacoli

La ricerca mostra che le persone prenoteranno un viaggio se sono sicure di poter cambiare i loro programmi. Expedia Group sta investendo in tecnologia per fornire ai viaggiatori e ai lodging partners una maggiore scelta su come cercare e ricevere supporto in caso di necessità.

Expedia Group ha aggiunto nuove funzionalità al suo agente virtuale che aiuta a risolvere le richieste più comuni. Tra queste vi l’annullamento o il cambio di viaggio, la richiesta di rimborsi, il riscatto di voucher e la risposta a domande sulle misure di sicurezza. La cancellazione con un solo clic è una funzione aggiunta di recente che permette ai viaggiatori di annullare in qualsiasi momento il viaggio.

In caso di richieste complesse, l’agente virtuale mette in contatto i turisti con gli agenti umani o direttamente con il travel partner. I brand del Gruppo Expedia hanno recentemente lanciato il COVID-19 Travel Advisor, uno strumento interattivo che aiuta i viaggiatori a trovare informazioni aggiornate sul coronavirus nelle destinazioni di interesse.

Le prospettive

“Mentre tutto il mondo segue con attenzione le notizie sui vaccini e la gente continua a sperare di raggiungere i propri cari, abbiamo notato che l’esigenza di viaggiare è sempre più forte”, ha affermato Monya Mandich, Vice President of Global Marketing, Expedia Group Media Solutions. “Covid-19 ha portato un cambiamento radicale nelle preferenze e nelle influenze dei viaggiatori- ha proseguito- e la comprensione di questi sviluppi è fondamentale per la ripresa e per le future strategie di marketing. La nuova ricerca fornisce informazioni sugli steps che i brand del settore viaggi possono compiere per rassicurare e connettersi con i viaggiatori mentre questi ricominciano a fare ricerche, pianificare e prenotare”.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Informazioni utili:

Le registrazioni di explore ’20 sono disponibili sul sito fino alla fine dell’anno. Per ulteriori informazioni si consiglia di visitare Traveler Sentiment and Influences.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.