Messico: tempio riemerso per la siccità

Non c’è stato bisogno di ricerche o di scavi per riscoprire il Tempio di Quechula, nello stato del Chiapas, estremo sud del Messico. Ha fatto tutto la natura, in uno spettacolare intreccio con la storia. L’incredibile evento è stato reso possibile dal fenomeno climatico El Niño, che ha portato una significativa diminuzione delle piogge e un abbassamento del livello del fiume Grijalva, il secondo più grande del Paese. E così il tempio è riemerso dalle acque che lo avvolgevano tra lo stupore generale. Questa struttura imponente (larga 14 metri, lunga 61 e alta 10, con un campanile di 16) da qualche giorno ha modificato il paesaggio e la vita degli indigeni zoques che abitano la zona, rapidamente passati da pescatori a guide turistiche.

Il tempio riemerso, un tempo inghiottito dall’acqua di un’inondazione nel 1966 a seguito della costruzione della diga di Malpaso, era riemerso per la prima volta nel 2002, in circostanze simili. Dagli studi effettuati proprio in quell’occasione, storici e archeologi ipotizzano che la chiesa fu eretta nel XVI secolo da un gruppo di evangelizzatori guidati dal frate spagnolo Bartolomè de Las Casas per essere poi abbandonata tra il 1773 e il 1776 a causa di ripetute epidemie di peste che colpirono le comunità stabilitesi nei pressi della chiesa, come confermerebbero gli ossari ritrovati al suo interno.

Molti i misteri che avvolgono il tempio e che suscitano polemiche riguardo alla scarsa considerazione da parte dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia. La collocazione lungo la Strada dei Re, costruita dai conquistadores spagnoli e ancora in uso nel XX secolo, fa pensare che la Chiesa fosse stata progettata come un centro religioso importante ma in realtà non fu mai molto frequentata. Il nome Tempio di Santiago con il quale era conosciuta deriverebbe invece dall’organizzazione della comunità che popolava l’area circostante, ripartita in quattro villaggi, ognuno dedicato ad un Santo.

 

di Giorgia Gariboldi | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.