EUR Roma o la tentazione dell’impero

Il trattato perfetto dell’evoluzione dell’idea imperiale, dall’antichità romana ai fasti del 20ennio. Testo di Lucia Giglio Foto di Eugenio Bersani.

L’architettura e l’arte, viste con occhi attenti, raccontano tutto della condizione umana, del pensiero, delle tensioni di un’epoca. Roma, si sa è un favoloso sovrapporsi di tomi d’arte en-plein-air, ogni sasso, ogni mattone arrivano da lontano e testimoniano dei secoli, tormenti e glorie.

Il palazzo della Civiltà Italiana all’EUR

Ma l’Urbe per sua natura intrinseca è una capitale di imperi, dal primo e più grande dei Cesari, fino a quello  più arruffato del ventennio fascista. Tra le due epoche corre un collegamento, un’idea grande di superiorità sul mondo, di unicità e potenza che si riflettono con somiglianze interessanti nelle opere d’arte. Naturalmente il secondo ha copiato a piene mani dal primo, ha attinto con voracità all’ideale classico di Roma antica.

A sottilizzare pure Roma antica non faceva che copiare dall’epoca classica per eccellenza quella ellenica, e  come sostengono gli storici dell’arte, dopo i greci tutti non fu che imitazione del classico. L’ideale è sempre il medesimo: bellezza, simmetria, rigore, perfezione. Semplificando, ovvio. Perché la realtà è molto più complessa: i romani si ispiravano alla grecità trasformandola e piegandola ai propri bisogni e miti; allo stesso modo fecero architetti e artisti di epoca fascista.

Colonnato esterno del Palazzo della Civiltà Italiana all’EUR

Ed è proprio la rappresentazione del classico riadattata alle due epoche ad affascinare.  E dunque seguiteci in questa rapida suggestione imperiale, guardate con occhi nuovi edifici, statue, strade  dell’età Augustea  e poi guadagnate il quartiere dell’E.U.R e ammirate cosa divenne l’ideale classico negli anni 30 e 40 del ‘900.

Colonnato del Palazzo dell’INPS all’EUR

L’obelisco, un trattato d’arte . Gioco facile paragonare quello di Piazza Colonna con quello di Piazza Guglielmo Marconi all’EUR. Certo,  la forma “fisica” è differente: quelle di Piazza Colonna è in verità una colonna istoriata, quello di Arturo Dazzi  all’EUR, a tronco piramidale.

Ma ciò che conta è la storia che raccontano, sulla Colonna le vittorie di Marco Aurelio sui barbari , in quello di Dazzi vita e invenzioni del grande italiano Marconi.  Sono passati quasi due millenni tra i due, il primo del  II° secolo d. C.,  il secondo del 1939, ma la modalità della narrazione resta identica.

Colonna di Marco Aurelio in Piazza Colonna
Obelisco di Marconi in Piazza Guglielmo Marconi all’EUR

Altra simmetria suggestivissima tra il Colosseo e il Palazzo della Civiltà del lavoro. Destinazioni diversissime, ma stupenda l’idea architettonica del “Colosseo Quadrato” destinato alla mai realizzata Esposizione Universale che doveva tenersi nel 1942. Spazio monumentale, metafisico, misterioso , costruito a ordini d’archi sovrapposti che riecheggiano fascistamente quelli dell’Anfiteatro Flavio.

Colosseo anfiteatro romano

Palazzo della Civiltà Italiana all’EUR. E’ anche conosciuto come Colosseo Quadrato

Colpisce profondamente, stagliato e vuoto sotto il cielo di Roma che lo avvolge e penetra. Chiaro l’obiettivo del Duce di attingere alla romanità come passaporto per un nuovo imperialismo, ma l’arte sfugge alle imposizioni e in questi palazzi della nuova Roma Imperiale emergono non solo grandiosità ma inquietudine, echi della guerra in arrivo, sofferenza per il totalitarismo sempre più diffuso nella società.

Rigore, linee nette, rimandi al classicismo, grandiosità assoluta anche negli altri edifici dell’Eur. Il Palazzo dei Congressi è del 1938 ed è una felice sintesi di razionalismo, neo classicismo e celebrazione dei fasti imperiali di Roma antica e Roma moderna. Il grande cubo di 45 metri , tutto rivestito di travertino offre subitanea la visione monumentale della nuova Roma del regime e si ispira per linee e volumi al Pantheon fatto costruire da Marco Agrippa nel 27 a.c.

