L’Avaro ritorna – save the date

Rieccoci, dopo i piccoli inconvenienti e i grandi tagli alla cultura, la compagnia I Ragazzoni, ritorna. Ne avevamo già parlato qualche giorno fa, e la sorpresa della chiusura del Teatro della Memoria non ha certo fermato la compagnia. L’Avaro quindi si farà; nello spazio La Casa di Alex, della serie: i teatri possono chiudere, ma l’arte e la cultura non può essere rinchiusa in nessun luogo.

L’Avaro, testo minore e atto unico di Carlo Goldoni, viene qui proposto in chiave classica, seppur con lievi ammiccamenti ai codici cinematografici, da un gruppo di giovani attori diplomatisi presso l’Accademia di formazione per attori del Centro Teatro Attivo di Milano. La Compagnia I Ragazzoni, partendo da un meticoloso lavoro sui testi, ha cercato di restituire un linguaggio proprio della tradizione teatrale italiana; Don Ambrogio classica icona dell’avaro e del rustego, dopo aver perso il suo unico fratello cerca di rimaritare la cognata senza però perderne la dote. Giocando di astuzia, da vero volpone, dovrà tener testa alle richieste dei due corteggiatori; il Conte dell’Isola e il Cavaliere degli Alberi, altrettanto astuti e ottimi pretendenti. Una commedia che si diversifica dai classici goldoniani senza però perderne lo stile e la sempre grande comicità.

Personaggi ed interpreti:
Don Ambrogio, l’avaro: Giovanni Gioia
Conte dell’Isola: jacopo Sartori
Cavaliere degli alberi: Alessandro Nicosia
Donna Eugenia: Elisa Colleoni
Don Fernando: Andrea Campanella

Regia di Giovanni Gioia

A cura di: Samantha Lamonaca

Info: Compagnia i Ragazzoni

Quando: 20 e 27 ottobre 2010  ore 21.00

Dove: Alla Casa di Alex   via Moncalieri, 5  Milano   come arrivare

Leggi anche gli altri articoli: L’Avaro a teatro

C’è puzza di censura

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.