Eritrea. Dahlak, isole di pescatori

Info utili

Informazioni e assistenza per organizzare un viaggio personalizzato secondo le proprie esigenze presso le migliori agenzie di viaggio.

Come arrivare: con i voli della Aegypt Air da Milano o Roma fino al Cairo e prosecuzione fino ad Asmara.

Quando andare – Clima: L’Eritrea è compresa tra il Tropico del Cancro e l’Equatore è quindi un paese tropicale con condizioni climatiche determinate più dall’altitudine che dalla latitudine. I mesi migliori sono da ottobre ad maggio. I mesi da evitare sono giugno, luglio e agosto perché coincidono con il periodo di maggiore piovosità

Viaggio organizzato: Kel 12 tel. 02 2818111;

Fuso orario: 2 ore in avanti, quando in Italia c’è l’ora solare, 1 ora quando c’è l’ora legale.

Documenti: passaporto con validità residua superiore ai sei mesi e visto da richiedersi alle autorità eritree competenti (Ambasciata di Roma o al Consolato di Milano). Normalmente se si viaggia con un Tour Operator è quest’ultimo a occuparsi dell’ottenimento dei visti.

Vaccini: Al momento nessuna vaccinazione è obbligatoria. Sono vivamente consigliate la vaccinazione internazionale contro la febbre gialla (vale 10 anni e deve essere fatta almeno 2 settimane prima della partenza) e la profilassi antimalarica che generalmente deve essere iniziata una settimana prima dell’arrivo sul posto e proseguita per 4 settimane dopo il rientro. Non consumare verdure crude, bere solo acqua in bottiglia e senza aggiunta di ghiaccio.

Lingua: Le lingue ufficiali sono il Tigrino, l’arabo e l’inglese.

Religione: la popolazione si divide quasi equamente tra copti e mussulmani con una leggera prevalenza dei primi.

Valuta: La valuta in corso è il Nakfa; a dicembre 2011 il cambio è: 1 € = 1,30 ERN, ma molte le fluttuazioni. Si consiglia di munirsi euro oppure dollari.

Elettricità: 220 volt, non serve l’adattatore. In generale le prese sono come in Italia ma può essere utile munirsi di spina universale.

Telefono: Per telefonare dall’Italia il prefisso è 00291, per telefonare in Italia il prefisso internazionale è 0039. Al momento non esiste copertura roaming per i GSM.

Abbigliamento: portare capi leggeri in cotone o lino. Per la sera conviene una maglia pesante, una giacca o un giubbino. Scarpe comode chiuse, occhiali da sole, asciugamano, crema antisolare, cappello, un paio di calzettoni per la visita nelle chiese copte. Per le signore sono consigliati i pantaloni o gonne comode. Si raccomanda, comunque, un abbigliamento decoroso, soprattutto visitando le zone del Paese con forte presenza musulmana. Se l’itinerario prevede pernottamenti in campo tendato è importante non dimenticare sacco a pelo leggero o sacco lenzuolo, asciugamano, carta igienica ed eventuale piccolo cuscino.

Eventi: Le manifestazioni religiose più importanti e più pittoresche sono concentrate intorno alle festività cristiane copte come il Timkat (Epifania) che si festeggia il 19 gennaio, e il Meskel (Ritrovamento della Vera Croce) il 27 settembre. Tra le altre festività citiamo il Kiddus Yohannes (Capodanno copto) l’11 settembre e il Leddet (Natale) il 7 gennaio.

Sfoglia il magazineVai alla photogallery Scarica il pdf

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.