Trekking in Alto Adige: l’itinerario della Val Primavera

alto adige

Trekking, nordic walking, arrampicata, birdwatching: l’Alto Adige con la stagione estiva si risveglia in un’oasi verde dal denso profumo di fiori e paesaggi boschivi, in cui perdersi nella cartolina di montagne senza tempo o tra gli chalet dove assaggiare le stuzzicanti prelibatezze della cucina regionale. L’itinerario della Val Primavera si estende tra il Lago di Caldaro e il Lago Monticolo, snodandosi lungo sentieri illuminati da una flora esuberante. Mughetti e bucaneve in fiore: non c’è bisogno di dire che quando le nevi invernali si sciolgono e i germogli sbocciano tra i primi tepori primaverili è il momento migliore per una passeggiata nella valle, che, trovandosi in una conca paludosa, presenta un terreno e un clima realmente peculiari. Se capitate in questa zona per una giornata dedicata al trekking ricordatevi che la zona è un’aerea protetta, dunque è proibito raccogliere i fiori: potrete deliziarvi nel vivo dei loro profumi, scattando fotografie (soprattutto mentali!) indimenticabili.

Un sentiero vi condurrà fino al Lago di Caldaro, dove le montagne incontrano alcuni dei vigneti più celebri d’Europa. Caldaro, che possiede una splendida vista sul lago, è infatti un villaggio vitivinicolo dove incontrerete i caldi sapori della ricca cucina del Sudtirolo, insieme a paesaggi dove la natura si confondo con il profilo degli antichi castelli e manieri dell’Alto Adige. Da non perdere una visita al Museo del vino e, naturalmente, a una delle numerose cantine vinicole, dove avrete il piacere di assaggiare etichette prestigiose della zona.

Il borgo di Monticolo sfugge all’orizzonte, con i suoi due laghi cirondati dai boschi e tesori storici quale la chiesa parrocchiale in stile neo gotico, consacrata ai tre Re Magi, con la campana, ancora in funzione, risalente al 1505. Durante l’estate a Monticolo si svolge la manifestazione enogastronomica I bianchi di Monticolo, mentre il paese ospita una folla di viaggiatori in cerca dei sapori di un Alto Adige in festa per la bella stagione che ritorna: il profumo del gulash e dei tradizionali canederli si mescola al sapore delle erbe spontanee, come ortiche e spinaci, che invadono le montagne insieme ai cespugli di fiori, entrando nel vivo di un’enogastronomia dai sentori preziosi, capace di utilizzare la fresca prelibatezza di ingredienti a km zero. Anche i bambini potranno esplorare la montagna praticando percorsi trekking a bassa difficoltà, nella scoperta di nuovi sport e attività tra queste montagne dal respiro immenso: voi non dimenticate un paio di occhiali da sole, un foulard per proteggervi dal vento e un paio di scarpe tecniche, vecchie e comode, per attraversare queste valli assaporandone i paesaggi a perdita d’occhio e l’inebriante forza dell’aria limpidamente incontaminata.

Maddalena De Bernardi

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.