Milano si rivela in un libro

di Giulia Castelli Gattinara

Sbarcano a Milano le guide 111  della casa editrice Emons, specializzata in audiolibri e approdata sulla carta stampata con questa sgargiante e insolita collana “metropolitana” in tre lingue dedicata alle città europee a al loro lato “B”. Già note all’estero, in Italia Milano è il secondo titolo dopo la  capitale, a cui presto si aggiungerà Venezia. Volutamente esclusi i musei e i monumenti famosi, d’altronde  già ampiamente descritti dalle guide turistiche classiche, le 111 propongono uno stile esperienziale ironico  e disinvolto, che si rivolge a un turista che non vuole sentirsi tale. Un forestiero che frequenta la città per  lavoro o per studio qui troverà una valigia piena di indirizzi, di incontri e di racconti per insolite passeggiate  metropolitane. 111 luoghi che raddoppiano, dato che per ogni meta viene suggerita una curiosità nelle  vicinanze: beviamoci pure un Camparino in Galleria, ma non rinunciamo agli squisiti panzerotti farciti di  Luni che stanno lì a due passi. Ogni luogo ha una scheda corredata da fotografie e informazioni utili per  raggiungere la meta con la metro o l’autobus. Pagina dopo pagina, anche il milanese doc – ammesso che  ancora ce ne siano –  troverà di che sorprendersi: dalla strada del serial killer allo studio di un famoso designer in piazza Castello, dai salumi austro-ungarici del signor Peck ai pugili che si affrontano in cima alle  guglie del Duomo.  Ecco allora i locali della Milano da bere a Brera, il mercato delle pulci sui navigli, il Bosco Verticale di 26  piani, lo spazio di coworking dove incontrarsi,  la montagnetta per fare jogging la domenica mattina,  il  corso di cucina con lo chef, la birra open source, la pista ciclabile, gli orti condivisi e la terrazza del 39° piano per ammirare dall’alto lo skyline dei nuovi grattacieli con il profilo del Monte Rosa sullo sfondo.

Difficile annoiarsi in questa caccia al tesoro ricca di spunti e di eccellenze, spesso nascoste nei cortili delle case, in una sala di un museo secondario o dentro un supermercato. È l’altra faccia di una Milano esclusiva nei salotti privati, molto tradizionale a una prima della Scala, che però sa essere ironica abbastanza da commissionare al più irriverente degli artisti una scultura davanti al palazzo della Borsa. Ambiziosa, creativa, modaiola, la capitale della finanza italiana ama ritrovarsi in cascina per una vita slow all’insegna della solidarietà. Mangia bene con un menù chic and quick e scrive poesie in corso di Porta Ticinese. Trasforma un hangar industriale in laboratorio di arte contemporanea, si rivela dietro le quinte di un teatro o dentro il caveau di una banca, è sfacciata e bizzarra come le facciate liberty dei suoi palazzi, insommauna città che sorprende quando meno te l’aspetti. Mai banale, da scoprire luogo per luogo magari in un fine settimana dedicato a questa bellissima e interessante città. Arrivare a Milano è semplice o in auto, o in treno o con diversi voli al giorno dalle principali città europee.

SCHEDA LIBRO
Titolo: 111 Luoghi di Milano che devi proprio scoprire
Autore: Giulia Castelli Gattinara con fotografie di Mario Verin
Editore: Emons
Pagine: 240
Prezzo 14,95
Lingua: italiano-tedesco-inglese
111 schede a colori corredate da fotografie e mappe.

Foto Web| Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.