Pantheon 27 a.c.
Palazzo dei Congressi all’EUR 1938

Quanto alle statue è tutto un rincorrersi da un secolo all’altro. Facile il rimando agli ideali antichi dell’uomo perfetto, atletico e potente che ritorna solo più scarno e dai margini più secchi nel marmo del Ventennio. Luogo di interessante confronto è lo Stadio dei Marmi che si trova a lato dello Stadio Olimpico. E’ uno stadio sportivo e di atletica realizzato nel 1928 che ospita 60 statue di marmo in stile classico raffiguranti le diverse attività sportive.

Statua di pugile di Francesco Messina allo Stadio dei Marmi 1933

Le due coppie dei Dioscuri, i figli di Zeus che ornano gli angoli del Palazzo delle Civiltà Italiane, sono chiari riferimenti alla grandezze di Roma antica e alle sue leggende, come i bassorilievi del Palazzo Uffici, che senza metafore, evocano le glorie imperiali da cui deriverebbero quelli dell’Impero Fascista. Non servono trattati, non servono guide. E’ tutto sotto i nostri occhi, basta osservare con attenzione e meraviglia.

Il pugilatore Creugante di Canova nel cortile del Belvedere dei Musei Vaticani

Statua di sciateore di Nicola D’Antino nello Stadio dei Marmi 1932

Testo di Lucia Giglio Foto di Eugenio Bersani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Informazioni Utili Roma

Come arrivare

PULMANN: Per chi preferisce viaggiare in pullman, ammirando il panorama, sono tantissime le compagnie che collegano Roma, sia con l’estero, che con le varie regioni d’Italia, come Puglia, Calabria, Campania, Basilicata, Abruzzo, Marche e Sicilia.

Le Stazioni principali di Roma sono la Stazione Termini (piazza dei Cinquecento) e la Stazione Tiburtina (p.zza della Stazione Tiburtina).

TRENO: La Stazione Termini, nel cuore di Roma, oltre ad una grande area Shopping&Food (abbigliamento, libri e musica, accessori, calzature, giocattoli, hi-tech, idee regali, tabacchi, occhiali, beauty) offre vari servizi, tra cui un punto informativo turistico, noleggio auto, deposito bagagli, banca e cambio, servizi igienici, oggetti smarriti. La stazione Termini è nodo d’interscambio tra la Metro A (linea rossa) e la Metro B (linea blu) della metropolitana.

AEREO: L’aeroporto principale di Roma è il Leonardo da Vinci (Fiumicino) che dista circa 26 km dal centro città che è facilmente raggiungibile. Da e per l’aeroporto di Fiumicino:

Leonardo Express, Treno regionale FL1, autobus ATRAL

AUTO: per chi arriva da nord, il modo migliore per raggiungere Roma è l’autostrada A1 Milano – Roma. Per chi arriva dalla parte ovest dell’Italia può prendere la Statale Aurelia e poi l’autostrada A12 Civitavecchia – Roma. Per chi arriva dalla Costa Adriatica può arrivare a Roma attraverso l’autostrada A24 L’Aquila – Roma.Da Sud si deve prendere l’autostrada A1 Napoli – Roma.

ROMA PASS Roma Pass, è la card turistico-culturale della Capitale che offre riduzioni e servizi ai turisti e al pubblico di curiosi per godere le bellezze di Roma. www.romapass.it

CALL CENTER 060608 info turistiche e culturali di Roma Capitale 060608 è attivo tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 al costo di una telefonata urbana.

Dove mangiare

Uno degli aspetti che non possono mai essere dimenticati quando si visita Roma è il  buon cibo. Roma ha delle solide e rinomate tradizioni culinarie e altrettanti ottimi ristoranti per scoprirle. Sono centinaia  i ristoranti della capitale e sul web si trovano le recensioni dettagliate di ognuno di questi. Noi consigliamo a Trastevere  Tonnarello Via della Paglia, 1/2/3, c’è da fare sempre un po’ di fila ma ne vale la pena sia per la qualità del cibo che per il conto mai esagerato.

Dove dormire

Hotel Mama Shelter Roma

Nuova apertura a Roma con una scelta avventurosa e geniale del  design hotel Mama Shelter in un quartiere residenziale fuori dai percorsi turistici usuali a Prati centro di Roma, alle spalle di San Pietro. Un centro differente da quello su cui si affollano stranieri  in visita all’Urbe. Una realtà giovane: giovane l’ambiente, giovanissimo il personale, ma ineccepibile l’ospitalità.

Mama Shelter Roma Via Luigi Rizzo,20 it.mamashelter.com/

Vedi articolo su www.latitudeslife.com/2021/09/roma-mama-shelter-loves-you/

Link Utili

Sito ufficiale del Comune e di Roma Capitale https://www.turismoroma.it/

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.